Come trattare una contusione al gomito

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Subire una contusione o un trauma è un qualcosa che può capitare a chi svolge un'attività sportiva, oppure a chi esegue dei comunissimi lavori domestici o nel proprio garage di casa. Una volta che succede un evento del genere, la prima cosa che si tende a fare è quella di attivarsi per trovare una soluzione che riduca il dolore. Tuttavia, non sempre si è a conoscenza del giusto trattamento, in grado di alleviare il dolore e di fare in modo che la contusione non peggiori. In questa guida spiegheremo, dettagliatamente, come trattare una contusione al gomito.

27

Occorrente

  • Ghiaccio e Bende
37

Una contusione è una lesione di natura traumatica, provocata dall'impatto meccanico con un corpo contundente. Molto frequentemente, una contusione è associata ad un travaso di sangue di varia entità, a cui può susseguirsi la formazione di un ematoma. Esistono dei differenti tipi di contusioni, che si differenziano a seconda della zona anatomica interessata. Le contusioni, solitamente, possono essere di natura cutanea, muscolare, ma quelle che avvengono con una maggiore frequenza sono quelle di tipo articolare. In particolar modo, la contusione del gomito è tra le più frequenti e dolorose che ci siano. A seguire, spiegheremo come intervenire nel caso in cui la contusione interessi proprio questa parte del corpo.

47

In caso di contusione, è fondamentale attenersi immediatamente ad un semplicissimo protocollo, denominato "protocollo R. I. C. E". Praticamente, è un acronimo, in lingua inglese, le cui lettere sono le iniziali di alcuni termini che hanno un significato ben preciso. Rest vuol dire riposo, mentre Ice sta per ghiaccio, Compression vuol dire compressione, ed Elevation significa elevazione. Tale metodologia operativa è consigliata dalla medicina dello sport. La prima fase da seguire è, pertanto, il riposo. Infatti, subito dopo aver subito un trauma, è fondamentale mettere a riposo la parte interessata, senza farle fare degli sforzi che potrebbero peggiorare l'entità della lesione.

Continua la lettura
57

La seconda fase a cui occorre attenersi consiste nel trattare il gomito con degli impacchi di ghiaccio per 20-30 minuti ogni ora per 4 ore circa. È fondamentale, tuttavia, evitare l'azione prolungata del ghiaccio, in quanto potrebbe provocare un ritardo della fase di guarigione. È noto a tutti, infatti, che la crioterapia è un trattamento molto utile per contrastare la formazione degli ematomi e dei gonfiori, per mezzo della sua azione vasocostrittrice, che impedisce lo stravaso di sangue nei tessuti. Inoltre, il ghiaccio presenta un'azione analgesica temporanea, dal momento che inibisce la trasmissione degli impulsi dolorosi.

67

La terza fase da seguire si accompagna alla seconda, in quanto, la compressione deve essere effettuata insieme all'impacco di ghiaccio per un tempo di 20-30 minuti come precedentemente descritto, e con un successivo bendaggio del gomito tra un'applicazione e l'altra. Il bendaggio, che è probabilmente la parte più importante del trattamento, può essere associato a pomate antinfiammatorie o ad antinfiammatori naturali. Tra questi ultimi, annoveriamo l'artiglio del diavolo o la polpa di ananas, che deve persistere per 24-48 ore.

77

L'ultimo procedimento da seguire prevede l'elevazione della parte interessata al di sopra del cuore. Pertanto, in questo caso stiamo parlando del gomito, che deve essere innalzato sopra il livello del muscolo cardiaco, per evitare un accumulo di sangue ed il conseguente ritorno venoso. In questa maniera, infatti, si favorisce la guarigione della zona traumatizzata. In conclusione, seguendo il protocollo R. I. C. E. Si può riscontrare una guarigione parziale, se non totale. Nel caso in cui il dolore ed il gonfiore non si siano ridotti dopo 48 ore dall'evento traumatico, è necessario rivolgersi ad un medico.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come trattare un'irritazione cutanea

In questo articolo vedremo come trattare un'irritazione cutanea. Esse potranno essere di natura varia e perciò sarà prima di tutto indispensabile escludere patologie possibili maggiormente gravi, che dovranno essere trattate consultando prima il vostro...
Rimedi Naturali

Come trattare un eczema con il mango

Come trattare l'eczema con il mango. L'eczema è una infezione alla pelle causata da tantissimi fattori e di differente natura. Una alimentazione errata (poca o nessuna tolleranza ad alcuni alimenti che risultano essere allergici), presenza di freddo...
Rimedi Naturali

Come trattare la pelle del viso in estate

Quando arriva l'estate non vediamo l'ora di dedicare il nostro tempo alla tintarella esponendoci ai raggi solari anche per un periodo di tempo eccessivo. Inconsciamente stiamo danneggiando la nostra pelle, non solo l'esposizione ai raggi solari provoca...
Rimedi Naturali

Come trattare la dermatite da pannolino con rimedi naturali

I neonati presentano la pelle molto delicata, per questo motivo bisogna fare molta attenzione soprattutto durante i primi mesi di vita, all'igiene e alla pulizia quotidiana; generalmente sono soggetti alla dermatite da pannolino, infatti durante i primi...
Rimedi Naturali

5 alternative naturali all’ibuprofene per trattare il dolore

Nel caso di malesseri diffusi e di moderata entità come disturbi mestruali, cefalea e dolori articolari, che compromettono in maniera significativa e invalidano lo svolgimento delle ordinarie azioni quotidiane e attività professionali, si fa sempre...
Rimedi Naturali

Come Praticare Un Massaggio Shiatsu Sull'Addome

Massaggiare un corpo è senza dubbio, una delle forme più antiche e naturali di terapia: da come si evince dall'etimologia del termine "massaggio" (dal greco massein, «impastare», «modellare»), questo consiste nello stimolare la superficie cutanea...
Rimedi Naturali

Come alleviare il dolore alle articolazioni

I dolori alle articolazioni sono tra i più diffusi ed anche tra i più fastidiosi dolori che affligono la popolazione. Le cause possono essere molteplici ed è sempre buona norma quando subentra un dolore parlarne con il proprio medico curante che saprà...
Rimedi Naturali

Esercizi per aumentare il metabolismo

Quando decidi che è arrivato il momento di dare un taglio al girovita, si presentano numerose possibilità, da quelle più valide, alle pillole dei ciarlatani. La prima abitudine da correggere è l'alimentazione, troppo spesso organizzata in base a stressanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.