Le proprietà curative del finocchietto selvatico

Tramite: O2O 04/08/2017
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Il nome scientifico del finocchietto selvatico è Foeniculum vulgare Miller, appartiene alla famiglia delle Apiaceae. È una pianta spontanea in tutta la regione mediterranea, per questo motivo viene chiamato comunemente finocchio selvatico, dai suoi frutti maturi e disseccati che per la loro piccolezza vengono erroneamente chiamati semi si estrae un olio essenziale ricco di molteplici proprietà curative ed è prodotto soprattutto in Cina, India, Russia, Bulgaria, Grecia, Nord Africa, Francia, Italia, Spagna ed Europa dell'Est.

25

Composizione chimica e proprietà curative

L'olio essenziale del foeniculum vulgare è ricco di trans-anetolo di sapore dolciastro, fencone dal sapore amaro canforato, metilcarvicolo, anilsaldeide ed alcuni idrocarburi terpenici, tra cui a-apinene, a-fellandrene, limonene ed ha molteplici proprietà terapeutiche, principalmente sono: stomachica, anti-spasmodica, carminativa, diuretico, depurativo, antinfiammatoria, stimolante epatica, galattogoga.

35

Attività

L'olio essenziale di Finocchio stimola la secrezione gastrica, salivare e coleresi. Viene utilizzato nei disturbi dispeptici associati a spasmi dolorosi addominali, atonie e meteorismo da fenomeni fermentativi, trova impiego nella ipogalattia e come coadiuvante nel trattamento di bronchiti secretive infatti prove sperimentali hanno evidenziato un aumento dell'attività muco-ciliare dell'epitelio ciliare della rana.

Continua la lettura
45

Indicazioni

Le possibili indicazioni sono: Apparato digerente utile come inalazione nel trattamento di nausea moderata e singhiozzo e la sua fragranza può stimolare l'appetito. Sistema respiratorio utilizzato nelle inalazioni per tosse, congestione bronchiale, catarro e in tutte le occasioni nelle quali sia necessario un espettorante. Meno consigliabile l'utilizzo nel bagno, da limitare al breve termine per tosse e congestione. Sistema nervoso utilizzabile anche da solo come fragranza, anche se si mescola bene con oli come geranio, lavanda, limone, rosa e sandalo.

55

Controindicazioni

Massaggio non è consigliabile utilizzarlo nel massaggio se non per uso localizzato, ben diluito e nel breve termine. Aggiunge una nota fresca ai mix. Il Finocchio è controindicato in gravidanza, ipersensibilità accertata verso uno o più componenti, epilessia, raramente nausea tra gli effetti collaterali, può interargire con terapie ormonali: gli estratti di finocchio presentano attività estrogenica, con farmaci fotosensibilizzanti: sommazione di effetti. Le interazioni sono teoricamente possibili ad alte dosi e per periodi prolungati di cura. L'uso dell'olio essenziale puro di Finocchio è sconsigliato nei bambini molto piccoli e nelle donne in gravidanza. La posologia per uso interno è di 40 gocce, 3 volte al di, diluite in un po' d'acqua, dopo il pasto.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Cerfoglio selvatico: utilizzi e proprietà curative

Il cerfoglio selvatico (conosciuto scientificamente con il termine di Chaerophyllum Hirsutum) è una pianta appartenente alla categoria delle “Apiacee”, diffusa maggiormente in Europa e in alcune zone dell’Asia meridionale. E’ originaria della...
Rimedi Naturali

Lassana: usi e proprietà curative

La lassana (conosciuta scientificamente con il termine di Lapsana Communis) è una pianta erbacea spermatofita facente parte della famiglia delle “Asteraceae”. È conosciuta anche con la denominazione di “cavoletto selvatico”. Il suo nome deriva...
Rimedi Naturali

Crescione dei prati: usi e proprietà curative

Nella seguente guida andremo a parlare di proprietà curative e di usi delle piante. Nel caso specifico, andremo a dedicarci al cosiddetto crescione dei prati. Proveremo a conoscere gli usi che si fanno di questa pianta e le sue proprietà curative verificate....
Rimedi Naturali

Calendula arvensis: utilizzi e proprietà curative

Il nome di Calendula arvensis vi dirà poco o nulla: in effetti questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, è molto più nota con il nome di fiorrancio selvatico. È presente in quasi tutti i paesi del bacino del mediterraneo, Italia...
Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...