I 5 cereali a basso indice glicemico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ogni alimento, sia cotto che crudo, è caratterizzato da un proprio indice glicemico (IG). Tale parametro, che esplicita la capacità di un alimento di indurre l'incremento ematico degli zuccheri, dipende sia dai carboidrati presenti (quantità e qualità) che dall'eventuale contenuto di fibre. Nello specifico, per stabilire l'indice glicemico di un cibo, bisogna prima assumerne 50 grammi e valutare in che modo varia la glicemia. Indipendentemente dal fatto che si mangi un'intera sacher o una ciotola d'indivia belga scondita, il corpo reagirà immettendo glucidi nel torrente ematico, evento che scatena inevitabilmente la produzione d'insulina. Quest'ultimo è un ormone normalmente secreto dal pancreas e che svolge numerose funzioni vitali, tuttavia favorisce l'aumento di peso corporeo tramite lipogenesi, la formazione di coaguli e l'insorgenza del diabete di tipo II. Per tale ragione, stabilire un regime alimentare bilanciato, che tenga conto non soltanto della quota calorica di un pasto ma anche dell'indice glicemico, apporta benefici a chiunque. Nei passi di questa guida vedremo assieme quali sono i 5 cereali a più basso indice glicemico, permessi quindi anche all'interno di piani alimentari low-carb.

26

Orzo, il cereale col valore più basso di IG

Trovare cereali con basso indice glicemico è un'impresa titanica, perché sono tutti ricchi di zuccheri. Trovarne invece a basso "carico glicemico" è abbastanza comune. Ma che differenza c'è tra indice e carico? Mentre l'indice tiene conto fondamentalmente della qualità degli zuccheri, il carico vaglia principalmente la quantità. L'orzo perlato è il cereale a più basso indice glicemico, pari a 60, e anche a più basso carico, pari a 42,3. 100 grammi di prodotto posseggono circa 320 Kcalorie, 9 grammi di fibre, 14 di proteine, 1,4 di grassi e molti nutrienti indispensabili, quali calcio, ferro, sodio, fosforo e magnesio.

36

Segale, fibre e buon gusto

La segale è un cereale ricco di fibre e vitamine ma caratterizzato dal basso IG (pari a 45). Queste peculiarità ne fanno un prodotto salutare, capace di ridurre il senso di fame e tenere sotto controllo l'indice glicemico. Tra i cereali, la segale è quella che più spesso viene consumata come farina e ridotta in pane o pasta. 100 grammi apportano 342 Kcalorie, 16 grammi di proteine, 2,5 grammi di lipidi e 68 grammi di glucidi. A completare il quadro nutrizionale concorrono poi il ferro, la niacina, il calcio, il fosforo, la tiamina.

Continua la lettura
46

Avena, crusca e germe per il massimo nutrimento

L'avena è la regina delle colazioni: compattata in barrette o convertita in fiocchi croccanti, è scelta da milioni di consumatori per le sue proprietà nutritive ed antidepressive. 100 grammi di avena apportano 389 Kcal, 67 grammi di carboidrati, 17 grammi di proteine e 7 grammi di grassi. L'indice glicemico dell'avena è pari a 40 (valore medio) mentre il carico è pari a 28,92.

56

Riso integrale, un connubio perfetto di gusto e piacere

Il riso integrale ha effetti benefici inimmaginabili, tanto che il suo consumo regolare minimizza il rischio d'insorgenza di diabete di tipo II. Rispetto al riso bianco, la variante integrale contiene fibre, antiossidanti, vitamine B1, PP e minerali (potassio, calcio e fosforo). Il suo indice glicemico è medio ed è pari a 45.

66

Grano saraceno, buono e salutare

Il grano saraceno ha un indice glicemico pari a 50, è adatto a chi soffre di celiachia ed è ricchissimo di proteine. Contiene inoltre amminoacidi essenziali, compresa la lisina, presente in quantità minime negli altri cereali. 100 grammi di prodotto contengono 343 Kcal, 72 grammi di carboidrati, 13-14 grammi di proteine, 3,4 grammi di grassi e vitamine importantissime, quali B1, B2, B5 e PP.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Alimenti con il più basso indice glicemico

Per glicemia si intende la quantità di glucosio presente nel sangue. Tale glucosio nel sangue viene innalzato dai carboidrati presenti negli alimenti. L'indice glicemico (IG) misura appunto quanto i carboidrati influenzano l'innalzamento di glucosio,...
Alimentazione

Come ridurre l'indice glicemico dell'alimentazione

La frenesia della vita attuale, fa sì che ci resti poco spazio per potersi rilassare, stando un po' in tranquillità. Continuando a correre a destra ed a sinistra tutti i giorni dell'anno tutte le abitudini risultano modificate, soprattutto velocizzate....
Alimentazione

L'importanza dei cereali integrali

I cereali, più comunemente noti come frumento, segale, riso, avena e orzo rappresentano un degli alimenti fondamentali in fatto di nutrizione. Se inizialmente i cereali venivano consumati nella loro interezza, con il passare degli anni si è arrivati...
Alimentazione

I cereali: differenza tra chicco integrale e chicco raffinato

Molte persone sono solite consumare i cereali a colazione. Non tutti sanno che i cereali non sono tutti uguali ma ci sono delle sostanziali differenze. Innanzitutto c'è una grande differenza tra cereali interali e raffinati e questa differenza dipende...
Alimentazione

5 gustose idee per la colazione con i cereali

La colazione è il primo pasto della giornata, il più importante per dare la corretta energia al proprio corpo e iniziare la mattinata con la giusta carica, per questo motivo è bene mangiare correttamente, apportando un corretto nutrimento al nostro...
Alimentazione

Cereali: le alternative a pasta e riso

I cereali sono un cibo con ottime caratteristiche a livello nutrizionale. Sono un alimento sano, nutriente, naturale, ricco di fibre e leggero. Li troviamo in diverse preparazioni come per esempio per la prima colazione, o per dei gustosi snack, con l'aggiunta...
Alimentazione

Quali sono i cereali senza glutine

La celiachia è un'intolleranza alimentare che alcuni individui hanno nei confronti dei cibi contenenti glutine (il glutine è una sostanza formata dall'unione di due tipi di proteine: la gliadina e la glutenina presenti, in modo particolare, in alcuni...
Alimentazione

Come scegliere i cereali integrali

L'ingredienti principali degli alimenti per persone con disturbi alimentari o in regime di dieta ferrea sono i cereali integrali. Tale considerazione, per fortuna, è solo un retaggio del passato, infatti oggi i prodotti integrali sono entrati a pieno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.