Quando dormire fa paura: come affrontare gli incubi

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dormire poco oppure male aumenta la probabilità di manifestazione degli incubi. Far fronte agli incubi può essere un'esperienza difficile. Si possono limitare le probabilità, ma non è possibile prevenire gli incubi. Quando si verificano è opportuno utilizzare alcune tecniche per affrontarli nel miglior modo possibile. Gli incubi caratterizzano la vita di tantissime persone. A volte capita di svegliarsi bruscamente durante il sonno con la fronte sudata, il fiato corto ed una sensazione di paura dentro. La psicologia mette in guardia: l'incubo è il sintomo di un conflitto che si vive inconsciamente. Esso rappresenta un modo per esprimere angoscia, frustrazioni, desideri e paure. Leggendo questo tutorial si possono avere alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come affrontare gli incubi che si hanno durante il sonno.

25

Contatto con la realtà

Quando una persona si sveglia da un incubo sicuramente vive una situazione momentanea di panico. La prima cosa da fare è quella di prendere contatto con la realtà. In questo modo è possibile cominciare a sconfiggere l'ansia. È opportuno sedersi velocemente sul bordo del letto e poggiare i piedi a terra. Successivamente bisogna concentrarsi su tutto ciò che è presente nella camera. È preferibile cominciare a nominare gli oggetti che si trovano nella stanza. Ciò consente di rassicurarsi ed allo stesso tempo si ha la certezza di essere svegli ed al sicuro. A questo punto dopo un po' di tempo bisogna cercare di addormentarsi di nuovo. È consigliabile aspettare circa 15 minuti; se si incontrano difficoltà bisogna fare qualcosa di rilassante per conciliare il sonno.

35

Risveglio dei sensi

Oltre a tranquillizzare la mente bisogna ricordarsi che si è sveglio, sano e salvo. In questo modo si rassicurano il corpo ed i sensi; si deve riportare tutto alla realtà. Per ritornare alla vita reale bisogna provare a mangiare qualcosa di forte, ad esempio una mentina. Non è consigliabile ingerire gli zuccheri in quanto essi influiscono negativamente sul sonno. Successivamente bisogna toccare un oggetto ruvido oppure freddo come un cubetto di ghiaccio. A questo punto bisogna mettere accanto al letto qualcosa che ha un odore forte, ad esempio del caffè oppure dei fiori di garofano. Infine, bisogna scegliere un suono rassicurante; in alternativa si può ascoltare una musica rilassante.

Continua la lettura
45

Cause degli incubi

I brutti sogni possono essere provocati da una serie di attività. A volte cambiare comportamenti oppure abitudini può mettere fine agli incubi notturni. È opportuno esaminare le azioni che si svolgono quotidianamente per cercare di individuare ciò che può essere alla base dei sogni. Le fonti di tensione della vita quotidiana possono provocare gli incubi. Se alcune attività sono stressanti è preferibile rendere la situazione meno difficile. Anche un'esperienza scioccante fatta in passato può essere la causa dei propri incubi. Infine, bisogna controllare il consumo di bevande alcooliche oppure di droghe. Queste sostanze riescono ad interrompere i meccanismi e gli schemi del sonno, dando luogo agi incubi. La terapia farmacologica non è consigliata in quanto l'incubo non è una malattia. È l'espressione di una paura, per tale motivo la causa da combattere è lo stato d'animo correlato ad esso. Se vengono seguite attentamente le indicazioni della guida forse si riesce a vincere l'ansia. A questo punto non resta altro da dire se non augurare buona fortuna.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare uno psicoterapeuta se gli incubi sono continui
  • ricordarsi che i suoni del sonno possono appartenere alla vita quotidiana
  • ricordarsi che gli incubi sono molto comuni
  • apportare cambiamenti nella vita quotidiana
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come affrontare la paura di viaggiare da soli

Questa guida fornirà le basi per poter trovare la forza per affrontare la paura di intraprendere un viaggio da soli. Le tecniche qui descritte saranno altresì utili non solo per chi sperimenta alti livelli di ansia e malessere laddove sia costretto...
Psicologia

Come superare la paura del buio

La paura del buio si sviluppa generalmente in tenera età. Tuttavia, non sono pochi i casi che interessano anche gli adulti. Il terrore sfocia in angoscia nota anche come nictofobia o acluofobia. All'oscurità si associano diversi pericoli, di lieve o...
Psicologia

Paura del buio: i rimedi più efficaci

Negli ultimi tempi si sono registrati vari casi di acluofobia di diverso tipo, ovvero la paura del buio, che ormai si manifesta nella maggior parte della popolazione mondiale nei primi anni di età. C'è chi con il tempo capisce che non si deve avere...
Psicologia

Come superare la paura di un esame

Inizieremo col dire che, soprattutto durante il periodo universitario, è assolutamente normale che un esame diventi per noi, in quel momento, quasi la ragione unica della nostra vita. Libri, appunti, giornate intere trascorse a studiare nella speranza...
Psicologia

Come superare la paura del temporale

Se avete paura del temporale, non siete soli. La paura dei tuoni, ufficialmente chiamata brontofobia, può portare a reali attacchi di panico da parte di chi ne soffre. Se la vostra paura del temporale interferisce con la vostra vita causando sintomi...
Psicologia

Come superare la paura del sangue

La paura del sangue è una fobia che accomuna molte persone e, un semplice prelievo per valutare la nostra salute, può diventare quasi una tragedia. Una volta confermata l'esistenza dell'emofobia, esistono molti metodi che contribuiscono a mitigare...
Psicologia

Come superare la paura dell'acqua alta

La maggior parte di noi ha una sua paura o fobia, piccola o grande che sia. Possono essere le più disparate, ma tutte creano delle situazioni talvolta imbarazzanti e degli stati d'animo non molto piacevoli, soprattutto quando ci troviamo insieme ad altre...
Psicologia

Consigli su come dormire quando c'è rumore

Tutti sanno che per vivere bene bisogna dormire bene. Il corretto riposo è l'elisir di lunga vita, rilassa, distende, garantisce salute e pace interiore. "Fate dei bei sogni" dicevano i nostri nonni per assicurarci una giornata tranquilla ed avevano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.