Come smettere di infilarsi le dita nel naso

Tramite: O2O 30/06/2017
Difficoltà: media
16
Introduzione

Specie nei bambini piccoli, l'azione tipica che più volte riprendiamo per cercare di evitare questo tipo di comportamento, è quello di mettersi le dita dentro il naso. Un'azione infantile, di chi ha la necessità di esplorare per conoscere. In questa guida, andremo a spiegarvi come smettere di infilarsi le dita nel naso. Cominciamo subito le nostre valutazioni su questa tematica molto interessante.

26
Occorrente
  • Fazzoletti di carta e molta buona volontà.
36

L'abitudine di infilarsi le dita nel naso

Dobbiamo partire da una base importante, che è molto semplice: in alcuni casi, infilarsi le dita nel naso è un'abitudine consolidata, che non è dovuta a delle esigenze reali, necessarie. Infatti, con l'andare del tempo, questo tipo di comportamente diventa una consuetudine, una prassi, un comportamento che possiamo definire senza problemi, come antistress. Chiaramente, in entrambi i casi si tratta sicuramente di abitudini disgustose che bisogna eliminare. Fino a che si tratta di bambini, basta semplicemente rimproverarli spiegando loro che questo gesto non va fatto. Bisognerà pertanto abituarli ad usare i fazzoletti ed in tal modo saranno educati in maniera semplice e naturale. Se però abbiamo di fronte persone che hanno già superato lo stato infantile, o peggio, abbiamo di fronte adulti, l'imbarazzo è certamente non indifferente. Se, infine, chi sta leggendo la guida si rende conto di avere questo brutto vizio, può appropriarsi di questi consigli per eliminare le brutte abitudini delle dita nel naso.

46

La frequenza del gesto

Il primo aspetto che dobbiamo andare a prendere in considerazione è la frequenza con cui si verifica questo gesto all'interno di una giornata. Se questo gesto diventa eccessivamente ripetitivo, senza accorgervene, potreste compierlo anche davanti ad altre persone, e questo non sarebbe sicuramente positivo per la vostra immagine personale riflessa sulle altre persone che assistono a questo comportamento. Ricordate anche che se le persone non hanno alcuna reazione visibile al vostro gesto, non vuol dire nulla. Sappiamo tutti, voi compresi, che si tratta di qualcosa di disgustoso ed il fatto che non se ne parli, è solo dettato dalla eccessiva discrezione e dall'intenzione di evitare l'imbarazzo. Prima di correre il rischio di essere mortificati da qualcuno in pubblico, cercate di controllarvi e, nel caso di estrema necessità, prendete un fazzolettino e avete risolto il problema con garbo ed educazione.

Continua la lettura
56

La risoluzione da uno specialista

Se invece vi rendete conto che, nonostante la vostra totale volontà di togliervi questa abitudine, avete spesso bisogno di fare questo gesto, prendete altri provvedimenti. Nello specifico, se si tratta di una vostra esigenza a causa di continui residui all'interno del naso e l'aiuto del fazzoletto non è sufficiente, sarà bene rivolgervi ad uno specialista poiché potreste avere dei problemi legati all'eccessiva secrezione di muco con conseguente creazione di residui secchi sulle pareti delle narici.
er concludere questa guida assai curiosa su una tematica che potrebbe sembrare secondaria, ma che in realtà non lo è, vi consiglio un approfondimento specifico, anche attraverso delle altre letture su questo tema. Eccovi, con questo specifico proposito, un link utile: https://www.wikihow.it/Smettere-di-infilarsi-le-dita-nel-Naso

66
Consigli
Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile togliere quanto prima questa brutta abitudine, perchè si corre il rischio di graffiarsi con le unghie e di creare una piccola emorragia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come fare a non urlare quando si è arrabbiati

Quando abbiamo un attacco d'ira, urlare è una delle manifestazioni più comuni, naturali e quasi involontarie. Per parecchie persone, rappresenta addirittura un termine di sfogo per scaricare la propria rabbia. Tuttavia, pur essendo un modo molto efficace...
Psicologia

Come esercitarsi a usare la forza della propria mente

Le azioni umane vengono eseguite grazie alla propria fisicità ed alla propria mente. Quest'ultima permette di agire, di muoversi e di superare gli ostacoli che la vita pone davanti. Questo semplice tutorial ha l'obiettivo di dare degli utili consigli...
Psicologia

Come gestire la propria irascibilità

L'irascibilità è un tratto del carattere che difficilmente si apprezza in qualcuno. A volte, perfino chi ne soffre non lo sopporta. Non è difficile comprenderne il motivo: la rabbia non fa bene all'umore, può generare dei sensi di colpa, può perfino...
Psicologia

Come non farsi prendere dal panico

In situazioni di stress molto elevato o in occasioni in cui ci sentiamo particolarmente sotto pressione, può capitare che il panico ci assalga, facendoci perdere di vista il nostro obiettivo e costringendo la nostra mente a focalizzarsi solamente su...
Psicologia

Come aiutare chi soffre di DOC

Doc: Disturbo Ossessivo Compulsivo. È questo il significato dell'acronimo col quale si identifica questo tipo di disturbi. Chi è affetto da Doc solitamente è consapevole di quanto gli accade, di quanto i suoi comportamenti possano risultare non convenzionali....
Psicologia

10 regole per essere felici

"La felicità non è avere quello che si desidera, ma desiderare quello che si ha". Così cita il celebre aforisma di Oscar Wilde, e in effetti la felicità ha molto a che fare con noi stessi. Per quanto la si cerchi, è impossibile trovarla fuori, bisogna...
Psicologia

Come sfogare la propria rabbia

La rabbia è un'emozione che può portare a numerose conseguenze negative. Per questo motivo, porsi il problema di come sfogarla è già un traguardo poiché si sta ammettendo la difficoltà ad esternare la voglia di esprimere e sfogare le proprie emozioni....
Psicologia

Come accontentarsi di quello che si ha

"L'erbavoglio non cresce neanche nel giardino del re". Questa massima ci insegna, con esemplare semplicità, che desiderare sempre ciò che non abbiamo di certo non ci conduce ad uno stato di soddisfazione e tantomeno di felicità. Ma allora perché ci...