Il cardo: proprietà e benefici

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida andremo ad elencare le proprietà ed i benefici del cardo, un ortaggio ipocalorico tipicamente invernale. Noto come "carciofo selvatico" per la somiglianza di gusto con quest'altro vegetale, il cardo si caratterizza per un sapore tendenzialmente più amarognolo. Tra le varietà in commercio ricordiamo il "mariano", lo "spadone", il "veronese", il "bolognese" ed il "riccio d'Asti", tutte organoletticamente interessanti, sebbene il più pregiato rimanga il "Gobbo" che nell'aspetto esteriore ricorda il sedano. Ma quali sono i benefici del consumo di cardo? Quante calorie apporta questo ortaggio? In che modo è possibile consumarlo per sfruttarne al meglio le proprietà? Vediamolo assieme!

26

Occorrente

  • cardo
36

Apporto nutrizionale e varietà

Particolarmente ricco di fibre e fonte importante di sali minerali come potassio, manganese, magnesio, calcio, zinco e fosforo, quest'ortaggio è composto per il 94% da acqua. La quota calorica è irrisoria considerando che possiede 17 calorie e 0,1% di grassi ogni 100 grammi. Presenti anche una buona percentuale di vitamine, in particolare la C e le B1, B2, B5 e B6. Come già detto, esistono diverse varietà di cardi e, pertanto, ognuno di essi vanta proprietà nutrizionali peculiari: il selvatico, ad esempio, sembra possedere notevoli qualità antitumorali garantite dalla ricchezza in antiossidanti, il mariano è impiegato per il trattamento di numerose malattie epatiche, come la cirrosi o l'epatite virale, il cardo piemontese trova impiego nella cura del pancreas. Tutte le varietà, comunque, sono adatte alla preparazione di decotti che si rivelano preziosi alleati in caso di ipotensione.

46

Potere curativo e benefici per la salute

Del cardo sono ben note le proprietà disintossicanti e depurative: esso, infatti, facilita l'eliminazione di radicali liberi, scorie e tossine agendo soprattutto su fegato, reni e pelle (in quest'ultimo caso, ad esempio, contrastando la psoriasi e aiutando nella rimarginazione delle ferite). Rilevante è anche il ruolo che svolge nella stimolazione dell'allattamento per merito delle sue qualità galattogene. Le virtù toniche e decongestionanti, inoltre, lo rendono un alimento utile anche a combattere gli effetti dell'affaticamento e dello stress. Come se non bastasse, questo splendido ortaggio aiuta tutti coloro che soffrono di sanguinamento rettale dovuto ad emorroidi in quanto promuove la riparazione e la rigenerazione tissutale.

Continua la lettura
56

Metodi di cottura e conservazione adeguati

Per mantenere inalterate sia le proprietà dell'ortaggio che il suo aspetto esteriore, è importante fare attenzione ai metodi di cottura e conservazione. Dopo aver ripulito il cardo ed eliminato le impurità, è bene bollirlo subito in acqua e limone al fine di evitare l'annerimento. Se l'immediata cottura non fosse possibile, va adagiato all'interno di una ciotola contenente lo stesso mix di liquidi e tenuto al fresco in frigo. Ricordiamo che una cottura troppo lunga nuoce alla stabilità delle vitamine quindi si deve tenere in considerazione anche questo parametro. I cardi sbollentati, tuttavia, posso essere avvolti in pastella e fritti in pochi minuti, risultando molto gustosi e croccanti. Altra possibilità di assunzione e cottura, al fine di trarne tutti i benefici possibili, è la produzione di decotto. Quest'ultimo si ottiene facendo bollire 250 grammi di acqua nella quale andranno adagiati 10 grammi di cardo fresco. La bevanda così ottenuta va bevuta rapidamente e non è consigliabile conservarla.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Chi soffre di ipertensione, deve moderare il consumo di cardo poichè questo promuove l'aumento della pressione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

La menta: proprietà e benefici

Le diverse specie di menta sono diffuse nelle regioni temperate, nascono spontaneamente prevalentemente nei territori umidi e vicino a corsi d'acqua. La menta appartiene alla famiglia delle labiatae. Tra le specie più comune vi sono la menta piperita...
Alimentazione

Teff: proprietà e benefici

Oggi vogliamo dedicare un po' d'attenzione ad un alimento ricco di proprietà benefiche, ma poco conosciuto: il Teff. Forse qualcuno di voi ne ha già sentito parlare, ma per chi non lo conosce, sappiate che si tratta di uno pseudo cereale, ovvero di...
Alimentazione

Latte d'avena: proprietà e benefici

Le opinioni sul latte vaccino sono ancora molto contrastanti, ma sempre più persone sostengono di avere problemi di digestione dopo l'assunzione di latte di mucca. Colite, piccoli crampi, corse frenetiche verso il bagno: effettivamente il latte vaccino...
Alimentazione

Amarena: proprietà e benefici

Le amarene sono dei deliziosi frutti abbastanza simili alle ciliege, che sono caratterizzate da un gusto agro-dolce e possono essere di svariate tipologie (chiare o scure e precoci o tardive). Nonostante esse presentino delle differenze in termini di...
Alimentazione

Proprietà e benefici del rosmarino

Spesso, quando abbiamo disturbi piuttosto lievi ma comunque fastidiosi, ci possiamo affidare al validissimo aiuto delle spezie e delle erbe aromatiche, di cui ormai al giorno d'oggi ne sono ampiamente riconosciute le proprietà benefiche.Basti pensare...
Alimentazione

Ribes: proprietà e benefici

Il ribes, dall'arabo 'ribas', cresce in maniera spontanea nel centro e nel nord Europa; è presente in molte e differenti varietà (tra le più conosciute vi sono il ribes rosso, nero e l'uva spina), e si distingue per le sue caratteristiche nutrizionali...
Alimentazione

Benefici e proprietà della paprika

L'utilizzo delle spezie in cucina è secolare, al fine di insaporire i cibi ed aromatizzarli in modi sempre più gustosi ed appetibili. Le spezie sostituiscono degnamente ed egregiamente il sale, apportando notoriamente dei particolari benefici che ognuna...
Alimentazione

Curcuma: proprietà e benefici

La Curcuma, o Curcuma longa, è una pianta erbacea perenne. È originaria del Tamilnadu, nel sud-est dell'India. Appartiene alle Zingiberaceae, della famiglia dello zenzero. Per vivere, richiede temperature abbastanza alte, comprese tra i 20°C e i 30°C....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.