Ranuncolo bulboso: usi e proprietà curative

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Ranuncolo bulboso o Ranunculus bulbousus, comunemente conosciuto come ranuncolo selvatico ed in alcune regioni definito come "rapa di Sant'Antonio, è una pianta erbacee appartenente alla famiglia delle Ranuncolacee. Si trova su tutto il territorio italiano e, prevalentemente, nelle zone umide, fangose e riparate dal sole. Il suo nome ha un'origine greco-latina e vuol dire "rana". Questa pianta può raggiungere un'altezza tra i 15 ed i 50 centimetri, i suoi fiori dal colore giallo intenso sono formati da tre o cinque petali e sono emafroditi, le sue radici sono sottili, le sue foglie basali ovvero quelle poste alla base della pianta sono pelose e divise in numerosi lobi dentati, mentre le foglie cauline ossia quelle presenti sul fusto sono senza piccioli e peduncoli. Andiamo alla scoperta, con questa guida, di usi e proprietà curative del ranuncolo bulboso.

27

Occorrente

  • radice di ranuncolo bulboso
  • fiori di ranuncolo bulboso
  • garze
  • tintura di ranuncolo bulboso
37

Il ranuncolo bulboso ha proprietà antispasmodiche, analgesiche, astringenti, vescicatorie, antireumatiche, calmanti, cicatrizzanti ed antinevralgiche. Da tenere presente che questa pianta è assai velenosa a causa della presenza della anemonina e che, inoltre, deve essere utilizzata prevalentemente per uso esterno.
Il ranuncolo bulboso è molto utilizzato come rimedio omeopatico per intervenire sull'irritabilità, sulla sonnolenza diurna, sugli stati di paura, sull'herpes zoster, sulla congiuntivite, sui dolori articolari, sui crampi e quant'altro.

47

Potrai usare le foglie di ranuncolo bulboso, una volta essiccate, pestate e trasformate in poltiglia come decongestionante o per intervenire contro gli attacchi di sciatica, ovviamente dopo aver consultato il tuo medico curante.
Se il tuo problema è la sciatica o l'ischialgia, potrai ricorre alla radice di ranuncolo bulboso, dopo aver chiesto il parere del tuo dottore. Dovrai prendere un pezzetto di radice, perfettamente essiccata in quanto l'essiccazione toglie in parte la sua tossicità, e polverizzarlo in un mortaio. Una volta ottenuta una polvere fine aggiungi dell'olio d'oliva extra vergine per ottenere una mistura densa. Prendi tre o quattro strati di garza, spargici sopra l'intruglio ottenuto e ricopri il tutto con altro tessuto. Sistema il cataplasma sulla parte afflitta dal dolore, di solito il calcagno della gamba, facendo attenzione che non ci siano ferite o lacerazioni, in tal caso non applicare l'impacco curativo. Tieni in posa fino a quando vedrai comparire una vescica acquosa. A questo punto prendi un ago sterilizzato e buca la vescica con la finalità di estrarre il liquido contenuto in essa. Non appena avrai fatto, noterai che il dolore determinato dalla sciatica terminerà o almeno diminuirà notevolmente. Disinfetta la parte e copri con cerotto la ferita creata dallo spillo.

Continua la lettura
57

La tintura di ranuncolo bulboso ti potrà essere di aiuto per sconfiggere l'herpes zoster. Ti basterà, per eliminare sia il prurito che il dolore, usare alcune gocce di tintura sulla parte sofferente. Lo stesso preparato, nella quantità di 5-6 gocce, saranno un valido rimedio contro il mal di testa causato dalla sinusite. In quest'ultimo caso impiegale per fare un impacco freddo sui seni nasali tenendolo in posa per circa 3-4 minuti.
Se invece, il tuo problema è rappresentato da continui mal di gola accompagnati da bruciori, ti suggerisco di preparare un collutorio versando una tazza di acqua bollente su un cucchiaio di fiori di ranuncolo bulboso. Lascia in infusione fino a quando il liquido si sarà raffreddato, quindi usalo per fare risciacqui. Fai molta attenzione a non ingoiarlo.

67

Ricorda di usare con cautela il ranuncolo bulboso e solo solo diretto controllo del tuo medico o del tuo erborista, soprattutto se soffri di patologie importanti o se stai assumendo medicinali, infatti questa pianta potrebbe produrre effetti collaterali gravi ed interagire con le tue cure mediche.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Usare con cautela e solo su diretto controllo medico

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto scientificamente con il termine di Chenopodium Album e comunemente con la denominazione "farinello comune") è una pianta erbacea molto comune che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Si può trovare soprattutto lungo...
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Robinia: usi e proprietà curative

La robinia (conosciuta col nome scientifico di Robinia Pseudoacacia) è una piantagione originaria dell’America Settentrionale ed appartenente alla famiglia delle “Fabaceae”. Essa fu portata in Europa grazie al famoso giardiniere Jean Robin in onore...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.