Come scoprire le intolleranze alimentari

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le intolleranze alimentari sono molto diffuse, ma in parecchi casi sono difficili da individuare poiché i sintomi possono essere confusi con altri problemi e patologie. Ad esempio una delle intolleranze più diffuse in Italia è quella al lattosio, anche se ben pochi ne sono consapevoli. Possiamo comunque prendere in considerazione i sintomi più diffusi: ad esempio problemi gastrici e intestinali, irritazioni e sfoghi cutanei, insonnia, capogiri, pesantezza, gonfiore addominale, ritenzione idrica, dolore addominale, rigurgiti acidi. Come si può notare sono sintomi molto comuni, ma facendo attenzione alla loro incidenza e frequenza, al contesto in cui insorgono, è possibile farsi una prima idea. Quando poi i sospetti diventano forti, è possibile avere delle conferme attraverso una serie di test. Vediamo quindi quali sono e come è possibile scoprire le intolleranze alimentari.

26

Sintomi e cause

Ti è mai capitato di avere un brutto mal di pancia dopo aver bevuto il latte o di aver avuto una dermatite dopo aver mangiato cioccolata? Beh, se ti è capitato questo o qualcosa di simile probabilmente vorrà dire che sei intollerante a qualche alimento. Questo succede quando la nostra alimentazione è monotona oppure il nostro organismo riconosce come nociva una sostanza.

36

Differenze tra intolleranza e allergia

Bisogna tener presente una differenza fondamentale per cui spesso viene fatta confusione, stiamo parlando della differenza tra intolleranza e allergia. Un'allergia alimentare, in genere si scatena immediatamente, ossia subito dopo aver ingerito i cibi a cui si è allergici o, in ogni caso, entro le 24 ore dalla sua assunzione. Le allergie possono essere facilmente scoperte con un semplice esame del sangue e con test cutanei. Nelle intolleranze alimentari non è coinvolto il sistema immunitario, bensì il sistema metabolico. Infatti, se si è intolleranti ad un certo alimento, l'organismo non riesce ad assimilarlo correttamente. A differenza delle allergie, la reazione innescata da un'intolleranza si manifesta dopo molte ore o giorni dopo l'ingestione del cibo. L'organismo riconosce la sostanza nemica e tenta di limitare i danni, reagendo in modo negativo solo se la sua quantità supera le sue capacità di tollerarla. In altre parole, un alimento è in grado di provocare un'intolleranza solo se viene mangiato spesso nel giro di poco tempo. Se, invece, l'alimento in questione viene solo assaggiato, o mangiato in piccole quantità di tanto in tanto, l'organismo riesce a tollerarlo.

Continua la lettura
46

Test

Veniamo al dunque, per scoprire se hai qualche intolleranza alimentare basta fare dei semplici test. Tieni presente però che solo quello per la celiachia è mutuabile in quanto la comunità scientifica non ritiene ancora attendibili le altre tipologie di test per cui dovrai pagarli e il prezzo varia dai 100 ai 200 euro. Gli esami più utilizzati per smascherare i cibi “no” sono 4: Dria test, Vega test, Food Intolerance e Cytotest.

56

Prodotti per intolleranti

Detto ciò bisogna sempre ricordare che le intolleranze alimentari sono davvero molto diffuse e oggigiorno ci sono una cultura e una consapevolezza sempre maggiori. Per cui, per quanto un'intolleranza possa essere fastidiosa, è possibile godersi il piacere del cibo grazie ai moltissimi alimenti per intolleranti che oggi è possibile trovare in commercio. Gli alimenti senza glutine per celiaci sono ormai ovunque, ma anche cibi senza lattosio, uova e così via. La scelta è molto ampia in farmacia e supermercati, ma anche internet è un valido aiuto, in quanto è una fonte immensa di ricette e consigli per ogni tipo di intolleranza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • prestare particolare attenzione ai sintomi

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Associazioni alimentari da evitare

Non sempre tutti i cibi che mangiamo durante lo stesso pasto, sono combinati in maniera giusta. Non è certo facile conoscere quali sono i cibi che si sposano meglio con gli altri. Sicuramente, a tutti sarà capitato nella vita di non aver digerito una...
Alimentazione

Consigli sull'utilizzo degli integratori alimentari

Gli integratori alimentari sono delle fonti concentrate di sostanze nutritive, unite ad altre sostanze, che hanno un effetto nutritivo e/o fisiologico, allo scopo di integrare la normale dieta. Questi integratori vengono venduti sotto forma di pillole,...
Alimentazione

Come motivare se stessi a non cedere alle tentazioni alimentari

Sono molte le persone che desiderano mettersi a dieta, ma trovano difficile rinunciare ai loro piaceri. La causa, molte volte è la scarsa motivazione. Ecco perché è importante avere la spinta giusta per mantenere un certo rigore. Per non cadere in...
Alimentazione

Le cattive abitudini alimentari dei giovani

L'alta percentuale dei giovani che sono a rischio obesità o sono già in sovrappeso dimostra le loro cattive abitudini alimentari. È necessario che, prima a casa con i genitori e poi a scuola con gli insegnanti, imparino una sana educazione alimentare...
Alimentazione

Fonti alimentari e loro contenuto di acidi grassi insaturi

Avere un'alimentazione sana è molto importante per mantenere la linea e stare bene. Per realizzare un piano alimentare corretto e bilanciato è molto importante studiare gli alimenti e i loro valori nutrizionali. In questa guida valuteremo insieme le...
Alimentazione

Come modificare le cattive abitudini alimentari

Un’alimentazione corretta ed equilibrata è alla base di una vita sana ed efficiente, indispensabile per il corretto funzionamento dell’intero organismo umano. Inoltre, alimentarsi in modo bilanciato consente di garantire un buon livello di benessere...
Alimentazione

Come scoprire l’intolleranza al glutine

Oggigiorno sono moltissime le persone che scoprono anche in età adulta di essere intolleranti al glutine, una proteina presente in moltissimi alimenti. L'intolleranza al glutine può trasformarsi in qualcosa di più serio, ossia la celiachia, che non...
Alimentazione

Vitamina B6: funzioni e fonti alimentari

Ricercata ed individuata verso la metà del 1930, la vitamina B6 è una delle più studiate tra tutte le vitamine e presenta diverse forme chimiche. Queste iniziano tutte con la scritta PYR che sta ad indicare: piridossamina, piridossina fosfato,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.