Tarassaco: proprietà e utilizzi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il tarassaco è generalmente conosciuto per le sue capacità infestanti (a chi di noi non è mai capitato di maledirlo per essersi moltiplicato nel nostro giardino, nelle nostre aiuole e perfino nelle fessure dei muri?) più che per le sue proprietà benefiche per il nostro organismo, che tuttavia sono innegabili e assolutamente ottime, sopratutto nei disturbi che riguardano il fegato. Nella guida qui di seguito vedremo nel dettaglio le sue principali proprietà e i suoi utilizzi più efficaci.

27

Occorrente

  • Tarassaco fresco in foglie o radici
37

La parte di questa pianta in cui è concentrata la maggior parte dei principi attivi è la radice, piuttosto grossa, ma sono abbastanza adatte anche le foglie tenere e i boccioli (o i fiori) nel caso in cui volessimo utilizzarlo per preparazioni culinarie. Come accennato, si tratta di un'erba preziosa per le sue proprietà digestive, antinfiammatorie e depurative, ma viene anche usata per la sua funzione di diuretico naturale (in diverse regioni è famosa infatti come “piscialetto”). Le sue foglie, sopratutto quando sono giovani, sono molto ricche di vitamine (A, B, C e D) ma anche di altri preziosi nutrienti come ad esempio il ferro, lo zinco e il potassio.

47

Se desideriamo realizzare un decotto sarà sufficiente utilizzare la radice ben sminuzzata (e accuratamente ripulita attraverso immersione in abbondante acqua fredda), immergendone un cucchiaio raso in una tazza d'acqua fredda e portando a ebollizione facendo bollire per qualche minuto, dopodiché spegnere la fiamma e lasciare in infusione per altri quindici minuti, filtrare e consumare. Il consiglio è quello di addolcire la tisana con qualche cucchiaino di miele o di zucchero e qualche foglia di menta, o il suo sapore risulterà piuttosto amarognolo.

Continua la lettura
57

Se invece desideriamo utilizzare il tarassaco in preparazioni culinarie, possiamo procedere alla sua cottura seguendo le modalità di cottura classiche tipiche delle erbe: possiamo lessarne le foglie, oppure farle saltare in padella e utilizzarle per realizzare il condimento di risotti, frittelle, frittate leggere, focaccine e anche gustose insalate. In generale, in questi casi è bene non lasciar cuocere troppo le foglie poiché la cottura (sopratutto in acqua bollente) tende a far impoverire le erbe, che rilasciano i loro nutrienti: maggiore è il tempo di cottura, minori saranno i benefici che potremmo trarre dal suo consumo.

67

Nella maggior parte dei casi possiamo trovare il suo principio attivo sotto forma di compresse in cui è racchiuso il suo estratto secco, acquistabili in una comune farmacia, ma naturalmente se ne abbiamo la possibilità possiamo provvedere anche in casa alla preparazione di tisane e decotti. In questo secondo caso è consigliabile raccogliere solo le foglie o i fiori, o in alternativa, se abbiamo bisogno della radice, è bene fare attenzione a non estirparla completamente lasciandone a dimora un pezzetto, in modo tale che la pianta possa ricrescere. Per contro, se desideriamo estirparla dobbiamo invece fare molta attenzione a rimuoverne ogni minima parte o tornerà a infestare il nostro giardino.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dalle radici è possibile ottenere delle tinture naturali: se siamo degli appassionati di fai da te questa pianta può rivelarsi un valido alleato.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Proprietà e benefici del tarassaco

È stato ormai più volte dimostrato che seguire un corretto regime alimentare, svolge un ruolo significativo al fine di mantenere il nostro organismo in perfetta salute. Nasce quindi l'esigenza di informarsi sulle proprietà contenute in ciascuno alimento....
Rimedi Naturali

Agrimonia: proprietà curative e utilizzi

L´agrimonia è un genere di piante appartenente alla famiglia delle Rosaceae note fin dall´antichità per le loro proprietà curative. La specie più comune è l´Agrimonia eupatoria, nota anche come erba di S. Guglielmo, erba del taglio o erba vettonica....
Rimedi Naturali

Pepe di Cayenna: proprietà e utilizzi

Il Pepe di Cayenna è una varietà di peperoncino rosso derivante dall'omonima cittadina presente nella Guyana francese. È maggiormente diffuso ed utilizzato negli USA, ma si può reperire molto facilmente anche nella nostra penisola. Vediamo insieme...
Rimedi Naturali

Malva alcea: utilizzi e proprietà curative

Da sempre la natura ci sorprende con le sue infinite applicazioni nel nostro quotidiano benessere e la delicata malva alcea non fa eccezione! Pianta erbacea perenne, regala deliziose fioriture violette o rosa. A classificare per primo la malva alcea fu...
Rimedi Naturali

Erba sofia: utilizzi e proprietà curative

L’erba sofia (conosciuta scientificamente con il nome di Descurainia Sophia) è una pianta che fa parte della famiglia delle “Brassicaceae”. Essa è originaria e diffusa in particolar modo in Africa settentrionale e in Asia meridionale. Il primo...
Rimedi Naturali

Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della...
Rimedi Naturali

Erba di San Pietro: Utilizzi e proprietà curative

L’erba di San Pietro (conosciuta scientificamente con il nome di Tanacetum Balsamita) è una pianta che appartiene alla famiglia delle “Composite”. Quest’arbusto è originario del Caucaso e dell’Asia Occidentale. In alcune zone dell’Italia...
Rimedi Naturali

Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.