Pesce crudo e Anisakis: istruzioni per l'uso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chi non ha sentito parlare di Anisakis? Sebbene sia così famoso, non tutti sanno di cosa si tratta: è un parassita dei prodotti ittici, più precisamente un verme cilindrico di colore biancastro, visibile anche ad occhio nudo. Sebbene sia molto piccolo, può essere molto pericoloso se ingerito. Il rischio di contrarre l'anisakidosi, ossia l'infezione dovuta all'ingestione di Anisakis, si corre quando ci si ciba di pesce crudo oppure poco cotto. È possibile però evitare comunque di contrarlo: in questa guida vi daremo le istruzioni per l'uso di pesce crudo per evitare il disturbo da Anisakis.

26

Ciclo biologico

L'obiettivo di Anisakis sono i mammiferi marini, ossia i cetacei, le foche, in cui raggiungono lo stadio di adulti e, quindi, la maturità riproduttiva. Più precisamente, il parassita si stabilisce a livello gastrointestinale. Quando si insediano in questi ospiti, vengono prodotte le uova, le quali vengono rilasciate mediante le feci nell'ambiente acquatico. Le uova si schiudono, liberando le larve. Le larve, a loro volta, vengono ingerite da piccoli crostacei e, in essi, maturano al primo stadio. Quando i crostacei divengono prede di pesci di diverso tipo, ad esempio tonni, sgombri, merluzzi e quant'altro, maturano nuovamente, raggiungendo il secondo stadio. Una volta che anche i pesci divengono prede, stavolta di cetacei o foche, il ciclo si completa e riprende. Come vedete, l'uomo non è contemplato nel ciclo di Anisakis ma, essendo un consumatore di prodotti ittici, viene spesso coinvolto. Quando l'uomo ingerisce Anisakis, questo cresce al suo interno, provocandogli disturbi di varia natura e diversa entità, ma non matura agli stadi successivi.

36

Specie parassitate

L'infestazione da Anisakis è ormai la normalità. Questo parassita si trova in quasi tutte le specie. In particolare, il pesce sciabola si presenta sempre parassitato, infatti viene venduto già eviscerato; seguono a ruota la lampuga, il pesce spada, il tonno, sardine, aringhe, acciughe, nasello, merluzzo, rana pescatrice, perfino molluschi e cefalopodi. A volte, anche se in misura minore, può trovarsi perfino nel pesce allevato.
L'infestazione da Anisakis dipende anche dalla taglia del pesce: pesci con maggiori dimensioni risultano maggiormente parassitati rispetto a quelli piccoli.

Continua la lettura
46

Sintomatologia

L'ingestione da Anisakis provoca una vasta serie di sintomi. Dopo poche ore si presenta un intenso dolore addominale, nausea, vomito, diarrea, febbre. Nei casi più gravi può provocare occlusione intestinale; l'unico rimedio in questi casi è l'asportazione chirurgica del tratto di intestino parassitato. Altre volte, però, è sufficiente che il paziente assuma dei farmaci a base di albendazolo. In casi rari, il parassita può giungere anche in altri organi, ad esempio milza, fegato, pancres, dove lascia delle lesioni granulomatose.
Ci sono casi in cui, tuttavia, il parassita provoca anche una reazione allergica nei soggetti sensibili; il paziente può accusare diversi sintomi, ad esempio semplici arrossamenti cutanei, ma anche shock anafilattico. Non sempre è semplice per i medici stabilire una diagnosi da anisakidosi. Spesso, infatti, i sintomi vengono confusi con altro, ad esempio appendicite.

56

Soluzione

L'unica soluzione per evitare di essere parassitati da Anisakis è cuocere accuratamente il pesce. Se, invece, amate assaporare pesce crudo, sappiate che prima dovete sottoporre il pesce a congelamento a -20 gradi per 96 ore: in questo modo il parassita sarà reso inoffensivo. Per i soggetti allergici, invece, non c'è soluzione, in quanto il parassita provoca comunque la sintomatologia, vivo o morto che sia. C'è da tenere presente anche l'eviscerazione del pesce, che deve essere quanto più tempestiva possibile: alla morte del pesce, infatti, il parassita si sposta nelle carni, con il rischio quindi di essere ingerito.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Tutto sulla Passiflora, il fiore della passione

In molti hanno sentito parlare del famoso "fiore della passione", ma non tutti hanno bene in mente di che tipo di pianta si tratti. La passiflora è un genere che comprende al suo interno, numerose specie. Sono piante erbacee o piccoli arbusti, lianose...
Alimentazione

Le proprietà della segale

La segale è un cereale integrale e, insieme al farro, è uno dei più antichi alimenti utilizzati sia nella cucina orientale che in quella occidentale. Viene coltivata ormai da circa 2000 anni in Asia minore, continente nel quale il cima ventilato e...
Alimentazione

Come aumentare di peso

Nonostante i mass media impongano modelli di bellezza quasi anoressici, non bisogna dimenticare che anche l'eccessiva magrezza, così come il sovrappeso, può causare problemi di salute. Per questo è importante individuare, raggiungere e conservare il...
Salute

Come distinguere la forfora dalle uova di pidocchi

Pediculosi e forfora sono affezioni del cuoio capelluto completamente differenti. Tuttavia, possono facilmente confondersi a uno sguardo superficiale. Entrambe si manifestano con la presenza di minuscole tracce biancastre sul capo e sui capelli. La forfora...
Alimentazione

5 consigli per mangiare pesce crudo in sicurezza

Il pesce è un alimento ricco di proprietà benefiche, infatti viene impiegato nelle diete poiché contiene i nutrienti necessari senza però appesantire. Ricco di omega 3 e proteine, il pesce ci fornisce un giusto apporto calorico. Nella variante cruda,...
Salute

10 modi per liberarsi dallo stress

Anche i più forti si ritrovano a combattere lo stress, diverse volte all'anno, per vari motivi. Ma al di là della natura dello stress, il problema principale è che provoca diversi inconvenienti psico-fisici. Di conseguenza è sempre un bene non sottovalutare...
Salute

Magnesio supremo: 10 motivi per usarlo

Il Magnesio supremo è un integratore a base di magnesio che viene preso per via orale per i diversi e numerosi benefici che dà. Il magnesio è un elemento importante per l'uomo, la sua carenza provoca diversi deficit ad alcune delle normali funzioni...
Alimentazione

Test kinesiologico per le intolleranze alimentari

La kinesiologia è lo studio dei movimenti del corpo che unisce l'osservazione delle reazioni dei muscoli con i concetti della medicina cinese di qi e di meridiani. Il professionista applica una pressione manuale a un dato muscolo del corpo del paziente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.