Trasferimento all'estero: come gestire il cambiamento

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Sempre più spesso sentiamo di persone, che deluse dal proprio paese decidono trasferirsi all'estero, con la speranza di trovare un sistema organizzativo migliore, che vada incontro alle loro esigenze, e che sia in grado di offrire loro, delle opportunità, essenzialmente lavorative. Questa decisione viene presa principalmente da ragazzi giovani, che hanno appena terminato gli studi; ma non solo, infatti sono molto frequenti anche pensionati (che vogliono godersi una pensione in un paese più economico) e persone di mezza età che tentano di aprirsi delle attività. In questa guida si andranno a toccare i temi del trasferimento, e di come gestire questo cambiamento di vita.

24

Quali sono i primi passi da compiere

Questo tipo di decisione, ti porta ad un grosso cambiamento: perché non potrai fare più affidamento sulla sicurezza che ti dava "il nido familiare" tua famiglia, e non potrai contare, nella presenza (fisica), di amici che ti hanno sempre accompagnato nelle scelte e nelle avventure che hai affrontato durante la tua vita. Quindi, il primo ostacolo che si affronta è inevitabilmente la solitudine e la mancanza di certezze che hai sempre avuto. Il primo passo da compiere è sicuramente quello di inserirsi in un contesto lavorativo, dove potrai conoscere nuove persone che ti possono dare dei suggerimenti utili sulla città dove ti sei trasferito, e che possono rappresentare un nucleo di conoscenti con i quali potrai iniziare ad instaurare un rapporto di amicizia.

34

Come affrontare le difficoltà oggettive che questo trasferimento comporta

Naturalmente quando si cambia paese, mutano molti aspetti nella vita quotidiana: a partire dal clima, dalla lingua e dalla cultura diversa. Il clima, con temperature maggiori o minori a seconda di dove ci si è trasferiti, rispetto al tuo luogo d'origine, è un aspetto che sicuramente, in maniera soggettiva, può destare i primi turbamenti. Ma in questo caso, è una questione meramente di abitudine, per cui non fatevi prendere dallo spavento, è solo una questione, per fare un gioco di parole, di tempo. Il fattore lingua, invece, va preso con i dovuti accorgimenti: è importante, trovandovi in una nazione diversa, essere in grado di comunicare con le nuove persone che vi circondano, per poter interagire serenamente. In ultimo, la cultura. Beh, ogni paese ha la propria storia, ha le proprie credenze e idee. È importante conoscere questi aspetti, per riuscire a comprendere la mentalità degli abitanti, e riuscire quindi, ad integrarsi al meglio, all'interno della comunità.

Continua la lettura
44

Come superare la paura di cambiare vita e lavoro

Vederci all?estero, o in un lavoro completamente diverso da quello che svolgiamo e per cui ci siamo formati, significa fare un salto nel buio, anche solo con la mente. L?immagine che vediamo davanti a noi risulta un po? sfuocata e, anche se è normale che così sia, ci spaventa l?idea di investire tempo, energie e magari anche soldi, per qualcosa che noi stessi non riusciamo a vedere chiaramente.
La paura di non essere in grado, di non riuscire a farsi conoscere, di non avere le giuste capacità, sono le paure più frequenti che ricorrono in chi commette una tale scelta. L'unico modo di superare tutte queste paure fisiologiche, è quello di affrontarle a viso aperto, creandovi degli obiettivi, dei piccoli sogni da raggiungere, e non lasciandovi frenare da questo sentimento che punta a limitarvi.
Citando un famoso scrittore, ricordatevi che "la vita è al di là della paura".

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come imparare a gestire le emozioni

Gli esseri umani per quanto forti fisicamente e dotati di una certa intelligenza, sono tuttavia vulnerabili in presenza di situazioni che possono generare delle emozioni che diventano poi difficili da gestire. Il problema se possiamo definirlo tale, si...
Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
Psicologia

Come gestire le persone difficili

Le persone difficili sono quelle che possono essere descritte come invadenti, scortesi, egoiste, pettegole e meschine. Avere a che fare con loro risulta sempre molto difficile perché questa tipologia di persone agisce come un vero e proprio vampiro energetico...
Psicologia

Come gestire la propria impulsività

Se ci accorgiamo di essere eccessivamente impulsivi nel reagire alle situazioni che si presentano quotidianamente, può essere necessario prendere dei provvedimenti per migliorarsi. L'agire in modo istintivo, senza pensare alle conseguenze delle proprie...
Psicologia

5 modi per gestire la rabbia

La rabbia è semplicemente una delle emozioni a disposizione di cuore, mente e corpo dell'essere umano, ma quando si fa viva troppo spesso e in modo troppo insistente e aggressivo può diventare un problema. Se stai leggendo queste righe, probabilmente,...
Psicologia

Come imparare a gestire la rabbia

La rabbia è uno stato psichico che viene generato da alcune provocazioni capaci di eliminare i freni inibitori che in condizioni normali vanno a stemperare le scelte di un soggetto. La rabbia è quindi un stato d'animo che non fa bene all'uomo per cui...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.