Esercizio: corretta esecuzione del Pulley Basso

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Pulley Basso molto utilizzato in palestra; è un esercizio molto completo, che riesce ad allenare in toto la maggior parte dei muscoli; specialmente il romboide, il grande dorsale e il trapezio. Questa pratica tuttavia necessita di un'attenta supervisione da parte di un esterno. Per questo per uno svolgimento completo di questo esercizio è altamente consigliata la presenza di un personal trainer molto esperto, che ci illustri molto chiaramente, e in pratica lo svolgimento completo dell'esercizio. In questa guida spiegheremo nel modo più esauriente possibile come fare una corretta e completa esecuzione di questo esercizio.

27

Occorrente

  • La macchina per il pulley basso e un buon allenatore.
37

Trovare la posizione giusta

Per una corretta esecuzione del pulley basso bisogna assumere la giusta posizione. Innanzitutto bisogna sedersi in posizione frontale, con la schiena piatta e gli occhi rivolti verso la macchina. Afferrare l'attrezzo con due mani in una presa sicura e decisa. Sistemare i piedi sulle apposite piastre e tenere dritta la schiena. Il corpo deve avere un angolo di 90°. Il collo, allo stesso modo, deve essere dritto.
Bisogna fare molta attenzione a questi accorgimenti per evitare traumi, nel caso ce ne sia bisogno cerca sempre di chiedere aiuto al momento del bisogno al tuo personal trainer.

47

Durante esercizio

A questo punto porta l'attrezzo verso la regione addominale. Ti verrà naturale andare un pochino indietro con il tronco. Cerca di limitare questo movimento al minimo indispensabile, oscillando di pochissimo oltre l'angolo di 90°. Ad ogni modo, non devi MAI incurvare la schiena o il collo durante tutta la durata dell'esercizio.
Guarda sempre davanti, con gli occhi rivolti verso la macchina.
Per migliorare la prestazione ed eseguire in modo corretto l'esercizio è necessaria una corretta respirazione durante gli esercizi. Durante lo sforzo, cioè quando si effettua la trazione, occorre espirare, cioè buttare fuori l'aria ed inspirare durante la fase di scarico dell'esercizio. Questo metodo funziona molto bene, anche se inizialmente un principiante troverà questa pratica come una ulteriore fatica che potrebbe confonderlo. Ma, in verità, eseguire una corretta respirazione presuppone una buona dose di concentrazione e richiama l'attenzione dell'atleta a ciò che sta facendo.

Continua la lettura
57

Completamento esercizio

Completata la trazione (passo 2), stendi i gomiti lentamente e inclina leggermente il tronco in avanti, scendendo di poco sotto i 90° della posizione di riposo, senza curvare la colonna vertebrale.
Inspira in questa fase per poi espirare durante la fase di trazione. Ripeti in seguito la trazione seguendo le istruzioni del tuo allenatore.

67

Ultime indicazioni

Come ultime direttive, è fondamentale avere un esercizio costante affinché si notino dei risultati. L'esercizio solitamente lo si suddivide in tre serie da dodici, cioè in una serie il movimento si ripete dodici volte, e la serie va svolta tre volte, alternandola con un minuto di pausa per far recuperare i muscoli; esercizio può essere suddiviso in maniera diversa anche dal tipo di allenamento fatto dal personal trainer. Fondamentale è la presenza di qualcuno esperto per le prime volte che si va ad affrontare questo esercizio, nonostante non sembri complicati, questo in realtà lo è, sopratutto perché va a incidere sui muscoli della schiena, molto delicati, per questo all'inizio sopratutto, è meglio non esagerare col peso, almeno finché non si sarà imparato alla perfezione esercizio.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Attenzione a non esagerare con il peso. L'importante è eseguire per bene l'esercizio e le indicazioni del tuo personal trainer.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Fitness

Esercizio completo di Reverse Fly

Il Reverse Fly è il più efficace tra gli esercizi che aiutano a potenziare i muscoli della parte superiore del corpo. In particolar modo, durante la fase di esecuzione vengono coinvolti i trapezi, i muscoli romboidi, il sotto-spinato, il piccolo ed...
Fitness

Esercizio: rematore con manubrio e muscoli coinvolti

Il rematore con manubrio è un esercizio utilizzato per l'allenamento di spalle e schiena, o meglio nell'insieme dei dorsali. In questa guida vi elencherò tutti i muscoli coinvolti in questo esercizio, per poi proseguire con la descrizione degli strumenti...
Fitness

Come allenare il petto basso

Quando arriva la bella stagione non sono solo le donne che vogliono perdere i chili di troppo accumulati sui punti più critici. Infatti, anche gli uomini sono attenti alla prova costume e cercano di sfoggiare un bel fisico sotto il sole. Chi rientra...
Fitness

Esercizio: sollevamento del bacino con fitball

Parleremo in questo articolo di come eseguire in maniera corretta il sollevamento del bacino con fitball. È un esercizio semplice ma comunque di livello avanzato rispetto al normale ponte per i glutei che si esegue con i piedi a terra.Inoltre questo...
Fitness

Esercizio: sollevamento laterale con manubrio

Essere in forma non significa soltanto stare bene con il proprio corpo ma anche sentirsi a proprio agio con gli altri. Cosa c`è di meglio quindi di qualche esercizio con manubri, a casa propria o in palestra, per mantenere un corpo sano e forte? I manubri...
Fitness

Esercizio: curl con bilanciere

Per tonificare o potenziare le braccia, l'esercizio più adatto è il curl con bilanciere. Si tratta di un insieme di movimenti base per allenare i bicipiti. Noto anche a chi non pratica body building, il curl con bilanciere serve ad aumentare la massa...
Fitness

Esercizio: trazioni alla sbarra

Un corretto allenamento e un'adeguata attività fisica sono un toccasana per la mente e per il corpo. Ci sono alcuni esercizi per cui non è necessaria o indispensabile iscrizione in palestra o strumenti particolari: fare trazioni alla sbarra ad esempio....
Fitness

Esercizio: addominali a V con estensioni delle gambe

Tenersi in forma è sempre una cosa fondamentale. Ogni piccolo movimento ci permette di tenere allenate le ossa e i muscoli. Alcune zone del corpo necessitano di più lavoro e costanza per mantenerle in forma. Una di queste è sicuramente l'addome, responsabile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.