Come utilizzare la tintura di iodio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Inventata dal chirurgo croato Antonio Grossich, la tintura di iodio è un disinfettante acquistabile senza ricetta medica, in quanto parte dei cosiddetti "prodotti da banco". A livello chimico si tratta di una soluzione composta da iodio e ioduro di potassio, immersi in una miscela di etanolo ed acqua. Impiegato per la prima volta nella guerra italo-turca del 1911, questo composto dal classico colore rosso viene comunemente utilizzato per disinfettare ferite ed escoriazioni. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire ad utilizzare la tintura di iodio.

25

Occorrente

  • Sapone, acqua corrente, forbicine, garze e tintura di Iodio
35

A livello disinfettante, lo iodio agisce bloccando la proliferazione di germi e batteri. A differenza infatti dei più comuni medicamenti quale ad esempio l'alcol etilico, questa sostanza non è irritante ed è considerata molto più efficace nell'uccidere i batteri presenti sulla ferita. A livello pratico, ovvero in caso di ferita lieve e superficiale, dobbiamo prima di tutto eliminare i corpi estranei penetrati nel tessuto quali sassi e frammenti di vetro. Questo va fatto con l'utilizzo di una garza sterile che deve essere mossa delicatamente dall'interno verso l'esterno della ferita.

45

Una volta rimossi i frammenti, è bene lavare la ferita con acqua fredda. Ricordiamoci sempre che l'acqua rappresenta la priorità a prescindere dal tipo di disinfettante utilizzato, il lavaggio deve essere fatto sulla zona colpita o traumatizzata. Questo consentirà di rimuovere anche i più piccoli frammenti che nella maggior parte dei casi tendono ad insinuarsi nelle parti lese.

Continua la lettura
55

In ultimo, spennellare con la tintura di iodio, in maniera uniforme e senza esagerare con il quantitativo. Parlando di ferite è bene ricordare che la tintura di iodio trova applicazione non solo nei traumi più lievi ma anche in ambito chirurgico ovvero per quei tagli creati appositamente a scopo terapeutico dopo un'operazione. Nonostante le proprietà della tintura di iodio siano da tempo conosciute e ben apprezzate, è importante non dimenticare le più note precauzioni per l'uso. Tra queste è sconsigliato l'utilizzo in caso di soggetti allergici allo iodio, l'applicazione su parti esposte come gli occhi e la tenuta al di fuori della portata dei bambini. A questo punto potremo finalmente riuscire ad utilizzare correttamente la tintura di iodio per curare le nostre ferite, dopo aver letto tutte le indicazioni riportate in precedenza all'interno di questa guida.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

Come far cicatrizzare velocemente una ferita

A chiunque sarà già capitato di ferirsi quando meno se lo aspetta: durante le pulizie domestiche, mentre lavoriamo, se scivola un vaso di vetro o un bicchiere sul pavimento e cerchiamo di raccoglierne i frammenti senza utilizzare dei guanti resistenti....
Salute

I benefici e le controindicazioni delle grotte di sale

Molte persone che amano ricorrere a rimedi naturali quando soffrono di problemi lievi di salute, molto spesso si recano all'interno di grotte ricoperte di sale. La grotta di sale non è altro che una sorta di grotta, completamente ricoperta di un sale...
Salute

I benefici del vivere vicino al mare

L'acqua cristallina, la brezza marina, la salsedine sono un vero toccasana per l'umore ed il benessere fisico. Una vacanza in una località costiera può migliorare la vita e renderla più piacevole. Un nuovo studio condotto dalla Exeter University rivela...
Salute

5 modi per tornare in forma dopo l'influenza

Chi nei mesi invernali non ha mai beccato l'influenza? Il rischio di incorrere in questo malanno di stagione è sempre in agguato e chi riesce a scamparvi può ritenersi davvero fortunato. Mal di testa, congestione nasale, debolezza, sono solo alcuni...
Salute

5 buone ragioni per fare yoga al mare

Lo yoga è una pratica sportiva estremamente rilassante, che permette di allenare muscoli e mente in totale equilibrio.Non ha bisogno di particolari attrezzi, e si può praticare facilmente ovunque dalla saletta in palestra al bosco, o ancora in montagna,...
Salute

Come eliminare il mal di testa col salice bianco

Il Salice bianco come molti e specie vegetali, è un ottimo rimedio per contrastare diversi disturbi tra i quali pure il mal di testa. Per sapere come eliminare il mal di testa col salice bianco, disturbo molto comune e diffuso, vi suggerisco di seguire...
Salute

Rimedi naturali per alleviare la sindrome premestruale

La fase immediatamente precedente alle mestruazioni rappresenta senza dubbio un momento delicato per ogni donna. Irritabilità, mal di pancia, senso di gonfiore e mal di testa: ecco i sintomi più diffusi che caratterizzano questo periodo. Ma da oggi,...
Salute

Come regolarizzare il ciclo mestruale

Uno squilibrio ormonale o lo stress influenzano il ciclo mestruale. Possono comportare una certa irregolarità nel flusso e nella frequenza. In ogni caso, per scongiurare eventuali complicazioni, ai primi segnali consulta il tuo ginecologo di fiducia....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.