Stella di Betlemme: usi e proprietà curative

Tramite: O2O 05/08/2017
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Stella di Betlemme, che è conosciuta scientificamente con il termine di Ornithogalum Umbellatum, è un arbusto che fa parte della categoria delle Liliaceae. Il primo a classificarla e descriverla fu il noto esperto botanico Carl Von Linné. Nei passi successivi di questa guida andremo a vedere nel dettaglio quali sono gli usi e le proprietà curative di questa pianta.

26

Occorrente

  • Stella di Betlemme
  • Fiori di Bach
36

Le caratteristiche

Innanzitutto vediamo quali sono le sue caratteristiche. La prima cosa che dobbiamo dire p ce stella di Betlemme è conosciuta popolarmente anche con altri nomi quali: ?Cipollone Bianco?, ?Cipollino selvatico?, "Latte di gallina". Si tratta di una pianta perenne, annuale, costituita da un bulbo di forma sferica, che ha un diametro di circa quattro centimetri. Le foglie, che possono variare in numero da cinque a nove, sono prettamente basali, ottuse, lineari, e larghe anche fino a otto centimetri. Per quanto concerne i fiori, ogni pianta può produrne circa da cinque a venti. Questi sono alquanto eretti e possiedono dei peduncoli colmi di brattee appuntite. Gli stami, invece, sono composti da filamenti bianchi e da antere di colore giallo.

46

Le coltivazioni

È una pianta originaria delle zone mediterranee, ma ormai è diffusa praticamente in tutto il mondo. Inoltre, bisogna ricordare che predilige determinate zone, come prati privi di coltivazione, bordi di strade e ruscelli, strade con altitudine massima di mille metri. Passiamo ora a vedere quali sono le sue proprietà curativi. Come prima cosa, bisogna sapre che l?Ornithogalum Umbellatum presenta, al suo interno, tutta una serie di sostanze, che risultano essere particolarmente utili per il nostro organismo. Tra questo possiamo trovare glicosidi, cardioattivi, cristalli di ossalato di calcio, saponine, tannini. Di conseguenza, questa pianta possiede diverse proprietà, come quelle diuretiche, depurative, decongestionanti. Tutte queste peculiarità fanno in modo che questa pianta risulti essere molto efficace per trattare, e tavolta anche guarire, eventuali shock causati da traumi, incidenti; per trattare sintomi quali eccessiva flatulenza, problemi di gonfiore alla pancia, colite, insonnia, ulcera.

Continua la lettura
56

I sintomi

Vediamo, infine, quali sono i suoi utilizzi. Innanzitutto, è bene precisare che questa pianta è sicuramente molto apprezzata, ma è altamente velenosa e nociva per l'organismo umano. Infatti, bisogna assolutamente ricordare che ci si può anche intossicare tramite ingestione. In queste circostanze si avrà l'insorgenza di sintomi quali: nausea, diarrea, vomito, ipotensione, alterazione del battito cardiaco.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non ingerire mai la pianta, nè i preparati con essa realizzati, in quanto sono nocivi per l'organismo. Il suo utilizzo è solo esterno, tramite fitoterapia e fiori di Bach
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto in ambito scientifico con il termine di Chenopodium Album, ma ordinariamente denominato "farinello comune") è una pianta erbacea di facile reperibilità, che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Trovare questo vegetale...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
Rimedi Naturali

Peonia selvatica: usi e proprietà curative

La peonia selvatica (famosa scientificamente con la denominazione di Paeonia Officinalis) rappresenta un arbusto che appartiene alla specie delle "Paeoniaceae": il primo studioso esperto a definirla in questo modo fu il conosciuto botanico svedese Carl...
Rimedi Naturali

Cannuccia di palude: usi e proprietà curative

La cannuccia di palude, conosciuta scientificamente con la denominazione di Phragmites Australis, rappresenta un arbusto appartenente alla categoria delle Poaceae", delle piante prettamente angiosperme e monocotiledoni. In questa breve ma esauriente...
Rimedi Naturali

Lassana: usi e proprietà curative

La lassana (conosciuta scientificamente con il termine di Lapsana Communis) è una pianta erbacea spermatofita facente parte della famiglia delle “Asteraceae”. È conosciuta anche con la denominazione di “cavoletto selvatico”. Il suo nome deriva...