Come utilizzare la tintura di iodio

Di: N. T.
Tramite: O2O 28/01/2017
Difficoltà: facile
16
Introduzione

Inventata dal chirurgo croato Antonio Grossich, la tintura di iodio è un disinfettante acquistabile senza ricetta medica, in quanto parte dei cosiddetti "prodotti da banco". A livello chimico si tratta di una soluzione composta da iodio e ioduro di potassio, immersi in una miscela di etanolo ed acqua. Impiegato per la prima volta nella guerra italo-turca del 1911, questo composto dal classico colore rosso viene comunemente utilizzato per disinfettare ferite ed escoriazioni. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad utilizzare la tintura di iodio.

26
Occorrente
  • Sapone, acqua corrente, forbicine, garze e tintura di Iodio
36

A livello disinfettante, lo iodio agisce bloccando la proliferazione di germi e batteri. A differenza infatti dei più comuni medicamenti quale ad esempio l'alcol etilico, questa sostanza non è irritante ed è considerata molto più efficace nell'uccidere i batteri presenti sulla ferita. A livello pratico, ovvero in caso di ferita lieve e superficiale, dobbiamo prima di tutto eliminare i corpi estranei penetrati nel tessuto quali sassi e frammenti di vetro. Questo va fatto con l'utilizzo di una garza sterile che deve essere mossa delicatamente dall'interno verso l'esterno della ferita.

46

Una volta rimossi i frammenti, è bene lavare la ferita con acqua fredda. Ricordiamoci sempre che l'acqua rappresenta la priorità a prescindere dal tipo di disinfettante utilizzato, il lavaggio deve essere fatto sulla zona colpita o traumatizzata. Questo consentirà di rimuovere anche i più piccoli frammenti che nella maggior parte dei casi tendono ad insinuarsi nelle parti lese.

Continua la lettura
56

In ultimo, spennellare con la tintura di iodio, in maniera uniforme e senza esagerare con il quantitativo. Parlando di ferite è bene ricordare che la tintura di iodio trova applicazione non solo nei traumi più lievi ma anche in ambito chirurgico ovvero per quei tagli creati appositamente a scopo terapeutico dopo un'operazione. Nonostante le proprietà della tintura di iodio siano da tempo conosciute e ben apprezzate, è importante non dimenticare le più note precauzioni per l'uso. Tra queste è sconsigliato l'utilizzo in caso di soggetti allergici allo iodio, l'applicazione su parti esposte come gli occhi e la tenuta al di fuori della portata dei bambini. A questo punto potremo finalmente riuscire ad utilizzare correttamente la tintura di iodio per curare le nostre ferite, dopo aver letto tutte le indicazioni riportate in precedenza all'interno di questa guida.

66
Consigli
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

Come far cicatrizzare velocemente una ferita

A chiunque sarà già capitato di ferirsi quando meno se lo aspetta: durante le pulizie domestiche, mentre lavoriamo, se scivola un vaso di vetro o un bicchiere sul pavimento e cerchiamo di raccoglierne i frammenti senza utilizzare dei guanti resistenti....
Salute

Come prevenire i raffreddori estivi

Il raffreddore è uno dei malanni più fastidiosi che si possano soffrire, in particolar modo d'estate. Avere il naso che cola non è solo fastidioso ma disgustoso e causa, se non curato, tosse e asma in molti casi. Combattere il raffreddore estivo è,...
Salute

5 modi per tornare in forma dopo l'influenza

Chi nei mesi invernali non ha mai beccato l'influenza? Il rischio di incorrere in questo malanno di stagione è sempre in agguato e chi riesce a scamparvi può ritenersi davvero fortunato. Mal di testa, congestione nasale, debolezza, sono solo alcuni...
Salute

Rimedi naturali per le allergie

Le allergie colpiscono molte persone, si stima che nel mondo circa il 25% della popolazione ne soffra. La più comune forse è la rinite, spesso causata dai pollini primaverili. Tuttavia ne esistono anche di natura alimentare, farmacologica e anche da...
Salute

Ritenzione idrica: come riconoscerla

La ritenzione idrica, chiamata anche edema, si riscontra quando il corpo comincia ad accumulare una quantità eccessiva di liquidi nei tessuti, che generalmente vengono irrorati dalla circolazione sanguigna. In condizioni normali, il sistema linfatico...
Salute

Come combattere la pesantezza alle gambe

Avere le gambe pesanti rappresenta un sintomo molto diffuso tra le persone, soprattutto raggiunta una certa soglia di età. Questa condizione, che si può riscontrare durante tutte le stagioni, è spesso accompagnata da fastidio e disagio. Come combattere,...
Salute

Come regolarizzare il ciclo mestruale

Uno squilibrio ormonale o lo stress influenzano il ciclo mestruale. Possono comportare una certa irregolarità nel flusso e nella frequenza. In ogni caso, per scongiurare eventuali complicazioni, ai primi segnali consulta il tuo ginecologo di fiducia....
Salute

Mal di pancia: rimedi omeopatici

Il mal di pancia è un inconveniente capace di rovinare intere giornate, apportando alla vita familiare, amicale o lavorativa, un profondo disagio psicologico. La sua insorgenza limita infatti gli spostamenti, mette di cattivo umore e non predispone al...