Come ridurre il consumo di caffè

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il caffè è la bevanda ideale per chi desidera rigenerare il corpo e la mente nel corso di una giornata lavorativa. Assai piacevole può risultare consumarlo anche nei momenti di relax. Fin qui, nulla di sbagliato. Il problema inizia a nascere quando l'amore per il caffè diviene una dipendenza e non se ne può più fare a meno. In questi casi si commette l'errore di consumarne un'eccessiva quantità giornaliera, con non pochi rischi per la propria salute. E così entra in gioco il ruolo potenzialmente dannoso della caffeina. Correre ai ripari, tuttavia, è possibile. E di solito lo si deve fare attraverso un consumo più intelligente di questa bevanda. Ecco come ridurre il consumo di caffè in modo semplice e graduale, senza il ricorso a sforzi di tipo eccessivo.

26

Occorrente

  • Caffè decaffeinato, latte, alimenti alternativi
36

Secondo medici e dietologi la quantità massima di caffè che è possibile consumare in una giornata è di 4 tazzine. Non è quindi buona norma andare oltre questa quantità consigliata. Un eccessivo consumo di caffeina, infatti, può provocare seri danni al nostro organismo. Per non incorrere in problemi di salute derivanti dall'eccessivo consumo di caffè, ecco alcuni accorgimenti che è necessario tenere in grossa considerazione per fronteggiare un uso eccessivo di questa bevanda. Innanzitutto un consiglio è quello di imparare a sostituire il caffè classico con quello decaffeinato. Il sapore è pressoché lo stesso e i benefici per la salute saranno molteplici. La quantità di caffeina ingerita sarà senza dubbio inferiore e questo può rappresentare davvero un buon modo per iniziare a ridurre in maniera graduale il consumo di caffè.

46

Il consumo eccessivo di caffè, quindi, fa davvero male al nostro organismo. Ecco perché un altro modo per preservare la nostra salute potrebbe essere quello di accompagnare il caffè con qualche altra sostanza da mescolare con esso. Quali possono essere queste bevande che possono accompagnare il consumo di caffè? Ad esempio si potrebbe unire il caffè al latte (il cosiddetto caffè macchiato). Oppure aggiungere al caffè una piccola quantità di acqua per diluirne la forza e l'intensità. In tutti questi casi la caffeina verrà consumata in modo diluito e questo escamotage piano piano vi aiuterà a desiderare un numero sempre minore di caffè giornalieri. Sarete così difronte a un vero e proprio processo di "disintossicazione", che vi rigenererà, facendovi perdere quella sensazione di continuo bisogno di ingerire caffeina.

Continua la lettura
56

Un altro modo per ridurre il consumo di caffè è quello di sostituirlo, almeno un paio di volte a settimana, con un'altra bibita che più vi aggrada. Oppure con un piccolo dolce al sapore di caffè o con qualsiasi altro alimento che contenga piccole tracce di caffè. Ovviamente dovrete essere in questo caso ben attenti anche a considerare gli altri ingredienti di cui sarà composto l'alimento sostitutivo, prestando attenzione a non eccedere in zuccheri o grassi. Ma di certo sostituire il caffè con qualche altro alimento, sistematicamente per due volte al giorno, può rappresentare un buon punto di partenza per ridurre successivamente in modo ancora più drastico il consumo di questa bevanda. Se utilizzerete almeno una di queste strategie, sarete in grado di liberarvi completamente dal bisogno di caffeina e inizierete a consumare una quantità molto inferiore di caffè. A tutto vantaggio per la vostra salute.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per ridurre gradatamente il consumo di caffè diluitelo con un' altra bevanda o sostituitelo due volte a settimana con alimenti alternativi

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

5 cibi da evitare per ridurre il gonfiore

Chi soffre di particolari disturbi gastrointestinali, oppure si ritrova spesso gonfio, subito dopo aver mangiato, per problemi di digestione, di colite o di nervosismo psicosomatico, sa quanto possa essere fastidioso ed imbarazzante il gonfiore, accompagnato...
Alimentazione

Come aumentare il consumo di fibra

Ognuno di noi assume ogni giorno sostanze che fanno bene al proprio organismo e che devono essere reintegrate in qualche modo. Ciò di cui abbiamo bisogno può essere assunto tramite il consumo di alcuni alimenti. La definizione di fibra alimentare non...
Alimentazione

Guida all'acquisto e al consumo del pesce

Il pesce è un alimento davvero molto importante e indispensabile all'interno di un piano alimentare sano di un individuo. Tutti i medici ne consigliano un consumo di almeno due o tre volte durante la settimana. Tuttavia non tutti sono abili nel riconoscere...
Alimentazione

Come gestire i pasti per ridurre la fame

Gestire i pasti, per un individuo che deve ridurre il proprio peso corporeo, è sicuramente una delle imprese più ardue e difficili. A volte sembra proprio che il nostro organismo abbia bisogno di combustibile, di energia, ma non sappiamo che in realtà...
Alimentazione

5 trucchi per non bere caffè al mattino

Bere caffè al mattino, è diventato per molte persone, un rito a cui è difficile rinunciare. Appena svegli, abbiamo bisogno di quella piccola spinta che, ci permette di affrontare la giornata con più energie. Talvolta, una bella tazza di caffè fumante...
Alimentazione

Cosa mangiare per ridurre i dolori da ciclo

Una grande percentuale di donne in età fertile soffre di dolori mestruali. Questo disturbo in medicina è meglio conosciuto come "dismenorrea". Nei casi più gravi, la dismenorrea è in grado di precludere ogni attività sia fisica che psicologica, rendendo...
Alimentazione

Come ridurre le maniglie dell'amore

Tenersi in forma e condurre una vita sana dovrebbe essere l'obiettivo di tutti, per quanto possibile. Infatti se ci si abbandona ad una vita sregolata, soprattutto per quanto riguarda il cibo, si potrebbero avere problemi in futuro. Molte persone, specie...
Alimentazione

Come ridurre la voglia di cibo

L'obesità infantile è un problema che ormai, sta aumentando in maniera particolarmente elevata. Attraverso alcuni studi, si afferma che il 40 % dei bambini del mondo ha problemi di sovrappeso oppure è addirittura obeso. La causa di queste patologie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.