Come scoprire la sensibilità al glutine

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Una delle patologie maggiormente diffuse tra la popolazione italiana è la sensibilità al glutine che provoca dei danni all'intestino tenue. La stima delle associazioni dei medici è che circa l'1% della popolazione sia affetta da questa patologia e che la tendenza sia all'aumento.
In realtà, l'elevata sensibilità al glutine, presente in molti cereali quali frumento, orzo, segale e avena, può provocare delle reazioni anche nelle persone che non sono affette dalla celiachia, per una stima globale pari a circa il 15% della poplazione. Come scoprire la sensibilità al glutine è un vero dilemma in quanto non esiste al momento un test medico esiste per stabilire l'intolleranza al glutine; è possibile solo prendere diverse misure per scoprire se esiste tale sensibilità nel proprio corpo.

24

Un primo segnale proviene dal proprio livello di energia dopo aver mangiato alimenti contenenti glutine. In linea di massima, dopo un lauto pasto, il livello di energia nel corpo si abbassa in quanto il corpo lavora per digerire il cibo. Le persone affette dalla sensibilità al glutine, invece, possono sentirsi completamente esauste dopo aver mangiato.

34

Un altro elemento da tenere in considerazione è il proprio stato mentale ed emotivo dopo aver mangiato frumento o altri prodotti contenenti il grano. Infatti la maggior parte delle persone sensibili o intolleranti al glutine dopo aver mangiato sono particolarmente nervose ed intollerabili. Anche la presenza del mal di testa è un fattore che evidenzia una possibile sensibilità al glutine. Normalmente i sintomi del mal di testa non sono specifici; essi infatti sono in grado di simulare l'emicrania, la cefalea tensiva e la cefalea a grappolo. In caso di sensibilità al glutine il mal di testa specifico si verifica costantemente entro 30 minuti o fino ad un'ora dopo aver mangiato.

Continua la lettura
44

Osservare i cambiamenti negli arti inferiori e superiori. Spesso, le persone sensibili al glutine manifestano dolori articolari, che a volte possono portare ad intorpidimento o formicolio nelle braccia e nelle gambe. Verificare i sintomi associati all'apparato digerente. I soggetti intolleranti al glutine non solo tendono ad avere più sintomi extra-intestinali rispetto ai soggetti celiaci, ma possono anche soffrire di gonfiore, diarrea, costipazione e mal di stomaco dopo il pasto. Se non curata a dovere, la sensibilità al glutine può provocare non solo a disturbi riproduttivi nelle femmine, ma anche malattie autoimmuni, osteoporosi, cancro intestinale e malattie del fegato.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Farina di nocciole: benefici e proprietà

Mangiare bene e vivere sani, a volte sembra così lontano ma, in realtà è più facile di quanto sembri. Vi sono infatti, alimenti che si trovano così vicino a noi, non costano molto e pure non vengono usati quasi per niente nella nostra alimentazione....
Rimedi Naturali

10 motivi per scegliere integratori bio

Gli integratori sono un supplemento spesso necessario, non solo per prevenire malattie e aiutare l'organismo nei periodi in cui ci si sente più deboli (come ad esempio cambi di stagione, dopo un pesante dimagrimento o quando si è in condizioni particolari)...
Rimedi Naturali

Cartamo: cos'è e come si utilizza

A volte si preferiscono i soliti cinque, sei alimenti e ci nutriamo solo di quelli. Pane, pasta, insaccati, olio extravergine di oliva sono degli ottimi prodotti, ma non bisogna abusarne. È opportuno guardare al di là del proprio naso; infatti, bisogna...
Rimedi Naturali

Olio essenziale di curcuma: proprietà e utilizzo

L’impiego delle piante come rimedi naturali per la cura delle malattie di svariata origine rappresentava la terapia maggiormente utilizzata.In quest'ultimi anni, si è avuto un crescente ritorno all'utilizzo delle specie vegetali come rimedio alternativo...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà della manioca

La manioca, nota anche come yuca o cassava, è una radice simile ad una carota dal diametro di 5 cm e 80 cm di lunghezza. La corteccia ruvida e marrone, quasi legnosa, racchiude una polpa soda, bianca e commestibile. Originaria dell'America centro-meridionale,...
Rimedi Naturali

La rapa e le sue proprietà

Gli ortaggi sono una fonte importantissima di vitamine, sali minerali, ferro ed altre proprietà nutritive fondamentali per il corpo umano. Nonostante le critiche al suo odore molto forte, la rapa è davvero buona se ben cucinata ed ha tante proprietà....
Rimedi Naturali

Amaranto comune: usi e proprietà curative

L'amaranto comune è una pianta che può avere effetti curativi nel corpo umano.Di questa razza ne esistono oltre 500 ammirevoli esemplari e vengono utilizzati in qualsiasi modo. È una pianta che non è soggetta alla secchezza e può vivere sino a circa...
Rimedi Naturali

Come e perché usare l'amaranto

L'amaranto o amaranthus caudatus, è un cereale originario dell'America centro meridionale ricca di proprietà benefiche. Grazie al ricco contenuto proteico in esso contenuto, è l'alimento ideale per chi segue una dieta vegetariana o vegana. Per sapere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.