Come scegliere l'acqua giusta

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Conosciamo tutti l'importanza che l'acqua ricopre per l'intera specie umana e animale. Sulla Terra l'acqua copre il 70,8% della superficie del pianeta ed è il principale costituente del corpo umano. Essa infatti ha tante funzioni di vitale importanza per il nostro corpo, tra le più importanti ricordiamo la depurazione dell'organismo e la regolazione della temperatura corporea.
La giusta quantità di acqua da bere ogni giorno è intorno agli 8 bicchieri, uno alla mattina appena svegli a digiuno, meglio se con acqua leggermente tiepida o comunque non fredda di frigorifero. Bere acqua al mattino oltre alle funzioni già citate aiuta l'organismo a regolarizzare l'intestino.Questione altrettanto importante è decidere che acqua bere! Nei prossimi passaggi spiegheremo in modo semplice ed esaustivo come scegliere bene l'acqua da bere ogni giorno.

25

La prima cosa da analizzare sull'etichetta è il cosiddetto "residuo fisso", ovvero la quantità di sali minerali presenti nel prodotto, che di solito vengono riportati in milligrammi a litro. Se la quantità del residuo fisso si attesta al di sotto dei 50 milligrammi a litro, vuol dire che l'acqua in questione è molto leggera e può essere adatta ai bambini. Invece le acque oligominerali o con un residuo fisso di valore medio, sono eccellenti per ragazzini in fase di sviluppo, per le donne in gravidanza e bambini con almeno 1 anno di età. Il residuo fisso è tra i 50 e i 500 milligrammi per litro. Si definiscono acque minerali quelle con un residuo fisso che va dai 500 ai 1500 mg/l consigliate per chi fa sport o semplicemente per un periodo dell'anno in cui si suda maggiormente, avendo questo tipo di acqua al suo interno un discreto contenuto di sali. Infine troveremo le acque con residuo fisso maggiore ai 1500 ml/l con alto contenuto di sali da assumere solo per brevi periodi di tempo, di solito consigliate da uno specialista.

35

Seconda cosa da valutare nell'acqua è il PH. Il valore 7 indica la neutralità dell'acqua, in generale le acque in commercio si discostano poco da questo valore. Se comunque il valore riscontrato dovesse essere superiore al 7 avremo un'acqua basica (o alcalina), inferiore avremo un'acqua acida. In realtà con l'alimentazione che spesso siamo costretti a seguire causa orari di lavoro frenetici e pasti il più possibile veloci e sopratutto preconfezionati, sarebbe preferibile bere un'acqua con valore del ph tendente al basico.

Continua la lettura
45

Dopo esserci fatti una cultura su residuo fisso e ph (e sentirci ormai, quindi, dei piccoli chimici) possiamo cimentarci nella verifica dettagliata dei sali contenuti nell'etichetta. Il valore che ci interessa in primis è il sodio. Sarebbe buona norma preferire acque con poco sodio, anche perché ne troviamo in abbondanza in qualsiasi altro cibo assumiamo! Un valore ottimale dovrebbe attenersi al 2ml/l. Oltre al sodio, nell'acqua sono disciolte tante altre sostanze: calcio, magnesio, bicarbonato, ammonio, ecc. Tutte altrettanto importanti per il bene del nostro organismo.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vetro o plastica? Ovviamente il primo batte in toto la seconda con effetti positivi sulla resistenza delle bottiglie dato il lungo percorso che le attende dal confezionamento alla nostra tavola!
  • Attenzione ad utilizzare acque specifiche della prima infanzia quando si tratta di bambini piccoli! Acque diverse contengono un numero di nitrati e nitriti che vanno bene per noi ma non per un neonato!
  • Questa piccola guida contiene solo dei consigli, per pareri specifici riguardo a gravidanza, diete e giuste acque da assumere è sempre bene rivolgersi ad uno specialista.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Vitamina D: funzioni e fonti alimentari

Bisogna prendersi sempre cura del proprio corpo cosicché l'organismo possa rispecchiarsi all'esterno in tutta la sua bellezza. Per far sì in modo che questo accada è bene seguire una corretta alimentazione integrando, se è il caso, delle giuste quantità...
Alimentazione

Sale iodato: tutti i benefici

In commercio si trovano diverse tipologie di sale: iodato, grosso, fino, rosa; ciascun tipo ha delle caratteristiche specifiche e viene utilizzato in maniera differente Oggi parleremo, però, di un sale che non si distingue solo per l'uso e il sapore,...
Alimentazione

Radice di maca: effetti collaterali

Conosciuta anche con il nome di "Ginseng peruviano", la radice di maca è una piantina che è riuscita a trovare il suo posto nella nostra vita quotidiana. Ormai nota, vanta un'azione con la quale stimola gli ormoni di chi la assume. Proprio per questo...
Alimentazione

Le caratteristiche del vero miele biologico

Fin dall’antichitá il miele ed in generale tutti i prodotti delle api vengono impiegati non solo in quanto alimento, bensí anche come rimedio naturale. Il miele costituisce la prima sostanza dolce utilizzata dall’essere umano e quello puro contiene...
Alimentazione

I 10 alimenti ricchi di ferro

Adottare un'alimentazione varia e ricca di elementi nutritivi è fondamentale per il benessere del nostro organismo. Molto spesso però il nostro corpo necessita più specificatamente di un elemento in particolare, per cui è fondamentale focalizzare...
Rimedi Naturali

Pappa reale: le corrette dosi di consumo

Quando si parla di pappa reale, si fa riferimento ad una sostanza che nasce nelle ghiandole delle giovani api operaie. Alla vista appare come una pasta che presenta un colore tra il bianco e il giallo e dalla consistenza semifluida; si caratterizza, inoltre,...
Rimedi Naturali

Come dimagrire con il succo al limone

Come sappiamo la maggior parte dei prodotti dietetici, hanno delle proprietà specifiche per consentire di limitare l'uso di cibi. Tra questi non tutti sanno che è possibile trovare anche il succo di limone. Le proprietà magiche del principe degli agrumi,...
Rimedi Naturali

Come sfruttare le proprietà della feijoa

La feijoa, noto anche come l'ananas guava, è un frutto delizioso di origine sudamericana. Esso, infatti, cresce spontaneamente nel Brasile meridionale, nel Paraguay orientale, in Uruguay, nell'Argentina settentrionale e in Colombia. Tuttavia, attualmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.