Il concetto di simbiosi in psicologia

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Il concetto di simbiosi in psicologia è uno dei concetti più interessanti che riguardano l'individuo e il suo modo di diventare autonomo. Il termine deriva dalla parola greca Symbiosis che significa convivenza. Come vedremo, infatti, la simbiosi altro non è che un legame, una convivenza che unisce due individui (ma anche specie animali e vegetali), che permette loro di trarre benefici e vantaggi e diventare più forti. Se, da un lato, la simbiosi è indispensabile nelle fasi iniziali della vita (basti pensare ai neonati che se non vivessero in simbiosi con la madre, correrebbero il grande rischio di non superare i primi mesi), dall'altro essa può diventare una patologia: ciò accade quando, con il passare del tempo, la simbiosi diventa morbosa, creando in uno o più soggetti coinvolti difficoltà a relazionarsi e a formare la propria identità.

26

Occorrente

  • Consapevolezza
  • Conoscere se stessi
  • Rispetto
36

La simbiosi genitore- figlio

I primi studi sulla simbiosi furono condotti dalla ricercatrice Harlow, la quale si interessò allo stile di attaccamento negli scimpanzé. La Harlow scoprì che tanto più una scimmietta era attaccata alla madre tanto più resistente sarebbe stato il suo sistema immunitario nel corso degli anni. Effettuando studi descrittivi sui neonati, si è visto che anche nei cuccioli di uomo la simbiosi con la madre è fondamentale per la sopravvivenza fisica del bambino. La simbiosi madre-figlio permette al piccolo di crescere serenamente, anche nella vita futura, il bambino si sentirà sicuro di sé e protetto. Tra genitore e figlio si crea un legame fisico, emotivo, psicologico e ormonale. Con il passare degli anni, la convivenza simbiotica diminuisce, il bambino sviluppa le proprie risorse personale, il genitore aiuta il figlio a crescere e il legame inziale si attenua.

46

Simbiosi e dipendenza morbosa

Se invece si continua a vivere in simbiosi con il genitore, si ha un problema nel distacco e il figlio non sarà capace di sentirsi un'entità integra ed autonoma. Questo attaccamento patologico può essere trasferito anche all'interno di altri tipi di relazioni, a scuola, sul lavoro, nelle amicizie e nella relazione d'amore con il partner. Quando tra due o più adulti si crea una situazione di dipendenza che non consente la crescita, lo sviluppo delle capacità e l'assunzione di responsabilità si instaura una simbiosi negativa. Sul lavoro ad esempio, un capo autoritario, abituato a dare ordini, per niente collaborativo, poco incline a delegare e che non stimoli il suo team a trovare soluzioni in autonomia, può creare una dipendenza morbosa. I collaboratori si sentiranno deresponsabilizzati, torneranno ad essere un po' "bambini", non prenderanno iniziative e si limiteranno ad eseguire le direttive. In questi casi, il capo non avrà svolto bene il suo lavoro che consiste nello sviluppare le capacità professionali e le risorse dei suoi colleghi.

Continua la lettura
56

La coppia in simbiosi

Anche nella relazione di coppia, può capitare che, senza rendercene conto, l'intesa e l'armonia con il partner si trasformino in dipendenza morbosa. Quando incontriamo qualcuno che ci attrae proviamo un attaccamento molto forte, vorremmo essere sempre insieme, si pensa di non poter vivere senza l'altro, entriamo in una sorta di simbiosi con l'altro o l'altra. Con il passare del tempo però, proprio come accade nella relazione genitore-figlio, questo legame deve trasformarsi in un rapporto più maturo e meno assoluto in cui entrambe le parti possano affermare la propria personalità e le proprie idee. Nelle relazioni d'amore, in campo professionale e nelle amicizie occorre fare attenzione ai segnali di una relazione simbiotica morbosa e cercare di uscire da queste dinamiche il prima possibile. Ricavarsi i propri spazi anche con il proprio partner, coltivare interessi e hobby in modo indipendente, guardare alle questioni lavorative con un sano distacco, tutto questo ci aiuterà a vivere meglio la nostra vita di relazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per una relazione sana occorre avere fiducia in se stessi e capire ciò di cui abbiamo bisogno.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Psicologia: l'area cognitiva

La psicologia, specialmente in quest'ultimo periodo, ha saputo attrarre le attenzioni di un pubblico sempre più vasto. Con il termine cognitiva ci si riferisce a quella parte del cervello che esplica un insieme di competenze e di abilità psicologiche...
Psicologia

Psicologia: le emozioni positive

Nell'intero arco della vita, qualunque essere umano si ritrova a fronteggiare situazioni di vario genere che influenzano lo stato d'animo, la psiche in base alle reazioni ed anche, addirittura, lo stato fisico. In psicologia molti studi ormai concordano...
Psicologia

Psicologia: 5 tecniche per vincere la paura del dentista

Come vedremo nel corso di questa guida, è assolutamente naturale provare paura o esitazione di fronte all'eventualità di recarsi da un dentista per risolvere un problema dentario. Tuttavia, esistono delle tecniche apparentemente banali che possono aiutare...
Psicologia

Psicologia: la classificazione delle emozioni

L'emozione è definita una reazione affettiva intensa, di breve durata e con insorgenza acuta, determinata da uno stimolo ambientale o interno, che può essere naturale o appresa. La comparsa di ogni emozione comporta modificazioni a livello fisiologico...
Psicologia

Psicologia: come rimuovere i ricordi

Ci sono momenti nella vita che sembrano molto difficili da superare. Anche se le ferite sono lontane mesi o anni, i ricordi ci tormentano e non di permettono di vivere un presente sereno e gioioso. I ricordi fanno parte della nostra persona, del nostro...
Psicologia

Come Interpretare L'Arco In Sogno

In questa guida, abbiamo ben pensato di offrire un aiuto ai nostri lettori, per imparare come poter interpretare l'arco in sogno. Capita a tutti di sognare durante le nostre notti e saper capire ed interpretare, questi sogni, in ogni loro aspetto e segno,...
Psicologia

Come fare a non urlare quando si è arrabbiati

Quando abbiamo un attacco d'ira, urlare è una delle manifestazioni più comuni, naturali e quasi involontarie. Per parecchie persone, rappresenta addirittura un termine di sfogo per scaricare la propria rabbia. Tuttavia, pur essendo un modo molto efficace...
Psicologia

Bugie: come scoprire chi mente

La fiducia è, senza dubbio, un elemento fondamentale su cui si basano le relazioni interpersonali. Quando questa viene meno, quando il nostro partner, o un amico, o un familiare, ci racconta, ad esempio, delle bugie, è davvero difficile tornare a credere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.