Come produrre un buon vino da pasto

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
19

Introduzione

La produzione di un delizioso vino potrebbe risultare un lavoro complicato. Ma in realtà lo è meno di quanto possa sembrare. Attualmente in commercio si trovano tutte le attrezzature occorrenti per ottenere questa bevanda alcolica. Naturalmente esistono degli accorgimenti da considerare, tra cui la fermentazione. Nella presente esaustiva guida di cucina, quindi, vi spiegherò bene come si deve produrre un buon vino da pasto.

29

Occorrente

  • Uva
  • Bottiglie di vetro
  • Imbuto
39

Selezionare l'uva, non bagnarla e metterla in cesti di vimini o plastica

Innanzitutto è necessario scegliere l'uva giusta e non bagnarla durante il raccolto. Questo poiché altrimenti il mosto rischierebbe la liquefazione. La pigiatura dell'uva non rappresenta altro che la propria trasformazione in vino. Prima di eseguire questa tecnica, vi sconsiglio di lavare l'uva. In caso contrario si verificherebbe un'esportazione dei lieviti, i quali sono responsabili della fermentazione alcolica. Al momento del trasporto, l'uva andrà posizionata nei cesti di vimini oppure nei cesti di plastica muniti d'aerazione.

49

Eseguire la diraspatura e collocare il mosto nel contenitore della macerazione

Successivamente occorre effettuare la cosiddetta diraspatura. Si tratta di una procedura consistente nell'allontanamento dei raspi (ossatura del grappolo che mantiene insieme gli acini). La polpa e la buccia andranno rimosse, in modo da evitare l'acidità nel vino. Per eseguire la diraspatura, esistono delle opportune attrezzature in grado di eliminare ciascuna impurità ancora presente. Il mosto ottenuto da questo processo va messo all'interno del contenitore della macerazione.

Continua la lettura
59

Fermentare il vino tenendo in considerazione degli accorgimenti

Anche durante la fermentazione (trasformazione degli zuccheri esistenti nel mosto in alcool e anidride carbonica) è necessario considerare qualche accorgimento. Non bisogna assolutamente coprire il contenitore. Occorre mantenere una temperatura costante all'interno del locale dove si trova il contenitore. Dovete verificare che la produzione dell'anidride carbonica non risulti eccessiva.

69

Decidere la fermentazione alcolica in funzione del tipo di vino desiderato

In base alla fermentazione alcolica, che inizia dopo 5 ore dalla pigiatura, si possono ottenere diverse tipologie di vino. Se intendete ottenerne uno corposo, dovete tenerlo in questa fase per circa 3 settimane. Qualora ne vogliate uno poco alcolico, lasciatelo fermentare per massimo 5 giorni. Nel caso in cui desideriate averne uno rosato, interrompere il processo entro 24 ore. Per avviare la fase completa, è necessario mescolare il vino ogni mezza giornata.

79

Eseguire la svinatura e l'imbottigliamento del vino

Conclusa la fermentazione alcolica, dovete passare immediatamente alla separazione dal vino delle parti ancora solide dell'uva (svinatura). Quando il vino si deve sigillare, è spesso necessario eseguire il travaso in ulteriori contenitori. Con riferimento all'imbottigliamento, si dovrà attendere il momento opportuno che va da Giugno ad Agosto. Per riuscire ad assaporare un buon vino, occorreranno 6 mesi dall'imbottigliamento.

89

Guarda il video

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non bagnate l'uva durante il raccolto e prima della pigiatura.
  • Imbottigliate il vino tra Giugno e il mese di Agosto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Alimentazione

Vino dinamico e vino biologico: quale scegliere

Vino dinamico e vino biologico: quale scegliere? Sempre più spesso riguardo il vino si creano etichette e divisioni nuove che spesso confondono il consumatore. Una delle più recenti è la distinzione tra vino dinamico e vino biologico. Quest'ultimo...
Alimentazione

Motivi per mangiare l'ananas a fine pasto

L'ananas è per eccellenza uno dei frutti tropicali, più conosciuti e diffusi al mondo. Il modo ideale per consumarlo è quello di mangiarlo lontano dai pasti. Povero di calorie ma ricco di vitamine e di minerali, lo potrete gustare sbucciandolo e tagliandolo...
Alimentazione

Come tenere a bada la fame fuori pasto

Avere un'alimentazione corretta non è solo un ottimo modo per avere una linea perfetta ma è anche una questione di salute. Mangiare sano e in modo regolare è utile per mantenere un metabolismo attivo e stare bene a lungo. Molte persone mangiano spesso...
Alimentazione

5 consigli per evitare di mangiare fuori pasto

Seguire una corretta alimentazione è sicuramente la chiave per una vita sana equilibrata. Il problema, però, risiede spesso nel mantenere la corretta alimentazione durante tutto l’arco della giornata. Magari si inizia in modo positivo, con una sana...
Alimentazione

5 motivi per mangiare le verdure ad inizio pasto

Le verdure, sono un alimento essenziale per l'organismo. Cariche di proteine, vitamine, sali minerali, magnesio, potassio e di molte altre sostanze benefiche e povere di calorie, le verdure sono un alimento necessario per ogni tipo di alimentazione. Tuttavia,...
Alimentazione

Alimenti per produrre collagene

Il collagene è una proteina fibrosa che insieme all'elastina e alla cheratina morbida, forma il tessuto connettivo, e che favorisce l'elasticità e la resistenza della pelle. L'invecchiamento e il conseguente assottigliamento, si manifesta con delle...
Alimentazione

I benefici del vino

Il vino come la maggior parte degli alcolici, se consumato in eccesso porta all'innalzamento della pressione sanguigna con conseguenti problematiche di varia natura quali, ad esempio, danni al fegato. Il vino, tuttavia, se inserito con moderazione all'interno...
Alimentazione

I migliori alimenti da abbinare allo champagne

Lo Champagne è un vino che non può mancare durante le feste! Con la sua nota aromatica spiccata viene sempre considerato il più ambito e ricercato. Ne esistono di vari tipi, ovviamente a secondo la loro produzione e provenienza. Tuttavia viene anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.