I migliori gastroprotettori naturali

tramite: O2O
Difficoltà: media
19

Introduzione

Le erbe officinali ci portano sempre numerosi benefici, andando a migliorare sensibilmente il nostro benessere fisiologico. I loro principi attivi ci aiutano a fronteggiare diverse patologie, le quali investono diverse parti del corpo in modo più o meno aggressivo.
I vari rimedi naturali contro i piccoli grandi problemi del nostro organismo si possono facilmente reperire in erboristeria o presso negozi specializzati. Se si assumono con parsimonia, gli estratti di queste piante possono allontanare molti disturbi e risultare molto efficaci in breve tempo.
Ad esempio, tali rimedi possono essere utilizzati per proteggere lo stomaco in caso di terapie farmacologiche a lunga durata. I gastroprotettori sono davvero fondamentali per far sì che si evitino che le funzionalità gastriche subiscano fastidiose alterazioni. È fondamentale però che ogni rimedio naturale venga assunto sotto il controllo ed il parere di un medico esperto, il quale potrà indicare sia i rimedi da assumere che le dosi, dopo aver svolto ed eseguito sul paziente tutte le visite specialistiche che ritiene necessarie. Non bisogna mai procedere autonomamente all'assunzione di tali rimedi.
In questa guida, pertanto, verranno illustrati quali siano i migliori gastroprotettori naturali più diffusi ed utilizzati.

29

Occorrente

  • Erbe officinali
  • Alimentazione sana
39

La fitoterapia

Le cure a base di erbe si identificano nel termine "fitoterapia". Le piante riescono a proteggere in maniera ottimale le pareti dello stomaco e preservano l'intero apparato gastrointestinale da fenomeni molto comuni, come l'acidità.
Oltretutto, possiamo impiegare questi protettori naturali per regolare la cosiddetta "pesantezza di stomaco" dopo i pasti e risolvere problemi intestinali di media gravità.
La maggior parte dei prodotti naturali sono generalmente tisane o estratti assumibili per via orale. Tra le avvertenze più comuni troviamo quella relativa al dosaggio, che deve essere adeguato al tipo di problema riscontrato: la principale raccomandazione è quella di non esagerare con le quantità e di consultare sempre il medico.


Ora vediamo quali sono le principali sostanze atte a fronteggiare i fenomeni che si manifestano a seguito di una cattiva alimentazione o per via di un forte stress.

49

Il ficus

Il ficus (fico) è un eccellente antiacido. Il suo potere antinfiammatorio lo rende ideale soprattutto per intervenire su iperacidità, gastrite ed ulcera gastrica. L'estratto di questa pianta si deve assumere al mattino, a digiuno, e alla sera, dopo cena, e sempre a seguito della consultazione con il proprio medico curante. In questo modo il ficus andrà ad inibire la produzione di gastrina e di acido cloridrico, riuscendo ad essere efficace. Inoltre questo rimedio naturale interagisce con il cervello, rintracciando i centri nervosi responsabili della produzione di succhi gastrici e riportandoli al loro stato ottimale.

Continua la lettura
59

La melissa

Un secondo gastroprotettore naturale è la melissa. Si tratta di una pianta medica dalle cui foglie è possibile estrarre un olio essenziale dotato di notevoli proprietà antinfiammatorie e calmanti. Un impiego regolare di questo principio attivo, previo consiglio medico, consente di evitare il manifestarsi dell'acidità, che può avvenire sia a causa di una cattiva alimentazione, ma anche a seguito di un periodo particolarmente stressante.
La melissa agisce in particolar modo sulle mucose gastriche ed intestinali, ripristinandone il normale stato e riportando l'intero apparato al suo stato ideale. L'assunzione di quest'olio deve avvenire quotidianamente e in maniera costante, e può essere diluito in acqua oppure può essere bevuto sotto forma di tisana.

69

La liquirizia

Per prevenire una delle patologie più frequenti dell'apparato gastroenterico, ossia l'ulcera, la liquirizia risulta essere un'ottima soluzione naturale. Questa pianta, infatti, è ricca di sostanze benefiche, quali ad esempio i flavonoidi, che hanno un alto potere antinfiammatorio e antispasmodico.
È consigliata l'assunzione della liquirizia anche per ridurre l'infiammazione della mucosa gastrica, che spesso subisce alterazioni per via di un eccessivo utilizzo di medicinali, ma anche a causa di un alto consumo di cibo cosiddetto "malsano", come ad esempio cibi fritti.
Esistono diverse varianti della liquirizia. Generalmente la liquirizia acquistata in commercio non dovrebbe aver subito alcun trattamento industriale. Per aumentarne l'efficacia è consigliato assumerla prima dei pasti, in modo da creare una pellicola protettiva a difesa dello stomaco, ma sempre sotto parere medico.

79

L'acemannano

Per combattere i disturbi da reflusso gastroesofageo, dispepsia e ulcera duodenale, può rivelarsi molto prezioso l'acemannanno. Si tratta di un particolare tipo di polisaccaride, che può essere estratto sia dall'aloe vera, ma che si trova anche nel consumatissimo ginseng. Esso aiuta a preservare le pareti dello stomaco e contemporaneamente è in grado di svolgere una preziosa azione anti-batterica e germicida. In questo modo si potenziano e si preservano le innate capacità dell'organismo di assimilare i nutrienti, ma anche quelle di espellere autonomamente le tossine. In commercio è possibile reperire l'aloe vera gel, a basso contenuto di acqua e ricca di acemannanno.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non esagerate con le dosi e affidatevi sempre ai consigli di esperti e medici, evitando qualsiasi terapia fai da te
  • Utilizzate sistemi naturali al posto dei farmaci per proteggere lo stomaco
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

I migliori rimedi naturali per una buona digestione

Godere di una buona digestione è indispensabile per il benessere psicofisico di ogni individuo. Indipendentemente dalla dieta seguita, non è insolito soffrire di problemi quali meteorismo, mal di stomaco, acidità. Molti sono infatti i fattori che possono...
Rimedi Naturali

I 5 migliori diuretici naturali

Per diuresi si intende l'espulsione di urina da parte dell'organismo nelle 24 ore, questa si esprime in millilitri (ml), e in condizioni normali varia da 1000-1800 ml al dì.La diuresi è influenzata da diversi fattori: ambientali (ad esempio la temperatura),...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali contro la raucedine

Per i piccoli disturbi dell'organismo, non serve sempre ricorrere a farmaci e medicinali. Questi, talvolta, possono appesantire il fegato ed abbassare ulteriormente le difese immunitarie. La natura, in alcuni casi, può darci una grande mano: oli essenziali,...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali contro i capogiri

Il capogiro rappresenta un disturbo abbastanza comune. In buona sostanza, si ha la sensazione di stordimento, come se si avesse la testa "vuota". Si tratta di una sensazione improvvisa e transitoria, che per fortuna, nella maggior parte dei casi, non...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali: proprietà curative della passiflora

Da sempre, le erbe agiscono su bruciore o gonfiore intestinale, mal di testa, dolore ai denti, crampi e spasmi. La passiflora, rientra tra i rimedi naturali efficaci contro lo stress, l'insonnia, l'ansia, i dolori muscolari e l'isterismo. È una pianta...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per il viso stanco

All'interno della presente guida andremo a occuparci di rimedi per la stanchezza. Come avrete già compreso attraverso la lettura del titolo stesso della guida, ora andremo a spiegarvi quali siano i Rimedi naturali per il viso stanco.Quante volte sarà...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per la rosacea

La rosacea è un'eruzione cutanea che si manifesta solitamente sul viso. La parte del corpo che viene colpita si arrossisce a causa di una vera e propria infiammazione ed appare con delle chiazze. Fortunatamente, esistono dei farmaci specifici in grado...
Rimedi Naturali

Come eliminare il cattivo odore dalle ascelle con rimedi naturali

Sudare è fisiologico ed è una normale conseguenza del processo di traspirazione della pelle. Quando però il sudore si sedimenta nella zona ascellare, i batteri presenti nell'epidermide cominciano a moltiplicarsi esponenzialmente. Questo provoca un...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.