Lassana: usi e proprietà curative

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La lassana (conosciuta scientificamente con il termine di Lapsana Communis) è una pianta erbacea spermatofita facente parte della famiglia delle “Asteraceae”. È conosciuta anche con la denominazione di “cavoletto selvatico”. Il suo nome deriva dalla parola latina “lapsanae” che sta a significare “purgare”. La lassana è originaria e diffusa principalmente in Europa (Italia, Pirenei, Alpi, Carpazi, Massiccio Centrale) e in Asia. Questa guida vi spiegherà, attraverso i passi successivi, quali sono gli usi e le proprietà curative di questa importante e famosa pianta dai molteplici benefici.

24

Vediamo le sue proprietà curative…La lassana, per i suoi molteplici elementi funge da: rinfrescante, antidiabetico, purgativo, emolliente, depurativo, cicatrizzante, antinfiammatorio. Tutte queste peculiarità rendono la lassana un ottimo rimedio contro la stitichezza, diabete, ingorghi infiammatori del seno (durante l’allattamento), reumatismi, ferite.

34

Vediamo i suoi utilizzi… Il cavoletto selvatico, può essere adoperato sia per uso interno che per uso esterno. Il consiglio da seguire sempre è che è essenziale lavare scrupolosamente tutto ciò che è stato raccolto (fiori, foglie, frutti). Per l’uso esteriore, si può preparare, con la polpa dei frutti, un ottimo succo molto benefico per la screpolatura delle labbra. Nel settore erboristico e in fitoterapia infusi/decotti, fatti attraverso la bollitura di fiori, foglie e frutta, trattano patologie come il diabete, la stitichezza. In cucina invece, le foglie, sminuzzate in piccole parti, posso condire insalate di ortaggi e verdure dandogli una sapore alquanto amarognolo simile a quello del tarassaco.

Continua la lettura
44

Vediamo le sue caratteristiche…La lassana può raggiungere un’altezza massima di centoventi centimetri e si contraddistingue dal fatto di avere una forma scaposa. Le radici sono dei veri e propri fittoni particolarmente fibrosi; il fusto è costituito da una parte aerea alquanto villosa. Per quanto concerne le foglie, si suddividono in basali e cauline. Le basali hanno un picciolo alato con lamina a forma ovale; le cauline invece sono sessili, lanceolate e più piccole rispetto alle prime. I fiori (solitamente da otto a quindici) sono tubolosi, tetraciclici, pentameri, zigoformi, ermafroditi. Per quanto riguarda i frutti, nascono sotto formi di acheni (lunghi circa cinque centimetri) privi di pappo. Essa fiorisce da maggio ad ottobre e vegeta in particolar modo in: boschi, ruderi, terreni coltivati, orti, serre, foreste.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto scientificamente con il termine di Chenopodium Album e comunemente con la denominazione "farinello comune") è una pianta erbacea molto comune che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Si può trovare soprattutto lungo...
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Robinia: usi e proprietà curative

La robinia (conosciuta col nome scientifico di Robinia Pseudoacacia) è una piantagione originaria dell’America Settentrionale ed appartenente alla famiglia delle “Fabaceae”. Essa fu portata in Europa grazie al famoso giardiniere Jean Robin in onore...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.