Ipnosi regressiva: come funziona

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

L'ipnosi regressiva è una terapia psicologica che viene condotta da persone esperte e qualificate. Il suo principale scopo è quello di risolvere dei problemi di cui il paziente soffre. Bisogna però chiarire bene cosa si intende per ipnosi regressiva e cosa invece non è. Usualmente si tende a pensare che bisogna portare un soggetto in una trans profondissima per farlo regredire ad un momento della sua vita molto traumatico, farglielo rivivere totalmente e sviluppare così una sorta di catarsi, di comprensione del problema, in modo che il blocco di cui prima si parlava svanisce e tutto torna alla normalità. In realtà non è così, questo pensiero comune è una specie di semplificazione, di schema generale, che viene fornito a chi non conosce per niente l'argomento. In realtà l'ipnosi regressiva è una pratica assolutamente soggettiva e specifica. In questa breve guida cercheremo di fornirvi alcune linee guida per permettevi di capire come funziona l'ipnosi regressiva.

27

Occorrente

  • Terapista
37

Il fenomeno del tempo

Se si contempla il tempo come una linea su cui noi possiamo muoverci, avremo un presente, un passato e un futuro. A seconda di quanto andiamo indietro nel passato e a seconda di quale mezzo utilizziamo per percepire quel passato, si parla di "ricordo", ovvero di una memoria, qualcosa che noi ricordiamo, di "rivivificazione", ovvero di un qualcosa che noi riviviamo da un punto di vista anche emotivo, e infine di "regressione", ovvero quando noi siamo esattamente in quel luogo e stiamo vivendo in prima persona attraverso tutte le sensazioni e attraverso tutti quei meccanismi neurologici che ci appartengono. Si capisce bene come siano diversi livelli di profondità, il che non implica necessariamente una profondità ipnotica. È però errato poter pensare di raggiungere tale profondità in una singola seduta terapeutica, occorreranno quindi un numero di sedute che può variare a seconda di diversi fattori che saranno valutati nello specifico dall'operatore competente.

47

Dubbi dell'ipnosi regressiva

La terapia dell'ipnosi regressiva lascia però molti dubbi sull'effettiva efficacia del metodo e sulla natura dell'esperienza che il paziente vive nella regressione. Infatti, non è ben chiaro se il ricordo sia un'effettiva evocazione mistica oppure soltanto una sorta di puzzle di frammenti di esperienze vissute e collegati da nessi conformi ad un'esperienza possibile. Nel primo caso, il collegamento tra problema reale e situazione evocata parrebbe esclusivamente simbolico. Nel secondo caso, pur ammettendo la possibilità di una via d'uscita mediante l'invenzione di un punto di vista alternativo, non è chiaro che tipo di nesso ci sia e quindi che tipo di risultato terapeutico si generi in quanto sfugge l'ordine degli eventi e della causalità.

Continua la lettura
57

Controindicazioni alla terapia

L'iter di cura è composto da una decina di incontri con una frequenza di un'incontro al mese in maniera consecutiva. Il primo incontro preliminare serve a determinare l'idoneità del paziente a questo tipo di terapia. Attraverso l'anamnesi e il racconto di sé il paziente espone al terapista il problema e la percezione del problema. Il terapista individua gli elementi chiave per elaborare una prima diagnosi clinica. Il paziente non è idoneo quando vengono riscontrate: depressione acuta, epilessia, tendenze suicide, disturbi bipolari, eccessiva aggressività inoltre non possono intraprendere il percorso le donne in stato di gravidanza e i minorenni.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come addormentarsi con l’auto-ipnosi

Dormire bene è fondamentale per il nostro benessere psicofisico, attraverso il riposo infatti, possiamo ricaricare le energie perse durante il giorno e di conseguenza svegliarci la mattina riposati e freschi, pronti ad affrontare ogni giornata con i...
Psicologia

Come funziona l'effetto placebo

Molti di noi ci rechiamo dal medico quando non ci sentiamo bene, ma questo non significa che dobbiamo essere necessariamente malati. Tuttavia, può accadere che ci sentiamo meglio soltanto all'idea che il medico ci ha prescritto delle cure è ancora...
Psicologia

Come interpretare i sogni secondo la Scuola Freudiana

Sigmund Freud è considerato il padre della psicoanalisi moderna. Egli formulò un'ipotesi teorica sull'analisi psicodinamica dei sogni, il cui assunto di base è quello secondo il quale i sogni sono dei desideri inconsci che operano nella psiche umana,...
Psicologia

Come esercitare la memoria visiva

La capacità di memorizzare luoghi, volti, oggetti, o anche semplici simboli caratterizza la vita di tutti i giorni. Se pensiamo solamente ad una semplice azione quale quella di andare a trovare un amico possiamo capire che dobbiamo far uso della nostra...
Psicologia

Come aumentare la propria elasticità mentale

Ci sarà sicuramente capitato, durante il nostro percorso scolastico, di non riuscire a memorizzare facilmente tutti i vari concetti relativi ad una particolare materia che stiamo studiando. Questo problema è legato al fatto che il nostro cervello non...
Psicologia

Come rilassarsi con l'ASMR

Avete problemi a prendere sonno e non sapete che fare? Rimanete svegli fino alle 4 di mattina a guardare video su internet, anche se vorreste solo rilassarvi e dormire? Avete bisogno che qualcuno vi coccoli un po' prima di addormentarvi? Ecco come rilassarsi...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come superare la fobia degli insetti

La fobia degli insetti, detta tecnicamente entomofobia o insettofobia, è un disturbo psichiatrico che provoca, in chi ne soffre, un terrore ingiustificato in presenza di un insetto, anche di uno notoriamente innocuo, o anche soltanto di fronte all'immagine...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.