Crescione dei prati: usi e proprietà curative

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella seguente guida andremo a parlare di proprietà curative e di usi delle piante. Nel caso specifico, andremo a dedicarci al cosiddetto crescione dei prati. Proveremo a conoscere gli usi che si fanno di questa pianta e le sue proprietà curative verificate. Lo faremo passo dopo passo, in modo da semplificarvi la comprensione delle argomentazioni che andremo a sviluppare nei prossimi passi.
Il crescione dei prati (conosciuto scientificamente con il termine di Cardamine Hirsuta) è un arbusto che appartiene alla famiglia delle "Brassicaceae". È molto utilizzata per diversi scopi (terapeutici, cosmetici ecc...). Veniva adoperata dalla medicina popolare per ostacolare la perdita di capelli. Questa guida vi spiegherà, attraverso i passi successivi, quali sono gli usi e le proprietà curative di questa eccellente e famosa pianta.

26

Come anticipato nel passo introduttivo della guida, andiamo a scoprire immediatamente gli usi e le proprietà del crescione dei prati. Vediamo le sue caratteristiche... L'habitat adatto per il crescione dei prati è rappresentato da stagni d'acqua corrente o da ruscelli. Solitamente si coltiva in terreni molto umidi. E’ una pianta erbacea annuale ed è chiamata anche erba da minestra. Cresce nei campi non coltivati, lungo i muri e in zone umide fino a 1600 metri. Il suo fusto è epigeo, ha caratteristiche ramificate già alla sua base ed è ascensionale. Le sue foglie sono basali ed i fiori, specialmente di colore bianco nella maggior parte dei casi, sono divisi in grappoli collegati. Il suo frutto è detto siliqua rettilinea.

36

Vediamo le sue proprietà... Il crescione dei prati è ricco di elementi organici solforati pieni di vitamine (soprattutto la vitamina A e la C) e sali minerali, quindi di conseguenza ha risultati, antiscorbutici, vitaminizzanti, espettoranti, diuretici, antireumatici, ricostituenti, antianemici. In questa pianta gli studiosi hanno trovato tantissime qualità curative, portate nella maggior parte dei casi dalla presenza massiccia di sostanze minerali, come: il calcio, il ferro e lo iodio. Proprio per questo motivo, il crescione dei prati viene utilizzato spesso a fini ricostituenti, in casi di anemia e di deperimento fisico.

Continua la lettura
46

Vediamo i suoi usi... Per uso terapeutico/farmaceutico si utilizza l’erba intera o le cime fiorite, in precedenza recise prima dello sbocciare dei fiori. Si colgono le foglie complete per mangiarlo come un ortaggio. Il crescione dei prati si utilizza solitamente fresco, ovviamente dopo averlo lavato in maniera accurata. Si può deumidificare all'ombra, in luogo ventilato. Una volta essiccato si può conservare in contenitori di vetro ben sigillati o in buste di carta ben chiuse. Nel settore della ristorazione può essere adoperato in diversi modi. Si possono fare dei fantastici crostoni per antipasto aggiungendo al crescione la cipolla, l’aglio, l’olio, il sale e il pepe, spalmare il tutto su fette di pane imburrate (preferibilmente abbrustolite). Inoltre, sempre dal punto di vista alimentare, potreste sbizzarrirvi con delle insalate, magari con quella di patate, con un po' di aceto ed olio, e con l'aggiunta di alcune spezie a vostra discrezione, in base ai vostri gradimenti personali. Per aumentare l'appetito prima di mangiare, potreste aggiungere al caffè questa pianta, che andrà comunque filtrata. Inoltre, l'acne è una situazione della cute che può trovare rimedio utilizzando il crescione dei prati, attraverso un infuso in acqua bollita.
Vi consiglio la lettura di quest'articolo: http://www.labiolca.it/non-solo-cibo-mainmenu-36/2225-lortaggio-del-mese-crescione.
Spero che questa guida sugli usi e le proprietà curative del crescione dei prati vi sia stata utile.

56

Guarda il video

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Utilizzatelo per gli usi descritti nella guida
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Vilucchio comune: usi e proprietà curative

Convolvulus Arvensis è il nome scentifico della pianta che comunemente viene chiamata convolvolo oppure vilucchio comune. Le sue origini si trovano nel continente asiatico ed europeo, per cui in Italia è largamente diffuso. Essa è una pianta selvatica...
Rimedi Naturali

Nocciolo: usi e proprietà curative

Il nocciolo (conosciuto nel gergo scientifico con il nome di Corylus Avellana) è un arbusto facente parte della famiglia delle "Betulaceae". Il suo nome deriva del greco "kurl" ed è originaria del paese di Avella, una città in provincia di Avellino....
Rimedi Naturali

Farinaccio: usi e proprietà curative

Il farinaccio (conosciuto scientificamente con il termine di Chenopodium Album e comunemente con la denominazione "farinello comune") è una pianta erbacea molto comune che fa parte della categoria delle "Amaranthaceae". Si può trovare soprattutto lungo...
Rimedi Naturali

Assenzio selvatico: usi e proprietà curative

L’Artemisia Vulgaris o assenzio selvatico appartiene alle Asteracee. La pianta erbacea infestante vegeta nei campi incolti, lungo i fiumi ed i torrenti. Dalle foglie pennatofide, il fusto legnoso e rossastro, possiede fiori giallognoli. La pianta si...
Rimedi Naturali

Ortica bianca: usi e proprietà curative

L'ortica bianca, è un arbusto che fa parte della famiglia delle Lamiaceae. Scientificamente essa è conosciuta con il termine di Lamium Album. Inoltre, è considerata dagli esperti una pianta piccola perenne e specialmente erbacea. In questo articolo,...
Rimedi Naturali

Caprifoglio giapponese: usi e proprietà curative

Il caprifoglio giapponese o Lonicera Japonica è un arbusto rampicante. Appartiene alle Caprifoliaceae. Il naturalista e botanico svedese Carl Peter Thunberg ne classificò per primo la specie. La pianta vanta numerose proprietà curative. In fitoterapia,...
Rimedi Naturali

Robinia: usi e proprietà curative

La robinia (conosciuta col nome scientifico di Robinia Pseudoacacia) è una piantagione originaria dell’America Settentrionale ed appartenente alla famiglia delle “Fabaceae”. Essa fu portata in Europa grazie al famoso giardiniere Jean Robin in onore...
Rimedi Naturali

Uva turca: usi e proprietà curative

L’ uva turca (conosciuto scientificamente con il termine di Phytolacca decandra) è un arbusto che fa parte della specie delle “Phytolaccaceae. Il famoso Carl Von Linné fu il primo esperto botanico a scoprire tale pianta, reputandola “ricca di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.