Come gestire un ipocondriaco

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

L'ipocondria è un problema della sfera psichica che porta chi ne è affetto ad avere delle preoccupazioni eccessive e in molti casi infondate per la propria salute. Il soggetto affetto da ipocondria, associa ogni minimo fastidio che avverte ad una patologia che minaccia la sua salute. Quando si ha a che fare con un ipocondriaco bisogna essere in grado sia di rassicurarlo (così che non sviluppi ansia cronica vera e propria) che portarlo non tanto a ragionare (condizione impossibile) quanto a comprendere il perché il suo sistema nervoso decida di "incanalare" lo stress verso un'eccessiva preoccupazione infondata e non riesca, invece, a gestirlo correttamente. L'ipocondria così come tutti gli altri disturbi psichici, è infatti spesso null'altro che l'esternazione di un qualcosa di molto più radicato e profondo che "è dentro" e non riesce a trovare voce, a uscir fuori correttamente. In questa guida, quindi, cercheremo di capire come fare per riuscire ad aiutare correttamente un ipocondriaco.

26

Gestire un ipocondriaco: trascinare l'attenzione su altro

Quando una persona è malinconica, l'ipocondria non fa altro che accentuare il suo stato, per cui addirittura riesce a "crearsi" delle problematiche di tipo fisico che in realtà non ha, con tanto di fastidi e variazioni fisiche importanti. Nella maggior parte dei casi, anche dopo un'accurata visita specialistica, il soggetto non riesce a rassicurarsi nonostante il responso sia stato negativo, e continua a comportarsi secondo quanto la sua mente riesce ad immaginare. La regola numero uno non è "distrarre" l'ipocondriaco (risulterebbe impossibile!) tanto quanto portare la sua attenzione su quello che è il reale problema lo affligge, al di là del "dolore o fastidio fisico". Se la persona ci parla di "ho dolore al petto, mi fa male la schiena" ecc, proviamo a spiazzarlo chiedendogli: "c'è qualcosa che ti preoccupa al di là del dolore fisico? C'è qualcuno che ti ha ferito/fatto soffrire? Sei in ansia a causa di un avvenimento importante?".

36

Gestire un ipocondriaco: la solitudine

La cura dell'ipocondria consiste nell'evitare che l'ipocondriaco si isoli, e noi possiamo aiutarlo distraendolo ed invitandolo innanzitutto a camminate all'aria aperta, possibilmente in zone soleggiate o lungo viali alberati e ricchi di fiori e colori, che gli consentano di prendere contatto con la natura e con se stesso. Se il soggetto è particolarmente suggestionabile, bisogna sdrammatizzare qualsiasi evento che possa turbarlo o amplificare la sua condizione. Renderlo quindi partecipe a tutto ciò che facciamo normalmente, sono piccole azioni che sicuramente gli porteranno benefici notevoli soprattutto a livello psichico. Quando siamo in sua compagnia, proviamo a focalizzarci noi stessi sui rumori di sottofondo, sulla bellezza di un paesaggio o sulla temperatura piacevole e facciamoglielo notare: aiutiamo la sua mente a "cogliere" ciò che di bello ha intorno, perché da sola, in questo momento, non ci riuscirebbe.

Continua la lettura
46

Le persecuzioni: capire la causa

I soggetti affetti da ipocondria spesso ritengono di essere perseguitati, o tendono ad amplificare i problemi familiari e enfatizzarli in maniera eccessiva. Si preoccupano in maniera incontrollata se un figlio ritarda il rientro a casa di pochi minuti, procurandosi uno stato d'ansia che li rende particolarmente agitati. In realtà con tali manifestazioni l'ipocondriaco non sta facendo nient'altro che spostare l'attenzione da un qualcosa di grave, che lo ferisce nel profondo, a un qualcosa di futile e "monitorabile", che lui stesso sa (inconsciamente, ovvio!) non aver grande rilevanza. Come il rientro a casa del figlio, che magari si è semplicemente attardato per qualche minuto per scambiare due chiacchiere con un amico incontrato per strada.

56

Gestire l'ipocondria: consigliare cure terapeutiche

A questo punto siamo giunti al termine di questa breve guida. Se ci trovassimo ad avere a che fare con una persona affetta da ipocondria tornerà molto utile il sapere come comportarsi. Ad ogni modo, non dovremmo mai dimenticare che l'ipocondria è un problema serio, che può compromettere gravemente la qualità della vita di chi ne soffre. Proprio per questo motivo, la cosa più saggia che potremmo fare (oltre ad offrire la nostra sincera vicinanza emotiva) sarebbe quella di spingere l'amico/parente/conoscente che ne soffre a richiedere l'aiuto di uno psicoterapeuta. Cercando di fargli capire, inizialmente, non tanto che tutto ciò che sente sono convinzioni mentali, ma piuttosto che sta vivendo un momento molto buio e che potrà continuare a indagare sui suoi fastidi/dolori fisici senza tralasciare però la parte emotiva, che va supportata perché non può far altro che aiutare il corpo stesso a ritrovare la propria pace interiore.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mai giudicare
  • Offrire estrema vicinanza, chiedere "come stai?" ed evitare di trattare l'argomento "salute fisica". Concentrarsi, piuttosto, sull'aspetto emotivo e mentale!
  • Garantire aiuto e comprensione, consigliando però l'aiuto di tipo medico/psicoterapico
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come gestire le persone difficili

Le persone difficili sono quelle che possono essere descritte come invadenti, scortesi, egoiste, pettegole e meschine. Avere a che fare con loro risulta sempre molto difficile perché questa tipologia di persone agisce come un vero e proprio vampiro energetico...
Psicologia

Come gestire la propria impulsività

Se ci accorgiamo di essere eccessivamente impulsivi nel reagire alle situazioni che si presentano quotidianamente, può essere necessario prendere dei provvedimenti per migliorarsi. L'agire in modo istintivo, senza pensare alle conseguenze delle proprie...
Psicologia

5 modi per gestire la rabbia

La rabbia è semplicemente una delle emozioni a disposizione di cuore, mente e corpo dell'essere umano, ma quando si fa viva troppo spesso e in modo troppo insistente e aggressivo può diventare un problema. Se stai leggendo queste righe, probabilmente,...
Psicologia

Come imparare a gestire la rabbia

La rabbia è uno stato psichico che viene generato da alcune provocazioni capaci di eliminare i freni inibitori che in condizioni normali vanno a stemperare le scelte di un soggetto. La rabbia è quindi un stato d'animo che non fa bene all'uomo per cui...
Psicologia

Come gestire la fidanzata del tuo migliore amico

Chi trova un (migliore) amico, trova un tesoro. Con lui hai condiviso tutto, è un compagno di divertimenti unico, una spalla su cui piangere, una presenza a cui non potresti mai rinunciare. Ma cosa succede se lui trova una fidanzata? Quando il tuo migliore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.