Tormentilla: utilizzi e proprietà curative

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Ci sono molte persone che considerano la medicina tradizionale incapace di curare determinati disturbi, come fanno invece diversi rimedi naturali, che sono composti principalmente da erbe curative particolari. A differenza dei farmaci classici, infatti, le erbe curative sono in grado di trattare, tramite le proprietà intrinseche in esse, diverse patologie e di aiutare l'organismo a sentirsi meglio. Prima di utilizzare questo tipo di piante curative, tuttavia, è necessario consultare gli esperti nelle erboristerie, oppure direttamente il proprio medico curante, in maniera tale da assicurarsi che questi medicinali non siano nocivi per l'organismo e per stabilire quale dosaggio utilizzare. L'erba curativa che andremo ad analizzare nei passi seguenti di questa guida è la tormentilla, della quale vedremo i principali utilizzi e le proprietà che la caratterizzano..

27

Occorrente

  • Tormentilla, preparati e infusi
37

La tormentilla è un'erba perenne che si ritrova generalmente nei pascoli, nei prati e nelle radure delle regioni alpine europee ed asiatiche, e la si può trovare fino ad un'altitudine di 2200 metri. È caratterizzata da un fiore a quattro petali di colore giallo che presenta un margine incavato alla sommità, e ha un'altezza che può variare dai 10 ai 40 centimetri. Generalmente viene fatta crescere almeno fino ai 30 centimetri per fare in modo che possa assorbire tutto il nutrimento del terreno. Così facendo, infatti, si accentueranno quelle che sono le sue proprietà curative. La sua radice è inizialmente gialla, mentre si colorerà di rosso soltanto quando viene tagliata. Una curiosità particolare è che quest'ultimo fenomeno viene anche sfruttato per fabbricare l'inchiostro rosso.

47

Le proprietà antinfiammatorie, antidolorifiche e lenitive della tormentilla risultano particolarmente utili per poter curare le ulcere della bocca, le infezioni delle gengive, le emorroidi, le emorragie interne ed esterne e le ragadi. Sarà sufficiente andare a preparare un decotto di tormentilla con la radice essiccata di quest'erba. Inoltre, i suoi impieghi medici possono contribuire alla cura delle infezioni batteriche alla gola, quelle alla cavità orale, i problemi digestivi e intestinali in generale, il mal di denti, e può addirittura abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Altri metodi che consentono di tratte benefici e di curarsi con la tormentilla sono quelli che consistono nell'assumere 10 gocce di tintura o 30 gocce di estratto di tormentilla in un bicchiere d'acqua, e bere il tutto 3 volte al giorno. Oppure, ancora, possono essere effettuati degli impacchi con la tisana o con la tintura per trattare eventuali ferite esterne.

Continua la lettura
57

Ovviamente, bisogna sapere che esistono anche delle controindicazioni all'uso della tormentilla. La prima cosa che bisogna sapere è che non bisogna in alcun modo utilizzare dei recipienti di ferro per conservare o preparare gli infusi di tormentilla. In questo modo si eviteranno effetti indesiderati, e di alterare le proprietà curative della pianta. Inoltre, non va utilizzata per trattare la colite ulcerosa, ma in ogni caso bisogna sempre richiedere un controllo medico e il parere di un esperto in erboristeria. Come ogni altra erba o farmaco antiemorragico, anche la tormentilla va utilizzata con parsimonia, in maniera tale da evitare che si verifichino effetti nocivi sul corpo umano.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • consultare un esperto o il medico curante
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Lunaria annua: utilizzi e proprietà curative

La lunaria annua (conosciuta popolarmente con il termine di “Moneta del Papa”) è una pianta facente parte della famiglia delle “Brassicaceae”. Fu classificata per la prima volta dal famoso biologo Carl Von Linné ed è conosciuta anche con la...
Rimedi Naturali

Tarassaco: utilizzi e proprietà curative

L'utilizzo di sostanze prodotte in laboratorio può essere fastidioso per qualcuno che vuole essere curato usando sostanze naturali e non nocive per la salute, dato che può esserci l'inusuale pensiero che le sostanze "non naturali" siano nocive e causino...
Rimedi Naturali

Ruta: utilizzi e proprietà curative

Le erbe naturali possono essere trovate anche nelle normali erboristerie che hanno tutte le conoscenze degli utilizzi e delle proprietà delle piante che vengono vendute in esse. Si deve, però, tenere presente che, oltre agli effetti benefici che le...
Rimedi Naturali

Agrimonia: proprietà curative e utilizzi

L´agrimonia è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Rosaceae note fin dall´antichità per le loro proprietà curative. La specie più comune è l´Agrimonia eupatoria, nota anche come erba di S. Guglielmo, erba del taglio o erba vettonica....
Rimedi Naturali

Erba sofia: utilizzi e proprietà curative

L’erba sofia (conosciuta scientificamente con il nome di Descurainia Sophia) è una pianta che fa parte della famiglia delle “Brassicaceae”. Essa è originaria e diffusa in particolar modo in Africa settentrionale e in Asia meridionale. Il primo...
Rimedi Naturali

Erba di San Pietro: Utilizzi e proprietà curative

L’erba di San Pietro (conosciuta scientificamente con il nome di Tanacetum Balsamita) è una pianta che appartiene alla famiglia delle “Composite”. Quest’arbusto è originario del Caucaso e dell’Asia Occidentale. In alcune zone dell’Italia...
Rimedi Naturali

Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della...
Rimedi Naturali

Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.