Le caratteristiche del burnout

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il burnout è un termine utilizzato in ambito psicologico per definite uno specifico tipo di esaurimento nervoso a lungo termine che si verifica a causa di una diminuzione di interesse per il lavoro che si svolge. Si tratta, essenzialmente, di uno stress occupazionale cronico che si può manifestare, per esempio, in seguito a un sovraccarico di lavoro. Tuttavia, si sta progressivamente evidenziando la presenza di una eziologia di vario genere e di natura multifattoriale, in cui alcuni fattori disposizionali giocano un ruolo importante. Nonostante la sua manifestazione sia sempre più crescente, il burnout non è stato ancora riconosciuto come un vero e proprio disturbo ben definito, piuttosto rappresenta una problematica appartenente alla categoria dei disturbi depressivi. Nei passi seguenti di questa guida ci occuperemo di descrivere dettagliatamente quali sono le caratteristiche principali del burnout.

24

Innanzitutto dobbiamo analizzare il bunout all'interno dei disturbi depressivi, per poter capire se, effettivamente, rientra in questa categoria e in quali termini si differenzia da essa. Nello studio dei sintomi depressivi che si manifestano nei lavoratori e in quello dei sintomi presenti nei pazienti clinicamente depressi, non è evidenziata alcuna differenza significativa. In particolare, questo studio ha mostrato che circa il 90% dei lavoratori soddisfano i criteri diagnostici depressivi, suggerendo che il burnout può essere considerata una sindrome depressiva e non una nuova o differente entità patologica. I pazienti affetti da burnout cronico presentano disturbi cognitivi specifici, che sono valorizzati nella valutazione nei regimi di trattamento. Nello specifico, le riduzioni significative nella memoria verbale e uditiva e attenzione visiva, sono le caratteristiche principali che si manifestano in questo disturbo.

34

Il burnout può essere la causa di una varietà di problemi di salute, tra cui i più comuni sono: insonnia, disturbi fisici, malattie, depressione. Se siete preoccupati che la vostra salute sia messa a repentaglio a causa della vostra situazione lavorativa, è necessario rivolgersi a un adeguato professionista del settore, ovvero uno psicologo che possa guidarvi in un percorso di cura del disturbo. Quando i livelli di stress sono alti per un periodo prolungato di tempo, il sistema immunitario indebolisce le sue difese e si può diventare suscettibili al raffreddore, all'influenza e ad altre patologie minori.

Continua la lettura
44

Il processo del burnout è piuttosto insidioso, si manifesta col passare del tempo, ma può essere riassunto nelle seguenti fasi: alto carico di lavoro ad alto livello di stress, richieste di lavoro che superano le risorse del lavoro stesso, oppure si può manifestare quando il lavoro non soddisfa le proprie aspettative. La seconda fase è caratterizzata da una stanchezza che, progressivamente, si cronicizza, da maggiori investimenti di energia, disturbi del sonno, suscettibilità al mal di testa, esaurimento emotivo e dolori fisici. Nella terza fase del burnout si può arrivare a soffrire di depersonalizzazione, cinismo, apatia, depressione, noia e, inoltre, si tende ad assumere un atteggiamento negativo verso il lavoro, i colleghi, i clienti o eventuali destinatari del servizio offerto. Nell'ultima fase interviene la disperazione, un'incapacità totale di reagire agli stimoli, un'impotenza verso se stessi, con relativi sensi di colpa.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Rimedi naturali contro i capogiri

Il capogiro rappresenta un disturbo abbastanza comune. In buona sostanza, si ha la sensazione di stordimento, come se si avesse la testa "vuota". Si tratta di una sensazione improvvisa e transitoria, che per fortuna, nella maggior parte dei casi, non...
Psicologia

Come liberarsi da un pensiero ossessivo

Un pensiero ossessivo può tormentare giorno e notte, tanto da impedire il regolare svolgimento dei compiti oppure delle faccende quotidiane, facendole eseguire in maniera non adeguata. Può derivare da un ricordo di un torto subito, oppure da una brutta...
Alimentazione

Erba di San Giovanni: caratteristiche e proprietà

Quando si passano dei periodi particolarmente stressanti, non sempre c'è bisogno di rivolgersi alla medicina tradizionale. Medicinali e farmaci non sono sempre il rimedio adatto. Molti di essi appesantiscono il fegato ed altri organi primari ed inoltre...
Rimedi Naturali

Bacche di iperico: proprietà, benefici e dove trovarle

Lo studio e l'uso delle erbe medicinali risale alle epoche più antiche dell'esistenza dell'uomo. A tutt'oggi utilizziamo rimedi e sollievi d'erboristeria. È infatti noto come alcune piante abbiano proprietà salutari e apportino diversi benefici. Fiori,...
Alimentazione

10 motivi per mangiare i pistacchi

I pistacchi sono semi che possiedono sia un profumo che un gusto molto gradevoli. Vengono usati per la produzione di dolci, creme, insaccati, per abbellire un piatto o rendere una pietanza croccante. Vengono venduti sia nella variante sgusciata e pronta...
Alimentazione

Proprietà delle spezie: zafferano, pepe nero e curry

Le spezie sono sostanze ricavate dalle parti coriacee di piante tropicali, quali la corteccia, i semi, le radici, i boccioli e gli stimmi. Sono originarie dell'Oriente in quanto le piante tropicali sono reperibili facilmente in quelle zone, a differenza...
Rimedi Naturali

Come curarsi con la gramigna

La gramigna è una pianta infestante ben nota ai coltivatori della terra, poiché con le sue radici sottrae il nutrimento alle coltivazioni. Quindi in genere viene considerata un’erbaccia, un’erba cattiva: ma in realtà possiede moltissime virtù...
Psicologia

Come gestire la propria emotività

Generalmente il sesso femminile è quello che mostra un maggiore coinvolgimento emotivo, rispetto quello maschile, in presenza di situazioni coinvolgenti; anche se è meglio valutare ogni caso singolarmente. L'emotività è una capacità che permette...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.