Come riconoscere l'ansia da separazione dei bambini

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Quando le principali figure di accudimento, specie la madre, si allontanano dal bambino, può spesso capitare che il piccolo manifesti una reazione di spavento o di protesta. L'ansia da separazione compare in genere verso gli otto mesi di vita, ma è del tutto normale che il bambino mostri segni di paura o tensione nel momento in cui si trova con persone che non conosce oppure quando i genitori si allontanano. Ciò succede perché il bambino impara, in questi mesi di vita, a riconoscere chi si prende cura di lui e sviluppa verso queste persone un legame di attaccamento molto forte, percependo la loro assenza come un pericolo. È importante comprendere come il bambino, a partire dagli otto mesi di vita, inizi a riconoscere i volti che gli sono familiari e a distinguerli da quelli delle persone che invece non conosce. Quando le persone a cui è legato, i genitori e nello specifico la mamma, si allontanano da lui, il piccolo reagisce spaventandosi. Non ha ancora le capacità per comprendere le motivazioni per cui la mamma è uscita di casa per fare la spesa o per capire che in quel momento la mamma dovrà andare via per lasciarlo con le educatrici del nido. Un bambino così piccolo non ha ancora la consapevolezza del tempo e dello spazio, per cui tenderà a pensare che la madre non tornerà più a prendersi cura di lui e avrà costantemente bisogno di essere rassicurato. Nonostante l'ansia da separazione sia del tutto normale, può comunque accadere che si manifesti in forme gravi al punto da costituire un problema per la quotidianità di tutta la famiglia.
Ecco i principali segnali che possono aiutarci a riconoscere l'ansia da separazione dei bambini.

25

Estrema riluttanza a rimanere da solo

Il bambino potrebbe essere titubante a rimanere in una camera da solo, vuole a tutti i costi essere accompagnato dove ha bisogno di andare oppure segue il genitore in tutti i suoi spostamenti. Questo tipo di ansia provoca infatti un'angoscia esagerata quando il piccolo non riesce a percepire la presenza fisica del genitore, in casa come fuori.

35

Non dorme senza mamma e papà

Il bambino che soffre di ansia da separazione esprime generalmente il suo bisogno di aver accanto le figure di riferimento anche di notte. Quando questa problematica continua ad essere presente nella vita del bambino, può portare problemi nella sua evoluzione sociale. Questo accade perché durante i primi anni di vita è quasi scontato che il piccolo dorma sotto lo stesso tetto dei suoi genitori, ma con l'arrivo della scuola, delle gite, degli scout o degli amici, allontanarsi per la notte potrebbe essere per lui un problema.

Continua la lettura
45

I sintomi fisici

Oltre ai sintomi emotivi e comportamentali di cui abbiamo parlato, l'ansia da separazione può provocare nel bambino veri e propri problemi fisici. Non di rado accade, infatti, che nel momento in cui avviene il distacco oppure solo all'idea del momento in cui il distacco potrà avvenire, il piccolo inizi a manifestare un certo disagio fisico. Tremore, mal di pancia, addirittura vomito o battito cardiaco accelerato, sono tutti segnali da non sottovalutare.

55

L'ansia negli adolescenti

Sebbene l'ansia da separazione sia più frequente nei bambini molto piccoli, non dobbiamo sottovalutare il fatto che possa coinvolgere anche gli adolescenti. Il pensiero che possa accadere qualcosa di brutto ai propri genitori, l'angoscia data da un'azione quotidiana banale che dovranno compiere da soli (come prendere un mezzo pubblico o andare a dormire da un amico), sono tutti elementi che dovrebbero destare una certa preoccupazione nei genitori. A volte, questo tipo di ansia colpisce gli adolescenti in momenti di particolare stress, come la perdita di una persona cara oppure il divorzio dei genitori.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Consigli per ritrovare la serenità dopo una separazione

È risaputo, la fine di un rapporto può causare dei veri e propri stati depressivi e confusionari. La sensazione che si prova è davvero difficile da affrontare poiché è molto devastante. Dopo una rottura, non tutti riescono subito a farsi forza e...
Psicologia

5 esercizi di respirazione contro l'ansia

L'ansia è un disturbo psicologico che sempre più frequentemente colpisce adulti e ragazzi. Le cause non sempre sono evidenti e quindi combatterla è difficoltoso. Le persone che soffrono di attacchi di ansia sono generalmente sensibili, si preoccupano...
Psicologia

Come superare l'ansia da studio

La pila di libri di testo da dover studiare, soprattutto nel periodo degli esami, sembra quasi trasformarsi in un mostro in procinto di sbranare lo studente terrorizzandolo fino al punto di generare uno stato di ansia e paura. Al fine di non cadere in...
Psicologia

Come superare l'ansia da approccio

All'interno di questa guida andremo a occuparci di conoscenze personali. Nello specifico, vedremo tutte le problematiche inerenti all'approccio, e proveremo a trovare una soluzione. Come avrete già letto nel titolo della guida, ora vedremo come superare...
Psicologia

5 modi per valorizzare le capacità e il talento dei bambini

Tutti i bambini sono una fonte inestimabile di capacità nascoste che non aspettano altro di emergere. Ogni bambino ha un talento per qualcosa: musica, disegno, danza, cucina, scrittura o addirittura scienza ed è compito dei genitori aiutarli a farli...
Psicologia

Come superare la paura di un esame

Inizieremo col dire che, soprattutto durante il periodo universitario, è assolutamente normale che un esame diventi per noi, in quel momento, quasi la ragione unica della nostra vita. Libri, appunti, giornate intere trascorse a studiare nella speranza...
Psicologia

Come favorire la resilienza nei bambini

“Tutto ciò che non mi fa morire mi rende più forte”. Con queste parole quasi di sfida, riprese da Nietzsche, introduciamo il concetto di resilienza. In scienze sociali, la resilienza è la capacità di affrontare in maniera positiva gli eventi traumatici,...
Psicologia

Come interpretare il non voler andar a scuola di un bimbo

La scuola ha senza dubbio un ruolo importantissimo nella vita e nell'educazione dei bambini, anche dei più piccoli. Frequentare la scuola significa infatti non solo apprendere delle conoscenze e regole di comportamento, ma imparare ogni giorno a relazionarsi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.