Test kinesiologico per le intolleranze alimentari

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La kinesiologia è lo studio dei movimenti del corpo che unisce l'osservazione delle reazioni dei muscoli con i concetti della medicina cinese di qi e di meridiani. Il professionista applica una pressione manuale a un dato muscolo del corpo del paziente e stabilisce, grazie alla reazione del muscolo, se è in atto un blocco dell'energia nel meridiano che si interseca con esso. Il test si basa sul principio che molti muscoli sono collegati a determinati organi e ghiandole e dunque le debolezze muscolari segnalano problemi interni. Si utilizza per diagnosticare numerosi disturbi mentali e fisici, tra cui, quelli dell'alimentazione; il test kinesiologico per le intolleranze alimentari è molto utile per capirne le cause.

27

Occorrente

  • kiniesologo
37

Sintomi di intollerenza alimentare

Molti sintomi che ci rendono la vita difficile possono essere ricondotti alla nostra alimentazione; i primi sintomi di un'intolleranza alimentare includono: problemi cutanei, insonnia, sindrome dell'intestino irritabile, stanchezza, affaticamento, mal di testa, problemi di peso, sinusite, depressione, gonfiore, ansia, dolori muscolari, articolari e tendinei, indebolimento del sistema immunitario, ritenzione idrica, cellulite, ulcere gastroduodenali, coliti spastiche, cefalea, asma, perdita di memoria. Queste intolleranze potrebbero non risultare da test cutanei o del sangue, per cui, se i sintomi dovessero persistere dopo aver consultato i medici appropriati, forse stiamo mangiando o bevendo qualcosa che il nostro corpo e il nostro spirito non riescono a gestire bene e questa potrebbe essere la causa dei nostri problemi.

47

Test del cibo incriminato

Il test si svolge in questo modo: un campione del cibo "incriminato" viene posto all'interno della bocca del paziente oppure viene messo in una sorta di contenitore che il paziente poi terrà in mano. Il paziente alza le braccia e il professionista tenta di spingerle verso il basso; se il braccio resiste oppure si flette leggermente vuol dire che va tutto bene mentre se il braccio barcolla e si piega in un modo che il professionista reputa "inappropriato", il cibo interferisce con il nostro qi e non ci fa star bene.

Continua la lettura
57

Fisico sottoposto a stress

Un'intolleranza non dipende unicamente dal cibo che ingeriamo infatti se mangiamo qualcosa che ci provoca una reazione e un'altra persona mangia lo stesso alimento senza alcun effetto, allora c'è qualcosa di diverso nel nostro corpo. Un fisico sottoposto a stress quotidiano ha molte più probabilità di soffrire di intolleranze di uno che invece non lo è. Un kinesiologo si offre come supporto per il benessere del nostro corpo con dei trattamenti olistici, dando la possibilità di continuare a condurre una dieta normale e non limitata. Tra le tecniche utilizzate la più diffusa e conosciuta è l'agopuntura in alcune parti stabilite del corpo che permetterà allo stesso di riconoscere la sostanza che ci causa fastidi ed a utilizzarla correttamente.

67

Rivolgersi a professionisti del settore

Se hai i disturbi sopraelencati non aspettare che questi sintomi peggiorino ma rivolgiti a dei professionisti seri che, tramite esami, cercheranno di capire le cause che scatenano le reazioni avverse del tuo corpo verso determinate sostanze. Spesso si tende a voler eliminare tutti i possibili alimenti che causano fastidio ma si rischia di togliere sostanze indispensabili al nostro organismo per il suo perfetto funzionamento per cui segui ciò che ti viene detto dai medici e non voler fare di testa tua.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Come motivare se stessi a non cedere alle tentazioni alimentari

Sono molte le persone che desiderano mettersi a dieta, ma trovano difficile rinunciare ai loro piaceri. La causa, molte volte è la scarsa motivazione. Ecco perché è importante avere la spinta giusta per mantenere un certo rigore. Per non cadere in...
Alimentazione

Come modificare le cattive abitudini alimentari

Un’alimentazione corretta ed equilibrata è alla base di una vita sana ed efficiente, indispensabile per il corretto funzionamento dell’intero organismo umano. Inoltre, alimentarsi in modo bilanciato consente di garantire un buon livello di benessere...
Alimentazione

Vitamina D: funzioni e fonti alimentari

Bisogna prendersi sempre cura del proprio corpo cosicché l'organismo possa rispecchiarsi all'esterno in tutta la sua bellezza. Per far sì in modo che questo accada è bene seguire una corretta alimentazione integrando, se è il caso, delle giuste quantità...
Alimentazione

Mal di gola: errori alimentari da evitare

Il mal di gola è una situazione spiacevole a cui tutti noi, prima o poi, andiamo incontro. Si tratta più propriamente di un'infiammazione acuta delle componenti linfonodali che si trovano nella porzione posteriore dell'orofaringe (tonsille) denominata...
Alimentazione

Come scoprire l’intolleranza al glutine

Oggigiorno sono moltissime le persone che scoprono anche in età adulta di essere intolleranti al glutine, una proteina presente in moltissimi alimenti. L'intolleranza al glutine può trasformarsi in qualcosa di più serio, ossia la celiachia, che non...
Alimentazione

Guida agli alimenti privi di nichel

Il dolore allo stomaco, il gonfiore e altri sintomi fastidiosi possono essere causati dalle allergie e dalle intolleranze alimentari. Spesso però non sono gli alimenti in sè a causare allergie ed intolleranze, ma bensì le sostanze in essi contenute....
Alimentazione

Alimenti da evitare per allergie alle graminacee

Negli ultimi tempi sono molto più diffuse le allergie alimentari dovute a svariati motivi spesso inspiegabili. Il corpo non tollera alcune sostanze alimentari, tra cui quelle che derivano dalle cosiddette graminacee. Solitamente in linea generale quando...
Alimentazione

Cibi che contengono istamina

L'istamina è una sostanza reperibile in tutti gli organismi vegetali e animali, compreso l'uomno. L'istamina è un composto azotato che è ampiamente diffuso nell'organismo. Essa riveste un ruolo importante per il sistema immunitario perché lo difende...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.