Come gestire una persona aggressiva

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Ogni persona può risultare simpatica o antipatica, positiva o negativa, calma o aggressiva. I caratteri variano da individui ad individui, questo è una conseguenza genetica e di educazione ricevuta dalla famiglia. Inoltre gli stress, le difficoltà che si sono incontrati e provati durante l'infanzia, segnano non poco il nostro carattere. Non è raro che chi ha subito violenza, si comporti aggressivamente. È vero anche che non sempre questa è la causa scatenante dell'aggressività,
alcuni genitori hanno dei figli tranquilli, ed altri piuttosto vivaci ed aggressivi. Se l'aggressività si manifesta in età giovanile, i fattori scatenanti possono essere diversi, come traumi infantili o disagio dovuto alla nascita di un fratello. A tale proposito in questa guida, vediamo come gestire una persona aggressiva.

26

Scopriamo la causa dell'aggressività

Innanzi tutto dobbiamo conoscere la causa che ha portato un individuo ad essere aggressivo. Nel caso in cui l'aggressività provenga da bambini ed adolescenti, è indispensabile capirne la causa per risolvere ed affrontare il problema. Negli adolescenti l'aggressività può nascere intorno ai 12-13 anni, perché i ragazzi cercano di affermare la propria identità, specie se si trovano a crescere in famiglie troppo oppressive. In tal caso, bisogna lasciare al ragazzo maggiore libertà, e concedergli la possibilità di fare cose che magari non ci convincono, purché siano in linea con i sani principi. Alcune volte, soltanto vietandogli di andare il sabato in discoteca o fare più tardi la sera, si può scatenare una vera e propria tempesta emozionale.

36

Mostriamo un ambiente calmo, rassicurando

Per fortuna questi momenti con la crescita scompaiono, lasciando spazio ad un adulto più sicuro e controllato. La situazione diventa più complicata se si tratta di un adulto, la cui aggressività può addirittura far paura. Nel caso di un soggetto fragile caratterialmente e che tende a subire offese e soprusi, l'aggressività può rimanere nascosta e latente per molto tempo, e poi svilupparsi all'interno della propria personalità, come conseguenza delle cattiverie subite. Generalmente il soggetto diventa aggressivo per una causa ben precisa, e quindi eliminandola, non si manifesteranno altri episodi violenti. Diversa è la situazione, di una persona che per un'infanzia difficile ed avendo subito cattiverie varie, si trova a ripercorrere gli stessi atteggiamenti aggressivi subiti. In questo caso, l'elemento principale da sfruttare per calmare la persona, è di offrire un diversivo per distrarlo. Risulta utile anche presentare alla persona aggressiva un ambiente tranquillo, in cui si trovi a proprio agio completamente e sia lontano da insidie fisiche o psicologiche.

Continua la lettura
46

Cerchiamo di tranquilizzare

Il diversivo può essere un discorso che lo tranquillizzi, ma l'importante è che si riesca a distogliere l'attenzione del soggetto da ciò che ha determinato l'azione aggressiva. In questo caso, bisogna essere calmi ed evitare di rispondere all'aggressività con altra aggressività, perché in tal modo, la situazione non si riesce più a controllare, quindi peggiorerebbe notevolmente. Diviene importante tranquillizzare ed instaurare un dialogo di assoluta comprensione, senza esprimere giudizi, ma solo facendo sentire la nostra vicinanza, nonostante l'aggressività. È altresì importante non subire l'aggressività, ma mostrarsi indifferente ad essa, a meno che non nasconda una patologia vera e propria e diventi un pericolo. In questo caso è bene ricorrere ad un medico specializzato per ottenere la scomparsa della sintomatologia.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come essere una persona più empatica

L'empatia è una capacità che ci aiuta a capire i sentimenti degli altri, favorendo anche la comprensione del loro comportamento, evitando in tal modo conflitti di tipo caratteriale. Tuttavia, molte persone l'hanno a dei livelli eccessivamente bassi,...
Psicologia

Le caratteristiche di una persona asessuale

Forse alcuni di voi avranno già sentito parlare dell'asessualità. Eppure, al giorno d'oggi, c'è ancora molta disinformazione, a volte ignoranza e confusione su questi temi molto delicati che riguardano sesso, sessualità ed identità di genere degli...
Psicologia

Come capire se una persona dice la verità

Tutti noi vorremmo sapere come fare a capire se la persona che ci sta davanti sta mentendo oppure dice la verità. A parte la sensibilità personale e il grado di conoscenza che abbiamo con il nostro interlocutore, che sicuramente giocano un ruolo fondamentale...
Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come imparare a gestire le emozioni

Gli esseri umani per quanto forti fisicamente e dotati di una certa intelligenza, sono tuttavia vulnerabili in presenza di situazioni che possono generare delle emozioni che diventano poi difficili da gestire. Il problema se possiamo definirlo tale, si...
Psicologia

Come gestire le persone difficili

Le persone difficili sono quelle che possono essere descritte come invadenti, scortesi, egoiste, pettegole e meschine. Avere a che fare con loro risulta sempre molto difficile perché questa tipologia di persone agisce come un vero e proprio vampiro energetico...
Psicologia

Come gestire la propria impulsività

Se ci accorgiamo di essere eccessivamente impulsivi nel reagire alle situazioni che si presentano quotidianamente, può essere necessario prendere dei provvedimenti per migliorarsi. L'agire in modo istintivo, senza pensare alle conseguenze delle proprie...
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.