Come sfruttare le proprietà del finocchio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Al mondo esistono una varietà infinita di piante, frutta ed ortaggi, le cui proprietà sono ormai ben note ed apprezzate, anche se non tutti hanno una cultura approfondita al riguardo. Tra le piante più usate sia come alimento che per altri usi, c'è il finocchio selvatico. Il finocchio selvatico è una comune pianta erbacea perenne che cresce spontanea nelle zona del Mediterraneo. Caratterizzata da lunghi gambi ramificati e terminanti con foglie sottili e piumose, produce piccoli fiori gialli che, fruttificando, rilasciano piccoli semi di colore castano.
È una pianta aromatica molto utilizzata in cucina per il suo caratteristico sapore dolce e in erboristeria per le sue numerose proprietà benefiche e salutari per l'organismo umano, come l'apparato gastrointestinale, urogenitale, respiratorio.
Per sfruttare al meglio le sue virtù, è opportuno consumarlo appena raccolto, visto che è possibile seminarlo e coltivarlo in vaso.
Di questa pianta si utilizzano sia i gambi che le foglie e i semi, con i quali si possono insaporire i cibi e preparare ottimi infusi da bere. In questa guida vedremo come sfruttare le proprietà del finocchio, dando utili consigli in merito.

27

Occorrente

  • Foglie e semi di finocchio selvatico
37

In cucina le foglie fresche si adoperano per profumare e insaporire insalate, piatti tradizionali come la pasta con le sarde oppure tritato per rendere più gustosa e digeribile la frittata.
I gambi, tagliati in piccoli pezzi aromatizzano le olive verdi conciate in salamoia, rendendole ottime.
I semi possono essere inseriti negli impasti lievitati, come focacce, pane, brioche a cui conferiscono un gusto particolare.

47

Per uso erboristico, i semi possono essere utilizzati per la preparazione di un decotto, facendone bollire un cucchiaio da caffè in 200 ml di acqua. Lasciare intiepidire e poi filtrare il liquido. Assunto a fine pasto, facilita la digestione e igienizza il cavo orale, mantenendolo profumato a lungo e contrastando l'alitosi.
Il decotto svolge inoltre una moderata azione antisettica delle vie respiratorie e intestinali, limitando la fermentazione del cibo digerito e fenomeni sgradevoli come aerofagia e meteorismo.

Continua la lettura
57

Per uso terapeutico, l'infuso di semi di finocchio stimolano la secrezione lattea durante l'allattamento e le sue proprietà antispasmodiche riducono drasticamente l'insorgere di coliche addominali nei lattanti.
L'infuso si prepara con un cucchiaio da cucina di semi in una tazza di acqua molto calda, ma non bollente, per evitare che i suoi principi attivi vengano neutralizzati. Berne circa un litro nel corso della giornata.

67

Le foglie fresche possono essere lasciate in infusione in acqua molto calda per ottenere una bevanda drenante e diuretica. Una manciata è sufficiente per una tazza di liquido.
Impacchi applicati sulle congiuntive oculari, invece, combattono l'infezione e apportano sollievo al bruciore causato da congiuntivite.
Sfruttare le proprietà di una pianta potrebbe rivelarsi la soluzione migliore per condurre una vita sana e senza problemi di salute. Seguendo le istruzioni di questa guida riuscirete ad ottenere grandi risultati in pochissimo tempo. Non mi resta che augurarvi buona salute.
Alla prossima.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Raccogliere i fiori di finocchio verso la fine di ottobre, in modo da poter ricavare i semi con cui far germogliare nuove piante

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Semi di finocchio: proprietà e benefici

Il benessere e la natura spesso vanno di pari passo. Infatti il nostro corpo ha bisogno di tantissimi elementi presenti in natura, che aiutano la depurazione, facilitano la digestione e allo stesso tempo migliorano l'organismo. Tra le verdure più salutari...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà del riso nero

Il riso nero integrale, profumato e gustoso, è un alleato del benessere. Ricco di fibre ed altamente digeribile, regola i naturali ritmi intestinali. Fornisce al fisico vitamine tra cui la PP, la B1 e la B2, nonché sali minerali quali selenio, magnesio,...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà della manioca

La manioca, nota anche come yuca o cassava, è una radice simile ad una carota dal diametro di 5 cm e 80 cm di lunghezza. La corteccia ruvida e marrone, quasi legnosa, racchiude una polpa soda, bianca e commestibile. Originaria dell'America centro-meridionale,...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà dell'argento colloidale

L'argento colloidale è un sostanza conosciuta da millenni. Già le prime popolazioni della Mesopotamia usavano l'argento colloidale a causa dei suoi effetti benefici. Gli oggetti costruiti con l'argento si diffusero anche ai tempi dei Greci e dei Romani,...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà benefiche del sedano

All'interno di questa semplice ma utilissima guida, nei prossimi passi, troverete ottimi consigli e utili suggerimenti su come sfruttare al meglio tutte le proprietà benefiche del sedano, una pianta perenne e famosissima nel mondo, molto usata sin dall'antichità...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà dell'achillea millefoglie

L'achillea millefoglie è una pianta molto usata per le sue proprietà. Appartiene alla famiglia delle Astaraceae e richiama alla mente il nome del celebre condottiero epico Achille. Il nome infatti da esso deriva, infatti in alcuni testi epici si ritrova...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà terapeutiche della papaya

Parliamo di frutta, ma non tutti conoscono frutti tropicali deliziosi e pregiati, la papaya è un frutto che proviene da ambienti tropicali, il suo habitat è un albero esotico, infatti la temperatura per la crescita non deve mai scendere al di sotto...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà dell'efedra

La natura mette a disposizione dell'uomo una serie di piante dalle quali è possibile trarre benefici di vario genere e quindi possono essere impiegate per vari scopi. Mentre alcune vengono utilizzate senza problemi e senza la necessità di dover prendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.