Come superare la paura dell'acqua alta

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La maggior parte di noi ha una sua paura o fobia, piccola o grande che sia. Possono essere le più disparate, ma tutte creano delle situazioni talvolta imbarazzanti e degli stati d'animo non molto piacevoli, soprattutto quando ci troviamo insieme ad altre persone. Molto spesso abbiamo la forza di volontà, la determinazione e l'impegno per affrontarle e superarle, ma in alcuni casi la paura prevale su questo desiderio. Una delle paure più comune è quella dell'acqua alta, che spesso ci impedisce di farci il bagno al mare come vorremmo. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come superare la paura dell'acqua alta.

28

Occorrente

  • Determinazione
  • Volontà
  • Motivazione
38

Comprendere le motivazione della paura

Le motivazioni che si trovano alla base della paura dell'acqua alta sono diverse. Essa può nascere da un piccolo trauma subito da bambini, oppure da un grande spavento accaduto mentre ci si trovava in acqua. Inoltre, può dipendere anche da una paura che abbiamo fin da quando eravamo bambini. Indipendentemente dalla sua origine, è possibile superarla senza troppe difficoltà: per riuscirci servono innanzitutto la voglia, la buona volontà e la pazienza. Tutto il percorso necessario per superare la paura deve essere eseguito passo dopo passo e gradualmente.

48

Entrare direttamente in acqua

Di solito esistono tre metodi da mettere in atto per superare la paura dell'acqua alta. Il primo è molto drastico e radicale, in quanto consiste nell'entrare direttamente in acqua alta e di restarci; si tratta di un modo efficace per rompere subito il ghiaccio ma non adatto a tutti coloro che soffrono di questa paura. Infatti si rischia di ottenere il risultato opposto, ovvero di scatenare una paura ancora maggiore.

Continua la lettura
58

Frequentare un corso di nuoto

Il secondo metodo consiste nel non agire autonomamente, bensì dobbiamo rivolgerci ad una persona fidata capace di nuotare bene. Meglio ancora se ci iscriviamo in piscine e chiediamo aiuto ad un istruttore di nuoto qualificato. Al momento dell'iscrizione in piscina, spieghiamo ovviamente la nostra situazione, cosicché l'istruttore ci affiancherà in ogni momento accompagnandoci passo dopo passo. In questo modo, dovremmo notare i progressi piano piano nel tempo. L'istruttore, infatti, ci farà abituare gradualmente all'altezza dell'acqua, magari con l'utilizzo di un salvagente o dei braccioli gonfiabili. Queste protezioni ci daranno la sicurezza per riuscire a passare allo step successivo. Il rilassamento e la respirazione sono fondamentali per superare ed affrontare nel migliore dei modi la paura dell'acqua alta.

68

Fare ambientazione autodidattica

Eccoci al terzo ed ultimo metodo, ovvero quello dell'ambientazione autodidattica nell'acqua. In questo caso, il luogo migliore per esercitarci è indubbiamente il mare. Posizioniamoci dunque con le spalle rivolte verso il mare aperto e camminiamo all'indietro a piccoli passi fino al punto in cui ci sentiremo sicuri. Ogni volta che ci fermiamo, dovremo fare un respiro profondo e raggiungere così la tranquillità. Solo successivamente possiamo procedere e continuare il nostro percorso. Essendo solamente noi ed il mare, dobbiamo essere molto motivati, volenterosi e forti in quanto non potremo contare sull'aiuto di nessun altro. Parecchie persone riescono a vincere la paura dell'acqua alta in totale autonomia, ma nello stesso tempo non dobbiamo assolutamente vergognarci di chiedere aiuto e sostegno agli altri in caso di necessità.

78

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come superare la paura degli spazi chiusi

La claustrofobia, ossia la paura degli spazi chiusi, è una fobia che colpisce molte persone. A causa della claustrofobia alcune persone sentono la mancanza d'aria ed in modo particolare la tachicardia quando si trovano in spazi chiusi o comunque angusti....
Psicologia

Come superare la paura del buio

La paura del buio si sviluppa generalmente in tenera età. Tuttavia, non sono pochi i casi che interessano anche gli adulti. Il terrore sfocia in angoscia nota anche come nictofobia o acluofobia. All'oscurità si associano diversi pericoli, di lieve o...
Psicologia

Come superare la paura del temporale

Se avete paura del temporale, non siete soli. La paura dei tuoni, ufficialmente chiamata brontofobia, può portare a reali attacchi di panico da parte di chi ne soffre. Se la vostra paura del temporale interferisce con la vostra vita causando sintomi...
Psicologia

Come superare la paura delle scale mobili

Ci sono gesti di tutti i giorni che per alcune persone possono diventare veri e propri calvari. Questo perché tali persone provano nei confronti di un oggetto o un'azione una paura o addirittura una fobia. C'è chi ha paura di ragni e insetti. Chi non...
Psicologia

Come superare la paura di essere abbandonati

La paura di essere abbandonati è molto comune. Le cause sono diverse, spesso concomitanti. Il vissuto della prima infanzia e il rapporto con i genitori è forse il fattore più importante. Se da bambini, infatti, si teme il loro abbandono, da adulti...
Psicologia

Come superare la paura del tradimento

Nella vita può capitare, purtroppo, che in un modo o nell'altro è stata tradita la propria fiducia, sia di proposito che per errore. Chi recentemente è stato vittima di un tradimento, probabilmente avvertirà un vortice di rabbia e di tristezza nella...
Psicologia

Come superare la paura degli aghi

La paura degli aghi è una fobia abbastanza diffusa negli adulti; essa comporta la difficoltà di sottoporsi a cure mediche che prevedono l'utilizzo di tali strumenti. Per questo motivo è fondamentale riuscire a superare questo tipo di paura in quanto...
Psicologia

Come superare la paura di un esame

Inizieremo col dire che, soprattutto durante il periodo universitario, è assolutamente normale che un esame diventi per noi, in quel momento, quasi la ragione unica della nostra vita. Libri, appunti, giornate intere trascorse a studiare nella speranza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.