Mal di gola: errori alimentari da evitare

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il mal di gola è una situazione spiacevole a cui tutti noi, prima o poi, andiamo incontro. Si tratta più propriamente di un'infiammazione acuta delle componenti linfonodali che si trovano nella porzione posteriore dell'orofaringe (tonsille) denominata scientificamente faringite. Essa è causata per lo più da agenti batterici ma anche agenti virali possono determinarne l'insorgenza, seppur in una minor percentuale dei casi. Molto spesso è accompagnata da rossore e febbre, tutte condizioni che gergalmente accomuniamo sotto il termine di influenza. Quelle appena elencate non sono tuttavia le uniche condizioni che possono determinare l'insorgenza del mal di gola, esistono infatti molte altre situazioni che possono scatenare questa fastidiosa irritazione: ingestione di cibi o bevande troppo caldi, inalazione di vapori irritanti, inalazione di aria eccessivamente secca o umida o, ancora più semplicemente, una scorretta alimentazione. Proprio quest'ultimo punto verrà analizzato più a fondo in questo articolo, che si pone come obbiettivo quello di evidenziare gli errori alimentari da evitare per non incorrere in spiacevoli faringiti. Ecco cosa non assumere in caso di mal di gola:.

26

Cibi innaturali

In caso di mal di gola è innanzitutto fortemente sconsigliato seguire una dieta irregolare, priva dei costituenti naturali che contribuiscono a mantenere una flora intestinale rigogliosa e ben equilibrata. Assolutamente da evitare è la disidratazione, per cui si consiglia l'apporto di una discreta quantità d'acqua tiepida (nè troppo fredda nè troppo calda in quanto altrimenti irriterebbe ulteriormente le mucose) durante tutta la giornata.

36

Cibi potenzialmente pro-infiammatori

Si raccomanda l'eliminazione totale di cibi che potrebbero essere potenzialmente pro-infiammatori, quali tutti i cibi confezionati (fonti di conservanti), bevande molto zuccherate, carni rosse e soprattutto insaccati. Essendo il mal di gola un'infiammazione, risulta chiaro che agenti infiammatori non possono far altro che peggiorare la situazione già instaurata o predisporre ad una possibile lesione futura.

Continua la lettura
46

Latticini

Da evitare sono anche i latticini come latte, burro e gelato; questi alimenti, infatti, oltre a poter interagire a livello gastrico con eventuali farmaci somministrati dal medico, sembrano stimolare in molte persone la produzione mucosa delle ghiandole presenti a livello dell'epitelio orofaringeo contribuendo così al peggioramento della sintomatologia.

56

Irritanti

Altri elementi da sconsigliare, in caso di raffreddore, sono tutti gli alimenti ricchi di grassi (rendono troppo difficile e lenta la digestione) ed alimenti irritanti le mucose come i cibi piccanti e la noce moscata, il caffè ed i cibi/bevande che contengono caffeina. Non è possibile curare un irritazione con cibi che contribuiscono ad incrementarla!

66

Cibi che alterano le difese immunitarie

Snack salati o fritti, di facile reperibilità sugli scaffali di tutti i supermercati, sono assolutamente da evitare in quanto, alterando le difese immunitarie dell'organismo, rendono inefficace la risposta cellulare contro i patogeni scatenanti la condizione morbosa. Assolutamente da preferire, in caso di faringite, sono tutti i cibi ricchi in sostanze ad azione anti-infiammatoria, tra i quali ad esempio cereali integrali, legumi, semi oleosi, frutta e verdura di stagione. Altri cibi ricchi di antiossidanti, e quindi fortemente consigliati, sono i mirtilli, il tè verde, fagioli, carciofi, prugne, mele e noci pecan. Un alimento che più di tutti possiede naturali proprietà antibatteriche è però l'aglio, pertanto, a discapito dell'alito, è indicato consumarne una discreta quantità con i pasti.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Associazioni alimentari da evitare

Non sempre tutti i cibi che mangiamo durante lo stesso pasto, sono combinati in maniera giusta. Non è certo facile conoscere quali sono i cibi che si sposano meglio con gli altri. Sicuramente, a tutti sarà capitato nella vita di non aver digerito una...
Alimentazione

Come scoprire le intolleranze alimentari

Le intolleranze alimentari sono molto diffuse, ma in parecchi casi sono difficili da individuare poiché i sintomi possono essere confusi con altri problemi e patologie. Ad esempio una delle intolleranze più diffuse in Italia è quella al lattosio, anche...
Alimentazione

Test kinesiologico per le intolleranze alimentari

La kinesiologia è lo studio dei movimenti del corpo che unisce l'osservazione delle reazioni dei muscoli con i concetti della medicina cinese di qi e di meridiani. Il professionista applica una pressione manuale a un dato muscolo del corpo del paziente...
Alimentazione

Come modificare le cattive abitudini alimentari

Un’alimentazione corretta ed equilibrata è alla base di una vita sana ed efficiente, indispensabile per il corretto funzionamento dell’intero organismo umano. Inoltre, alimentarsi in modo bilanciato consente di garantire un buon livello di benessere...
Alimentazione

Consigli sull'utilizzo degli integratori alimentari

Gli integratori alimentari sono delle fonti concentrate di sostanze nutritive, unite ad altre sostanze, che hanno un effetto nutritivo e/o fisiologico, allo scopo di integrare la normale dieta. Questi integratori vengono venduti sotto forma di pillole,...
Alimentazione

Le cattive abitudini alimentari dei giovani

L'alta percentuale dei giovani che sono a rischio obesità o sono già in sovrappeso dimostra le loro cattive abitudini alimentari. È necessario che, prima a casa con i genitori e poi a scuola con gli insegnanti, imparino una sana educazione alimentare...
Alimentazione

Come motivare se stessi a non cedere alle tentazioni alimentari

Sono molte le persone che desiderano mettersi a dieta, ma trovano difficile rinunciare ai loro piaceri. La causa, molte volte è la scarsa motivazione. Ecco perché è importante avere la spinta giusta per mantenere un certo rigore. Per non cadere in...
Alimentazione

Fonti alimentari e loro contenuto di acidi grassi insaturi

Avere un'alimentazione sana è molto importante per mantenere la linea e stare bene. Per realizzare un piano alimentare corretto e bilanciato è molto importante studiare gli alimenti e i loro valori nutrizionali. In questa guida valuteremo insieme le...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.