Come rimuovere le verruche

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Le verruche sono delle neoformazioni superficiali cutanee, che compaiono e sono provocate da un'infezione virale. Sono molto diffuse in età infantile e adolescenziale e possono avere colori e forme molto diverse. Le verruche non sono solo un cruccio dal punto di vista estetico, visto che si formano su mani, piedi e parti intime, ma possono provare dei seri fastidi. Ecco perché è necessario rimuovere le verruche in tempi brevi.

26

Il modo migliore per rimuovere le verruche è quello di ricorrere alle cure del dermatologo. Con un brevissimo intervento laser spesso svolto il ambulatorio si può risolvere il problema. Esistono però metodi naturali che consentono di eliminare le verruche nel giro di poche settimane. Uno di questi metodi naturali richiede l'uso di olio essenziale di limone, crema a base di calendula e cerotti. Dopo aver pulito la parte interessata applicate 3-4 gocce di olio essenziale e coprite con un cerotto. Il mattino successivo rimuovete il cerotto, passate della crema di calendula e ricoprite con un altro cerotto. Effettuate il trattamento per alcune settimane e vedrete sparire le verruche

36

Un altro metodo prevede l'uso di aglio e olio di oliva. L'aglio deve essere tagliuzzato, ridotto in poltiglia e ad esso devono essere aggiunte alcune gocce di olio di oliva. Il composto deve essere applicato sulla verruca e coperto da un cerotto. Una volta che il composto sarà seccato bisognerà ripetere l'operazione. Questo metodo provoca un po' di fastidio e dolore ma risulta comunque efficace. Un metodo insolito e piuttosto bizzarro prevede la rimozione della verruca tramite nastro adesivo. Uno studio americano ha dimostrato che questo metodo, per quanto strano possa sembrare, funziona realmente. L'applicazione di un nastro adesivo o di un nastro fasciatura vi permetterà di eliminare il problema in 2-3 settimane.

Continua la lettura
46

Negli ultimi anni un nuovo trattamento ha preso sempre più piede. Si tratta della criogenia che prevede l'eliminazione della verruca tramite un trattamento di congelamento. Dopo un paio di trattamenti le verruche si staccheranno dal tessuto come pelle morta. Per non dover affrontare il problema delle verruche è consigliabile seguire delle semplici norme igieniche di prevenzione. Evitate di camminare a piedi nudi in luoghi frequentati da altre persone ed evitate di indossare scarpe che non garantiscano la giusta traspirazione del piede e che siano in grado di assorbire la naturale sudorazione del piede.

56

Approfondimento:

Si consiglia di rivolgersi sempre da un specialista.
L'aspetto della verruca varia a seconda della sede corporea colpita e del ceppo virale che l'ha provocata. Distinguiamo perciò verruche comuni, plantari, piane, filiformi ecc. Le verruche comuni hanno lo stesso colore della pelle. In genere si riconoscono dalla tipica superficie ruvida spesso crespata e di aspetto antiestetico. Le verruche plantari compaiono solo sulla pianta del piede e normalmente interrompono il tracciato di linee e rilievi presenti sulla cute che costituiscono l'impronta del piede. Per questo motivo e per il fatto che possono presentare all'interno dei puntini scuri, non è possibile confonderli con callosità plantari. Tali puntini non sono altro che microtrombi formatisi a seguito dello stiramento delle papille. Le verruche di questo genere tendono ad essere più morbide, piatte, ricoperte da callosità e dolorose a causa della pressione esercitata durante la deambulazione.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non usare aghi, rasoi o acidi per rimuovere le verruche.
  • Rivolgersi sempre da un specialista
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

Come rimuovere un corpo estraneo dall'occhio

Qualsiasi materiale come polvere, sabbia o vernice che entra l'occhio è chiamato un corpo estraneo. I corpi estranei si dividono in due categorie: superficiali e penetranti. I corpi estranei superficiali attaccano la parte anteriore dell'occhio e possono...
Salute

I principali benefici della crioterapia

La crioterapia, parola che deriva dal greco e che significa "terapia del freddo", ha le sue radici nella medicina antica dove veniva già utilizzata per trattare alcune problematiche mediche. È andata poi via via diffondendosi fino ad arrivare ai giorni...
Salute

10 oggetti che teniamo in casa che possono far male alla salute

Ognuno di noi possiede in casa un numero indefinibile di oggetti. Alcuni di questi vengono lasciati in fondo ai cassetti mentre altri, vengono utilizzati quotidianamente per svariate ragioni. La cosa a cui, forse, non avete mai pensato è che molti degli...
Salute

Come usare lo spazzolino elettrico

Tutti sappiamo quanto sia importante una corretta igiene orale per contrastare la formazione del tartaro e soprattutto della placca batterica. La placca, infatti, è alla base dei più comuni problemi del cavo orale, quali la carie, che interessa i tessuti...
Salute

Come conservare le lenti a contatto senza liquido

Le lenti a contatto non dovrebbero essere conservati in qualcosa di diverso da un'apposita soluzione e dovrebbero essere pulite ogni volta che vengono estratte dal liquido. Tuttavia, se ci si trova in una situazione di emergenza in cui è necessario rimuovere...
Salute

Come liberare le orecchie otturate

Liberare le orecchie otturate è molto facile, e l'operazione non richiede necessariamente l'intervento di un otorino. Le orecchie otturate oltre che arrecare uno stato di nervosismo, possono anche causare dei problemi più o meno gravi. In commercio...
Salute

Come pulire la dentiera

Per chi è portatore di una dentiera mobile, è molto importante capire come si pulisce, affinché si possa mantenere in buone condizioni nel tempo. Anche se negli ultimi anni sempre più persone ricorrono agli impianti dentali piuttosto che la dentiera...
Salute

Come pulire l'apparecchio mobile

Le protesi dentarie rimovibili parziali o totali che siano, richiedono una cura adeguata per tenerle pulite e libere da eventuali macchie. Per una buona cura della protesi dentaria è necessario eseguire delle semplici operazioni quotidiane, ed usare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.