Come reagire a un insulto dei compagni di scuola

Tramite: O2O 12/09/2015
Difficoltà: media
16
Introduzione

Il bullismo è uno spiacevole aspetto della vita scolastica. Si manifesta con comportamenti violenti fisici, verbali o indiretti (discriminazioni, molestie, coercizioni, plagio, offese, mormorazioni). Viene praticato da un compagno di classe o da un gruppo. Le vittime dei bulli generalmente sono soggetti calmi, pacati e molto sensibili, dalla corporatura esile oppure robusta. Le offese o l'isolamento causano in loro un rifiuto per la scuola. Perdono la sicurezza e l'autostima. Il disagio influisce anche sulle prestazioni scolastiche e la concentrazione. Sviluppano i classici sintomi da stress: ansia, mal di stomaco o di testa, incubi. Il bullismo segna gli uomini e le donne di domani. Pertanto, bisogna agire preventivamente. Ecco quindi come reagire ad un insulto dei compagni di scuola.

26
Occorrente
  • Calma
  • Dialogo
36

Il bullismo scolastico si basa su tre principi fondamentali: intenzionalità, persistenza ed asimmetria nella relazione. Il bullo è prepotente, gode della sofferenza del più debole. È aggressivo e vendicativo. Emula le situazioni familiari ed i messaggi dei mass-media. È un soggetto problematico e scarica le proprie frustrazioni con la violenza, un insulto o la coercizione. Spesso, coinvolge gli altri compagni di classe o di scuola. La vittima viene così allontanata gradualmente dalla comunità scolastica. Reagire sapientemente ad un insulto evita spiacevoli disagi.

46

Bisogna prevenire il bullismo. Per un'azione efficace, il collegio dei docenti ed il preside devono collaborare strettamente con le famiglie. I bulli non vanno mai assecondati. Pertanto, bisogna reagire con calma ad un insulto dei compagni di scuola, senza violenza. Mostrarsi calmi e tranquilli smonta la falsa sicurezza del gruppo. L'insulto non va mai recepito come veritiero. Non bisogna perdere l'autostima e la fiducia in se stessi. Evitare preferibilmente il soggetto. In alternativa, usare l'ironia contro l'offesa. Ad esempio, se il bullo grida "Sei grasso come un maiale", rispondere "No, magari come una balena".

Continua la lettura
56

Il bullismo non è una semplice ragazzata. È proprio una piaga della società giovanile. Pertanto, reagire significa denunciare. La vittima deve parlare con i genitori, gli insegnati, il preside e spiegare la situazione. Non bisogna mai accettare l'aggressività fisica o un insulto dei compagni di scuola. La legge persegue il bullismo. Alcune istituzioni, infatti, possiedono un codice di condotta, per prevenire il fenomeno. Sospensioni, respingimenti, pagelle, punizioni sembrano efficaci. Tuttavia, la miglior tattica è il dialogo tra docenti, studente e famiglia.

66
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Non rispondere mai con la violenza ad un insulto
  • Usare l'ironia
  • Discutere del problema con i professori ed i genitori
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come interpretare i sogni secondo la Scuola Freudiana

Ancora oggi, il libro "L'interpretazione dei sogni" resta uno dei capisaldi della psicologia moderna, e questo soprattutto per la portata innovativa delle sue idee a proposito della suddivisione della nostra mente e del suo funzionamento. La Scuola Freudiana...
Psicologia

Come difendersi dal bullismo in rete

Il bullismo in rete, noto come cyberbullismo, è un fenomeno sempre più diffuso. I fatti di cronaca sono ormai pieni di vittime del bullismo in rete. Questa tipologia di bullismo è ancora peggio di quella tradizionale, perché non conosce confini. Il...
Psicologia

5 modi per difendersi dai ragazzi prepotenti

Il bullismo, purtroppo, è una vera piaga che sta dilagando sempre di più ai nostri giorni. Una causa di ciò può essere ricercata nella società che chiede sempre di più alle nuove generazioni, mettendo continuamente i ragazzi sotto stress ed in un'eterna...
Psicologia

Come farsi forza nei momenti difficili

La vita riserva un po' a tutti dei momenti difficili. I lutti, i problemi economici e familiari, le separazioni, i malori incidono parecchio sulla sensibilità e l'autostima. Alcune persone affrontano le difficoltà con grande dignità e guardando avanti....
Psicologia

Come difendersi da persone aggressive

Capita spesso, purtroppo, di ricevere insulti e provocazioni durante la giornata e di venire sopraffatti dalle ingiurie di qualcuno. Reagire in tempo e in modo corretto può essere piuttosto complicato, soprattutto se non si sa come fare. In questa guida...
Psicologia

Come superare una delusione lavorativa

La delusione è un particolare stato psicofisico che subentra quando un individuo non vede realizzarsi le proprie speranze, aspettative o desideri, questo succede anche id sorpresa, senza nessun preavviso o avvisaglia. Si può soffrire per amore, per...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come rimediare a una cattiva reputazione

Viviamo in una società dove i pettegolezzi sono ormai all'ordine del giorno. Che nascano da pregiudizi, verità o bugie poco importa. Le parole hanno un forte impatto sulla gente che, finirà per etichettarti lasciandosi condizionare da queste voci e,...