Vitamina D: i benefici

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La vitamina D è una vitamina quasi "miracolosa", una sorta di panacea, grazie alle sue eccezionali proprietà. Una sua eventuale carenza può comportare grossi rischi per la salute, infatti negli adulti può provocare una vera e propria malattia chiamata "osteomalacia", con conseguente indebolimento delle ossa, nei bambini, invece, si può arrivare persino al rachitismo. Tuttavia non bisogna credere che la vitamina D possa essere assunta in qualsiasi dose. Esistono, infatti, delle dosi giornaliere raccomandate, poiché un eccesso potrebbe essere dannoso per il cuore, le arterie e i reni. Sarà opportuno, dunque, effettuare le giuste analisi del sangue ed assumere la dose necessaria di vitamina D, non solo attraverso integratori ma, soprattutto, attraverso l'alimentazione giornaliera. Per un buon apporto di vitamina D, dovremo mangiare più spesso il pesce, le uova, il tuorlo in modo particolare, il burro, il fegato e anche grassi animali. Saranno, inoltre, da preferire le carni bianche, come il tacchino o il pollo, più ricche di vitamina D. Esponiamoci al sole, con le dovute precauzioni, e facciamo sì che i suoi raggi non solo ci regalino una bellissima abbronzatura ma che facciano soprattutto bene alle nostre ossa che sono le più colpite in mancanza di vitamina D. Vediamo, allora, alcuni tra i principali benefici, per il nostro organismo, di mantenere alti i livelli di vitamina D.

27

Rinforza le ossa

La vitamina D rientra nel gruppo delle vitamine dette "liposolubili" ed è prodotta anche endogenamente dal nostro organismo grazie all'aiuto dei raggi del sole. In primis, dunque, la vitamina D è un grosso alleato delle nostre ossa. Fin dall'infanzia, infatti, essa fa sì che l'organismo assorba il calcio necessario a rendere la struttura ossea più forte, evitando così anche rischi di fratture. Nei bambini, già fin dai primi mesi di vita, sarà necessario integrare questa vitamina per scongiurare il pericolo del rachitismo, di cui abbiamo accennato prima. In età avanzata, invece, ed in particolare nelle donne in menopausa, previene il rischio dell'osteoporosi, altra malattia che colpisce le ossa a causa proprio della mancanza di questa vitamina, oltre che per carenze di calcio.

37

Previene la sclerosi multipla

Alcuni recenti studi hanno teorizzato che le persone che vivono in posti poco raggiunti dai raggi solari si ammalino più frequentemente di sclerosi multipla. In particolare, i livelli di vitamina D presenti nel sangue sarebbero in grado di predire l'evoluzione della malattia, con progressioni notevolmente ridotte nei pazienti con un buon livello di questa vitamina. È una teoria questa ancora tutta da dimostrare, ma nel dubbio preveniamo e assumiamo le giuste quantità di vitamina D quando il nostro organismo non riesce a produrne a sufficienza.

Continua la lettura
47

Combatte la depressione

Si è notato, inoltre, che la vitamina D è anche un ottimo antidepressivo naturale. Certo, la sua sola azione non basta, ma la sua presenza stimolerebbe la produzione di endorfine, il cosiddetto ormone della felicità, la serotonina, l'ormone del benessere, e l'ossitocina, l'ormone del piacere, migliorando il tal modo lo stato emotivo e psicologico dei pazienti. Aumenterebbe, inoltre, anche la produzione di vasopressina, l'ormone della fedeltà, con miglioramenti, in questo caso, delle relazioni sociali e sentimentali.

57

Indica il rischio cancro

C'è poi un altro settore della medicina che studia la correlazione tra vitamina D e cancro al colon, alla prostata e al seno. Si tratta di studi ancora in corso e avviati da poco tempo, quindi bisognerà attendere ancora per sapere se esiste davvero un rapporto tra cancro e carenza di vitamina D, oppure si tratta solo di un indicatore di "benessere", ossia una sorta di sintomo, con una relazione inversamente proporzionale tra i livelli di vitamina di D il rischio di cancro.

67

Previene l'infarto

Grazie alla vitamina D, inoltre, è possibile ridurre notevolmente l'ipertensione e con essa il rischio di infarto, ictus e cardiopatie in generale. Secondo una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition, aumentando la quantità di vitamina D nell'organismo, si avrebbe una riduzione del rischio di patologie cardiovascolari di circa il 10%, per ogni 10 nanogrammi di vitamina D in circolo in ogni millilitro di sangue, ed una conseguente diminuzione di circa il 12% di morte dovuta proprio a questo tipo di patologie. Lo studio è ancora in corso e ci vorrà tempo per approfondire ogni aspetto della teoria, ma le premesse sembrano essere promettenti.

77

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

Proprietà e benefici dei semi di melone

Solitamente quando si acquista un melone nessuno pensa al fatto di utilizzare anche i semi, ma si limita a mangiarne la polpa. In questa lista metterò in evidenza alcuni aspetti dei semi di melone, primo fra tutti che sono commestibili e che hanno tante...
Salute

I benefici della pressoterapia

Avere cura del nostro fisico, sia dal punto di vista della salute che da quello estetico, è di fondamentale importanza. Farlo ci permette di essere più sicuri di noi stessi e di avere più energie per affrontare la vita. Non solo: un altro vantaggio...
Salute

Proprietà e benefici dell'inulina

Che cos'è l'inulina? È un elemento che si ricava dalle radici e dalle parti aeree di una pianta selvatica erbacea che fa parte della famiglia delle asteracee, note anche come composite (il cui nome botanico è Cichorium intybus). Si tratta di una fibra...
Salute

I principali benefici della crioterapia

La crioterapia, parola che deriva dal greco e che significa "terapia del freddo", ha le sue radici nella medicina antica dove veniva già utilizzata per trattare alcune problematiche mediche. È andata poi via via diffondendosi fino ad arrivare ai giorni...
Salute

5 benefici dell'acqua e miele

Quando abbiamo qualche piccolo disturbo di salute, non dobbiamo sempre ricorrere a farmaci e medicinali. Naturalmente dobbiamo sempre seguire i consigli del nostro medico di fiducia, ma spesso anche i vecchi e cari rimedi della nonna ci aiutano molto...
Salute

Riflessologia plantare: 5 benefici

La riflessologia plantare è una pratica tra le terapie alternative che di fatto ha origini antichissime in quanto prassi consolidata nella tradizione cinese.L'utilizzo di questa pratica in Occidente si deve al dr. William Fitzgerald che all'inizio del...
Salute

I benefici dell'attività fisica negli anziani

Le proprietà benefiche dell'attività fisica sul corpo umano sono note fin dall'antichità. Furono infatti gli antichi romani ad inventare la celebre frase: "Mens sana in corpore sano" che tradotta significa: "Mente sana in corpo sano". Secondo loro...
Salute

Farina di riso: benefici e proprietà

La farina di riso è ricca di proprietà ed offre molti benefici all'organismo umano. Largamente consumata nel Sud-Est asiatico, in Giappone e nell'India meridionale, la farina di riso si ottiene macinando il grano spezzato durante la fresatura. Il suo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.