Trasferimento di lavoro: come affrontarlo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Molte aziende operanti sul territorio del nostro paese stanno purtroppo vivendo una fase di crisi economica abbastanza pesante e duratura che in molti casi arriva anche a mettere in discussione la loro stessa esistenza. Sono notizie quasi quotidiane la chiusura di aziende o spesso il fatto di dover essere costrette a far ricorso a strumenti quali la cassa integrazione.
Oggi perciò è un compito molto arduo riuscire a trovare un posto di lavoro a tempo indeterminato e spesso, proprio per questo motivo, chi ha una simile tipologia contrattuale cerca bene di tenerselo stretto anche a fronte di dover sopportare cambiamenti improvvisi e drastici come per esempio un trasferimento.
Quella della gestione di un trasferimento sarà sicuramente un esperienza stressate da affrontare, in modo particolare se ciò implicherà uno spostamento all'estero, lontano da casa propria e dai propri affetti, oppure in una nuova sede societaria.
Questa breve guida cercherà di fornire alcuni consigli a quelli che si vedranno costretti ad accettare tale cambiamento, provare ad affrontarlo usando al meglio le proprie capacità, ma sempre avendo la consapevolezza che ci si troverà obbligati a dover cambiare ritmi, abitudini e a volte anche amici e frequentazioni.

26

Occorrente

  • Umiltà. Coraggio. Tenacia
36

Considerare il trasferimento come un'opportunità

Bisogna innanzitutto partire dal presupposto che un trasferimento lavorativo va visto come una nuova opportunità e non invece come un qualcosa di negativo.
Se la nuova sede dovesse risultare troppo distante dalla propria abitazione, il consiglio è quello di scartare da subito l'idea di fare i pendolari; ciò per evitare un ulteriore logorio dovuto ai viaggi quotidiani ed invece cercare immediatamente una soluzione più stabile come l'affitto di una casa nei pressi della nuova sede lavorativa.
Valutare, specialmente tenendo conto del proprio stipendio, l'affitto di un'abitazione in "cohousing" cioè una formula di accordo in cui più persone dividono lo stesso appartamento a fronte di una ripartizione delle spese comuni.

46

Integrarsi nel nuovo posto di lavoro

Pianificare con sufficiente anticipo la delicata fase del trasloco. Cercare di minimizzare lo stress derivante da questa fase ed una volta conclusa, ci si potrà tuffare con maggiore serenità nel nuovo ambiente lavorativo. Cercare di dare subito una buona impressione, dimostrandosi amichevoli e cordiali ed offrire sempre la propria disponibilità lavorativa.
Se la nuova sede è all'estero bisognerà essere pronti anche ad affrontare altre tipologie di problemi come le differenze culturali a cui bisognerà necessariamente adattarsi.
Sarà molto utile ed importante trovare una persona con cui relazionarsi, con cui simpatizzare e alla quale potersi appoggiare per ricevere consigli e suggerimenti. Cercare sempre di bilanciare bene il proprio modo di rapportarsi agli altri: non essere esageratamente invadenti e né tantomeno riservati.
Avere rispetto per i ruoli e per le gerarchie aziendali sarà fondamentale sia per mantenere buoni rapporti con tutti ed anche per evitare antipatici e poco produttivi conflitti sul posto di lavoro.
Una volta che si sarà instaurato un clima disteso, risulterà più facile l'adattamento alla nuova vita nonché la ricerca di nuovi spunti che la rendano piacevole almeno quanto la realtà che si è appena lasciata alle spalle.

Continua la lettura
56

Conclusioni e consigli finali

Il trasferimento di lavoro è spesso vissuto come momento traumatico e fonte di stress. Tuttavia, con poche e semplici accortezze si potrà imparare a convivere con la nuova realtà prima del previsto ed apprezzare una nuova situazione di vita. Come già detto, la nuova condizione lavorativa dovrebbe risultare, al contrario, come una vera e propria opportunità da cogliere per aprire nuovi orizzonti e magari rafforzare legami (familiari e lavorativi) magari ormai deteriorati dal tempo. Occorre prendere questa nuova "scelta" come un interessante opportunità di cambiamento e di crescita professionale oltre che umana.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un cambiamento potrebbe rappresentare una nuova opportunità! Pensaci!

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come accorgersi del born out da lavoro

Il born out da lavoro è una sindrome che colpisce indistintamente tutti quei soggetti che nutrono alcuni sentimenti negativi verso il lavoro stesso. Etimologicamente, la parola born out, significa "andare in cortocircuito", segnalando gia ampiamente...
Psicologia

5 consigli per prepararsi ad un colloquio di lavoro

Quante volte avete mandato curricula, on line o portati direttamente a mano, ma non avete avuto alcuna risposta? Purtroppo questa "pratica" è molto diffusa negli ultimi anni: non perché il datore di lavoro non voglia scegliervi, nonostante le vostre...
Psicologia

Stress da lavoro: 5 consigli per superarlo

È importante sicuramente andare al lavoro con lo spirito giusto, per non ritrovarsi ad essere pieni di ansia, di stress e di pensieri negativi che riguardano il vostro lavoro. Sicuramente non è assolutamente facile trovare un lavoro adatto ad ogni persona,...
Psicologia

Le 5 cose che fanno rilassare al rientro dal lavoro

Una giornata interamente dedicata al lavoro è ciò che di più stancante possa esistere per molte persone, specie se hanno un impiego full time. Rientrando a casa, si ha finalmente del tempo per se stessi e ci si può concedere il meritato relax, dopo...
Psicologia

Come conciliare lavoro e vita sentimentale

Il tema del work-life balance è sempre piú d'attualitá e non riguarda solo coloro che desiderano sia una carriera di successo che una relazione seria, ma anche tutte quelle figure professionali per cui la settimana lavorativa non è costituita dalle...
Psicologia

Come affrontare l'ansia del primo giorno di lavoro

Dopo tanta fatica e tanta preparazione, finalmente anche noi abbiamo un lavoro. Trovare un impiego è l'obiettivo fondamentale per garantirsi una vita indipendente. Ha inizio una nuova esistenza, in cui sfruttare tutte le nostre migliori conoscenze e...
Psicologia

Consigli per affrontare un conflitto sul lavoro

Il campo lavorativo, si sa, nasconde spesso una conflittualità latente che può esplodere da un momento all'altro, peggiorando di molto le condizioni lavorative e l'umore di ciascuno di noi. Se da un lato avere dei problemi con uno o più colleghi può...
Psicologia

Consigli per mantenere la calma durante una discussione al lavoro

Capita sicuramente a tutti di noi avere delle giornate nere, già dalla mattina sentiamo che qualcosa non andrà bene e arriva proprio in quella giornata qualcuno che ci fa perdere la pazienza e si apre una discussione. Questo caso a volte accade anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.