Come smettere di infilarsi le dita nel naso

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Specie nei bambini piccoli, l'azione tipica che più volte riprendiamo per cercare di evitare questo tipo di comportamento, è quello di mettersi le dita dentro il naso. Un'azione infantile, di chi ha la necessità di esplorare per conoscere. In questa guida, andremo a spiegarvi come smettere di infilarsi le dita nel naso. Cominciamo subito le nostre valutazioni su questa tematica molto interessante.

26

Occorrente

  • Fazzoletti di carta e molta buona volontà.
36

L'abitudine di infilarsi le dita nel naso

Dobbiamo partire da una base importante, che è molto semplice: in alcuni casi, infilarsi le dita nel naso è un'abitudine consolidata, che non è dovuta a delle esigenze reali, necessarie. Infatti, con l'andare del tempo, questo tipo di comportamente diventa una consuetudine, una prassi, un comportamento che possiamo definire senza problemi, come antistress. Chiaramente, in entrambi i casi si tratta sicuramente di abitudini disgustose che bisogna eliminare. Fino a che si tratta di bambini, basta semplicemente rimproverarli spiegando loro che questo gesto non va fatto. Bisognerà pertanto abituarli ad usare i fazzoletti ed in tal modo saranno educati in maniera semplice e naturale. Se però abbiamo di fronte persone che hanno già superato lo stato infantile, o peggio, abbiamo di fronte adulti, l'imbarazzo è certamente non indifferente. Se, infine, chi sta leggendo la guida si rende conto di avere questo brutto vizio, può appropriarsi di questi consigli per eliminare le brutte abitudini delle dita nel naso.

46

La frequenza del gesto

Il primo aspetto che dobbiamo andare a prendere in considerazione è la frequenza con cui si verifica questo gesto all'interno di una giornata. Se questo gesto diventa eccessivamente ripetitivo, senza accorgervene, potreste compierlo anche davanti ad altre persone, e questo non sarebbe sicuramente positivo per la vostra immagine personale riflessa sulle altre persone che assistono a questo comportamento. Ricordate anche che se le persone non hanno alcuna reazione visibile al vostro gesto, non vuol dire nulla. Sappiamo tutti, voi compresi, che si tratta di qualcosa di disgustoso ed il fatto che non se ne parli, è solo dettato dalla eccessiva discrezione e dall'intenzione di evitare l'imbarazzo. Prima di correre il rischio di essere mortificati da qualcuno in pubblico, cercate di controllarvi e, nel caso di estrema necessità, prendete un fazzolettino e avete risolto il problema con garbo ed educazione.

Continua la lettura
56

La risoluzione da uno specialista

Se invece vi rendete conto che, nonostante la vostra totale volontà di togliervi questa abitudine, avete spesso bisogno di fare questo gesto, prendete altri provvedimenti. Nello specifico, se si tratta di una vostra esigenza a causa di continui residui all'interno del naso e l'aiuto del fazzoletto non è sufficiente, sarà bene rivolgervi ad uno specialista poiché potreste avere dei problemi legati all'eccessiva secrezione di muco con conseguente creazione di residui secchi sulle pareti delle narici.
er concludere questa guida assai curiosa su una tematica che potrebbe sembrare secondaria, ma che in realtà non lo è, vi consiglio un approfondimento specifico, anche attraverso delle altre letture su questo tema. Eccovi, con questo specifico proposito, un link utile: http://it.wikihow.com/Smettere-di-infilarsi-le-dita-nel-Naso.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' consigliabile togliere quanto prima questa brutta abitudine, perchè si corre il rischio di graffiarsi con le unghie e di creare una piccola emorragia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come smettere di essere pigri

Spesso, il problema più grande che ci attanaglia è la dura e dolce pigrizia. Ne soffre chiunque, dal papa al maggiordomo di Lara Croft. Ma quali sono i rimedi per smettere di essere pigri? Esistono guide che spiegano come fare? Be', mio caro lettore,...
Psicologia

Consigli per smettere di mangiare le unghie

Quasi tutti hanno avuto il vizio di mangiarsi le unghie nella vita. Questo gesto quasi involontario può avvenire durante momenti di noia, di ansia o di nervosismo. Mordere le unghie è un'abitudine che spesso inizia durante l'infanzia: studi, infatti,...
Psicologia

Come smettere di lamentarsi

La vita è stressante e ricorrente può essere considerata da molti come un'estensione dell'essere assolutamente normale. Tuttavia, il lamentarsi continuamente incide negativamente sul nostro cervello e sulla nostra salute fisica, poiché aumento il senso...
Psicologia

Come capire il linguaggio segreto del volto

Il viso è il principale indicatore di sentimenti, emozioni e stati d'animo: spesso più eloquenti delle parole, le espressioni facciali comunicano una percentuale di messaggi di gran lunga superiore a quella trasmessa attraverso il linguaggio verbale....
Psicologia

Come liberarsi dalla dipendenza del fumo

La dipendenza dal fumo, conosciuta anche come tabagismo o dipendenza da nicotina, è un problema che riguarda milioni di persone in tutto il mondo. Il vizio del fumo ha antiche origini, ma ha preso il definitivo sopravvento a partire dagli anni '60 quando...
Psicologia

Consigli per togliere un vizio

La maggior parte degli esseri umani (adulti o bambini) compiono dei gesti oppure seguono specifiche abitudini che a lungo andare si trasformano in vizi. Qualche vizio è innocente (come nascondere le cose o mangiarsi le unghie). Altri vizi possono essere...
Psicologia

Come meditare con i Mudra

Gli esercizi di meditazione realizzati mediante il posizionamento delle dita sono utili e accessibili a tutti, poiché sono molto semplici da imparare. I benefici che possiamo trarre sono numerosi, sia per le gestione delle emozioni che per il rilassamento...
Psicologia

I peggiori errori del linguaggio del corpo

Il linguaggio del corpo appartiene a quella sfera della comunicazione definita 'non verbale'. Ciò significa che esso non riguarda l'aspetto semantico del messaggio e del significato delle parole, bensì pone attenzione sulla comunicazione non parlata....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.