Come si utilizzano i decotti di bagolaro o celtis Aaustralis

Tramite: O2O 12/02/2017
Difficoltà: facile
15

Introduzione

In questo articolo vogliamo dare una mano a tutti i nostri lettori, che sono dei veri e propri appassionati di decotti, a capire appunto come si utilizzano i decotti di bagolaro o anche detto celtis Aaustralis. Iniziamo o subito con il dire che il Bagolaro è un albero a foglia caduca, che può raggiungere l'altezza di 25 m. Le sue foglie lanceolate sono ricoperte inferiormente da una morbida peluria e possiedono anche dei margini dentati, con l'apice acuminato. Il Bagolaro cresce in varie zone sia mediterranee che submontane e viene anche chiamato comunemente "spaccasassi" in quanto ama i terreni sassosi e ben drenati. Molto spesso inoltre, viene coltivato come albero ornamentale per giardini e per i viali. Pronti per iniziare? Buon lavoro e buon divertimento.

25

La prima cosa che dobbiamo sapere ed anche ricordare è che le foglie del Bagolaro per il loro contenuto in tannini e mucillagini, hanno di certo un buon potere astringente, rinfrescante ed anche del tutto lenitivo.
Se vogliamo quindi essiccare le foglie, dobbiamo cercare di raccoglierle nel periodo che va da maggio a giugno, dopo la fioritura e cioè, quando hanno le stesse, raggiunto lo sviluppo completo. Dopodiché, dobbiamo cercare di porle all'ombra, rimuovendole ogni tanto per evitare che fermentino e poi conservale in recipienti di vetro.

35

Vediamo cosa ci occorre e come preparare un decotto per uso esterno. In questo caso dobbiamo mettere circa 100 ml di acqua in un pentolino con circa 5 g di foglie essiccate e scaldiamo per una decina di minuti e poi lasciamo a riposo il liquido, per altri quindici minuti. Dopodiché filtriamo per bene tutto il preparato mediante l'utilizzo di un semplice colino. Questo decotto è utile ogniqualvolta ci occorra mitigare delle semplici infiammazioni del cavo orale e della gola, come per esempio possono esserlo le gengiviti e le faringiti, mediante l'utilizzo di semplici sciacqui o gargarismi, da ripetersi più volte al giorno.

Continua la lettura
45

Vediamo come preparare insieme un decotto per uso interno: mettiamo in un pentolino circa 2 g di foglie essiccate, in circa 100 ml di acqua e portiamo a bollore, scaldando per almeno dieci minuti. Togliamo dal fuoco e lasciamo riposare per una quindicina di minuti, filtrando successivamente mediante un colino. Questo decotto ci può essere utile nel caso di disturbi all'apparato intestinale; come stati diarroici, enteriti e lievi infezioni intestinali e nelle dosi di due o tre tazzine al giorno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come dimagrire in modo naturale con il decotto d’erbe

La linea e la forma fisica, sono ambizione di molte persone, sia donne che molti uomini. Mantenere il proprio peso forma però, non è assolutamente una cosa che rimane semplice a tutti, molti tendono a mangiare in modo non consono, a svolgere scarsa...
Rimedi Naturali

Consigli per la perfetta essiccazione della malva

La malva, dal caratteristico colore che tira al violetto, è una pianta graziosa e conosciuta per le sue proprietà: è emolliente, allevia le infiammazioni, vanta proprietà lassative e può essere utilizzata anche per concedersi un pediluvio rilassante....
Rimedi Naturali

Olivo: proprietà e utilizzo

L'olivo è una pianta antichissima, tipica della macchia mediterranea. Longevo e robusto, viene coltivato nelle regioni del Centro e del Sud Italia per la produzione dei frutti. Da questi si estrae un olio di eccellente qualità, rinomato in tutto il...
Rimedi Naturali

Bacche di eugenia: proprietà, benefici e dove trovarle

Siamo abituati a mangiare moltissime cose senza però conoscerne le proprietà, cosa importantissima per non incorrere in problemi digestivi. È importante quindi capire le proprietà di alcuni alimenti che potrebbero agevolare il nostro organismo e portarne...
Rimedi Naturali

Come utilizzare il ginseng

Spesso oggi si sente parlare del ginseng. Di cosa si tratta? Il ginseng non è altro una pianta della Famiglia delle Araliaceae, originaria dell'Asia nord-orientale e del Nord America, di cui si utilizza la radice. Essa presenta diverse proprietà. Quella...
Rimedi Naturali

Le proprietà benefiche della magnolia

L'albero di magnolia da origine a splendidi fiori che riempiono di colori e profumi le strade nei mesi primaverili. Le infiorescenze vanno dal bianco al color crema fino al rosa e vengono spesso usate in vari ambiti terapeutici: perdita di peso, infiammazione,...
Rimedi Naturali

Amamelide: proprietà e benefici

L'amamelide è una pianta appartenente alla famiglia delle Hamamelidaceae, nota anche con il nome "witch-hazel" strega-nocciolo, per le sue infinite proprietà benefiche un tempo facevano pensare agli Indiani Pellerossa che si trattasse di una pianta...
Rimedi Naturali

Eringio marino: proprietà e benefici

L'eringio marino (nome scientifico Eryngium maritimum) è una pianta che cresce prevalentemente sulle coste del Mar Mediterraneo e su quelle orientali dell'Oceano Atlantico. È conosciuto anche come "cardo della sabbia" (per la sua somiglianza con il...