Farinaccio: usi e proprietà curative

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il farinaccio (conosciuto in ambito scientifico con il termine di Chenopodium Album, ma ordinariamente denominato "farinello comune") è una pianta erbacea di facile reperibilità, che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Trovare questo vegetale lungo le coste italiane è facilissimo, poiché diffuso un po' in tutta la penisola. In ambito culinario, il farinaccio ha diversi usi ed è rinomato per il suo grande apporto di vitamina B, tuttavia in campo agricolo viene considerata una pianta infestante. All'interno di questa guida vedremo assieme quali sono gli usi e le proprietà curative di questa famosa pianta, che si presenta con un aspetto mite ed un grande potere nutritivo.

26

Occorrente

  • Farinaccio
  • tazza con infusore
36

Caratteristiche della pianta

Prima di tutto valutiamo le caratteristiche: il farinaccio è una pianta erbacea annuale, che non è dotata di una vera e propria corolla. Le foglie non possiedono l'ocrea e presentano un odore particolarmente spiacevole. Questa pianta raggiunge un'altezza massima di un metro e mezzo, tuttavia tende a decrementare le proprie dimensioni dopo aver dato frutto. Presenta un asse dritto con pochissime foglie "lanceolate", mentre le radici sono "a fittone", quindi dure, lunghe e resistenti. Il fusto è ramificato, glabro e presenta delle piccole aree rossastre. Le persone che s'imbattono nel farinaccio riescono a distinguerlo, rispetto alle altre piante, grazie alla presenza, nelle parti basse delle foglie, di una farina di colore bianco. Questo vegetale può essere colto sia nel periodo di giovinezza che in una fase più senile.

46

Nutrienti presenti in busto e foglie

Per ciò che concerne le proprietà curative, va detto che queste dipendono dai nutrienti posseduti. Il farinaccio presenta le vitamine A, B e C, necessarie per la riparazione tissutale e la vitalità. Contiene inoltre numerosi minerali, quali il calcio, il ferro ed il potassio, con l'apporto di preziose fibre ed importanti proteine. I semi sono ricchi di lisina, ovvero un aminoacido essenziale, poco presente nei cereali e che l'uomo non è in grado di sintetizzare. Tutte queste peculiarità rendono il farinaccio un ottimo lassativo, utilizzabile anche come antireumatico, antiflogistico ed antielmintico. Particolare attenzione va data infine alle foglie, ricche di tiamina, sodio, fosforo, zinco, niacina, riboflavina, carboidrati e grassi.

Continua la lettura
56

Utilizzi in ambito culinario ed erboristico

Vediamo adesso i suoi utilizzi: come la maggior parte delle piante con proprietà curative, anche il chenopodio viene impiegato sia a scopo medicamentoso che cosmetologico. Nel campo erboristico si possono utilizzare le foglie per curare le punture di insetto, i dolori reumatici, i dolori dentali ed i colpi di sole. In ambito culinario, invece, questa nobile pianta sostituisce gli spinaci, insaporisce le frittate, farcisce i ravioli di pasta fresca, viene spadellata ed inserita nel ripieno delle torte salate. Sono edibili anche i semi, che possono essere cucinati come i comuni legumi o essiccati e ridotti in farina per la realizzazione di svariate ricette. Gli amanti delle tisane, poi, possono degustarla come infuso, immergendola in acqua calda e godendo così del suo potere anti meteorismo ed anti gastralgia. Ovviamente, pur essendo un prodotto naturale, non bisogna esagerare con i dosaggi in quanto un uso improprio può portare ad effetti collaterali quali: vomito, diarrea e mal di stomaco. Per ridurre il rischio di tali eventi avversi, è bene scottare le foglie in abbondante acqua salata.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non eccedere con le dosi, il farinello può essere consumato in tutta tranquillità ma solo moderatamente
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
Rimedi Naturali

Enagra comune: usi e proprietà curative

L’enagra comune (conosciuta scientificamente con il termine di Oenothera Biennis) è un arbusto che appartiene alla categoria delle “Onagraceae”. Uno dei primi a studiarla e catalogarla fu Carl Von Linné, meglio conosciuto con il nome di Linneo,...
Rimedi Naturali

Peonia selvatica: usi e proprietà curative

La peonia selvatica (famosa scientificamente con la denominazione di Paeonia Officinalis) rappresenta un arbusto che appartiene alla specie delle "Paeoniaceae": il primo studioso esperto a definirla in questo modo fu il conosciuto botanico svedese Carl...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.