Proprietà e benefici della genziana

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La genziana è un genere di piante della famiglia delle Gentianaceae, che comprende circa 400 specie. Si tratta di piante annuali, biennali e perenni, alcune delle quali sono sempreverdi, mentre altre no. La disposizione delle foglie è opposta, mentre i fiori sono a forma di imbuto; il colore è più comunemente azzurro o blu scuro, ma può variare dal bianco avorio al giallo e al rosso. Le specie col fiore di colore blu predominano nell'emisfero settentrionale, invece quelle col fiore rosso sulle Ande; le specie a fiore bianco sono più rare, ma più frequenti in Nuova Zelanda. Questa pianta possiede numerose proprietà ed è in grado di apportare all'organismo altrettanti benefici. Andiamo quindi a vedere, passo per passo, quali sono i principali usi della genziana, così da poterla adoperare quando se ne ha la necessità.

28

Occorrente

  • Genziana
38

Come prima cosa, bisogna dire che la genziana ha diversi principi attivi, come la l'amarogentana, un elemento piuttosto amaro; la gentianina, un alcaloide; la gentiopicrina, un glucoside; e la gentisina, una sostanza colorante gialla. Inoltre, sono presenti in discreta quantità delle mucillagine, degli oli essenziali e degli enzimi. Di conseguenza, la genziana possiede delle proprietà stimolanti delle funzioni gastriche, digestive, toniche, antifermentative, vermifughe, stomachiche, febbrifughe e depurative.

48

Di questa pianta si utilizzano le sue radici. Si tratta di un valido rimedio all'inappetenza, ai disturbi di origine fermentativa che affliggono l'intestino, alla digestione lenta e difficile; ancora, vine utilizzata per combattere l'anoressia, l'anemia, la costipazione e la diarrea. È caratterizzata della capacità di stimolare l'aumento dei leucociti e di conseguenza di sconfiggere le astenie. La radice fresca di genziana è però velenosa, per questo motivo si impiega essiccata.

Continua la lettura
58

Per chi ha bisogno di depurare il proprio organismo, è consigliato preparare un vino con la radice di genziana. Per la preparazione bisognerà prendere una bottiglia da un litro e mezzo di vino bianco ed immergerci 150 grammi di radice di genziana tagliata a pezzetti piccoli. Per coloro che, invece, hanno dei problemi di fermentazione intestinale, l'ideale è assumere una tisana composta da 6 grammi di radice di genziana essiccata, 6 di centaura e 6 di foglie di salvia: bisognerà rovesciare questo miscuglio in un litro di acqua bollente.

68

La genziana viene impiegata anche per combattere l'anoressia, l'affaticamento generale, la dispepsia atonica gastrica ed intestinale, la convalescenza e l'anemia. In cosmetica, invece, l’infuso di genziana si utilizza per detergere le pelli grasse e lentigginose. È molto importante sapere che se ne sconsiglia vivamente l’uso alle gestanti, nelle quali le dosi elevate di genziana potrebbero danneggiare la digestione e causare vomito. È anche controindicata anche nei casi di di pazienti affetti da ulcera gastroduodenale, gastrite acuta, iperacidità gastrica, ernia iatale ed esofagite. Per quanto si tratti di un prodotto completamente naturale, è bene non abusarne e tenersi strettamente alle indicazioni che ci vengono fornite.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non usare la genziana se soffre di gastrite, di ulcera, di ernia iatale e di esofagite
  • Non consumare la radice fresca di genziana poiché è velenosa
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Proprietà e benefici della gramigna

La gramigna, appartiene alla famiglia delle graminacee ed viene denominata con diversi nomi come dente canino o grano delle formiche. Il genere agropyrum comprende numerose specie che nascono spontanee in tutti i territori con un clima temperato. Nella...
Rimedi Naturali

Finocchio: proprietà e benefici

Nel bacino del Mediterraneo, e in Italia in particolare, quel particolare ortaggio chiamato finocchio esiste da sempre. Solo dal 1500 l’uomo ha iniziato a coltivarlo per il suo consumo. Si tratta di una pianta erbacea che può arrivare al metro di altezza,...
Rimedi Naturali

Le proprietà e i benefici della patata

Tutti noi siamo abituati a mangiare patate, e le cuciniamo in tutte le maniere possibili. È un alimento semplice e che si presta a mlteplici utilizzi, ma il più delle volte pero' ne ignoriamo le proprieta' e i benefici. La patata (Solanum Tuberosum)...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici della senape

L'utilizzo della senape, per le proprietà ed i benefici che presenta, risale all'antichità. Questa pianta spontanea, originaria dell'Asia, è stata apprezzata da vari popoli nel corso dei secoli. I Greci conoscevano le sue qualità, così come i Romani,...
Rimedi Naturali

Proprietà e benefici del lievito di birra

Il lievito di birra è un sottoprodotto della birra fermentata. Questo tipo di prodotto ha fatto sempre parte delle nostre cucine sia dall'antichità. Veniva impiegato principalmente nella preparazione del pane e di alcuni alcolici. Ma con il passare...
Rimedi Naturali

Semi oleosi: proprietà e benefici

I semi oleosi fanno parte dell'alimentazione di vegetariani e vegani che integrano così la loro dieta priva di carne, pesce, latte e derivati. Non tutti sanno però che questi semi sono ricchi di elementi nutritivi indispensabili al nostro organismo....
Rimedi Naturali

Olio di argan: proprietà e benefici

Originario del Marocco, l'olio di Argan è un elisir di giovinezza. Particolarmente ricco di principi attivi, viene impiegato nel campo della cosmesi naturale per pelle e capelli. Idrata in profondità, rilasciando una piacevole profumazione. Ma scopriamone...
Rimedi Naturali

Bacche di Goji: proprietà e benefici

La pianta delle Bacche di Goji proviene dal Tibet, e più precisamente dalle valli dell'Himalaya, dalla Cina del nord e dalla Mongolia. Essa viene chiamata “frutto della longevità” dalle popolazioni locali, grazie al suo alto tasso di sostanze antiossidanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.