Come gestire la propria irascibilità

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

L'irascibilità è un tratto del carattere che difficilmente si apprezza in qualcuno. A volte, perfino chi ne soffre non lo sopporta. Non è difficile comprenderne il motivo: la rabbia non fa bene all'umore, può generare dei sensi di colpa, può perfino incrinare i rapporti tra le persone, poiché spesso si tende a pensare (e a dire) cose che non si credono davvero, che sono soltanto generate dall'astio. Non solo: nei casi più gravi, può provocare conseguenze molto più sgradevoli, ad esempio difficoltà nel lavoro, perfino aggressività fisica. L'ira, quindi, non va sottovalutata, anzi, può perfino peggiorare con il tempo. Bisogna tener però presente che, in ogni caso, essa è un sentimento umano, come la gioia, la tristezza, la gelosia. Va quindi primariamente accettata e, solo dopo, anche gestita.
Se soffrite di attacchi d'ira, di cui fareste volentieri a meno, siete nel posto giusto: vi daremo alcune dritte su come gestire la propria rabbia. E, magari, anche quella degli altri.

25

Cause

La rabbia può avere diverse cause. Ci sono persone, ad esempio, che si arrabbiano facilmente per natura. In altri casi, invece, può essere una conseguenza psicologica di frustrazioni sofferte durante l'infanzia, di qualunque genere, sia in famiglia che con amici o a scuola. In questi casi, la persona irascibile tende a sfogare questo malessere che cova di continuo proprio con la rabbia, cogliendo ogni provocazione o occasione propizia allo scopo. Naturalmente, è un meccanismo istintivo, non avviene con premeditazione o cattiveria.
Ancora, la rabbia può essere legata a un momento di difficoltà che la persona in questione sta vivendo, magari insoddisfazione sul lavoro o nel legame di coppia, ci sono innumerevoli esempi a riguardo. Oppure, l'irascibile è costretto a trascorrere giornalmente del tempo con una persona che tende a sottometterlo, ad esempio un collega o un superiore sul lavoro, il partner o chiunque altro. In questi casi, quindi, è facile comprendere che l'ira è un modo con cui la persona cerca di sfogare il suo malessere intimo.

35

Soluzioni

Per quanto l'ira possa essere esplosiva, esistono degli accorgimenti che potete adottare per migliorare la situazione o almeno renderla meno spigolosa, sia per voi che per chi vi circonda. La soluzione alla base di tutte è quella di analizzare la vostra rabbia per comprenderne la causa: in questo modo, sarà per voi molto più semplice agire per smussare questo lato della vostra personalità.
In secondo luogo, non reprimete la vostra rabbia. Lo trovate strano? Beh, non lo è affatto. Reprimere la rabbia non la fa scomparire, non vi fa sentire meglio. L'ira, infatti, comparirà in un secondo momento, magari proprio quando potrebbe essere fuori luogo. Potete reprimerla una, due volte, ma prima o poi esploderà comunque.
Un altro suggerimento potrebbe essere quello di dedicarvi regolarmente all'attività fisica e/o alla meditazione. La prima, infatti, aiuta a smaltire lo stress e vi regala una sensazione di benessere generale; la seconda è invece molto utile per sviluppare l'autocontrollo e rimanere calmi.
Un'altra cosa che potete fare, possibilmente mentre siete preda dell'ira, è quella di porre attenzione alle vostre risposte, darvi un senso, rallentare un po' e non dire la prima cosa che vi passa per la testa, poiché potreste pentirvene. Inoltre, se siete suscettibili alle critiche e queste vi fanno facilmente perdere il sangue freddo, tenete presente una cosa importante: spesso, le critiche provengono da persone a noi care, che si preoccupano per noi e vogliono solo aiutarci. Magari esprimono il loro pensiero con le parole e il tono sbagliato, ma non dimenticate mai che è solo per affetto nei nostri confronti.
Ancora, prevenire la rabbia è possibile dedicando il giusto numero di ore di sonno al nostro organismo, in modo da non essere stanchi e intrattabili.
Se ci fate caso, noterete che alcune conversazioni che provocano irritazione e rabbia avvengono in determinati momenti della giornata, cioè quelli in cui si tende a essere stanchi, irritabili: stati d'animo del genere ci rendono più nervosi e polemici, per cui una buona idea può essere quella di rimandare conversazioni del genere, se proprio necessarie, a momenti migliori, in cui siete più calmi e razionali.
Non solo: un'altra ottima soluzione può essere semplicemente quella di evitare le situazioni che vi portano a perdere le staffe. Se proprio non potete, provate a immaginare una reazione idonea e di ricordarla, in modo da metterla in atto senza arrabbiarvi.

Continua la lettura
45

Tecniche

Oltre ai suggerimenti precedenti, esistono anche varie tecniche per gestire l'ira. Noi ve ne proponiamo tre.
La prima è la respirazione addominale. Va eseguita da seduti, con le gambe incrociate, quindi su un cuscino, un tappetino, il letto. Si parte ponendo i palmi delle mani sotto le costole. Inspirate con il naso e gonfiate la pancia, quindi espirate lentamente e, allo stesso tempo, sgonfiate la pancia.
La seconda tecnica è quella del rilassamento muscolare progressivo. Essa si esegue preferibilmente da stesi; consiste nel contrarre e rilassare tutti i gruppi corporei in modo progressivo. Ad occhi chiusi, cominciamo contraendo le dita dei piedi e i piedi stessi per alcuni secondi, quindi rilassiamoli. Facciamo lo stesso con i polpacci e gli stinchi, quindi con le cosce, e così via, fino ad arrivare alla testa. Al contempo, è importante la respirazione, che deve essere lenta e controllata.
La terza tecnica è più che altro psicologica. Si chiama Refraining e consiste nel percepire qualcosa in modo differente, cambiando atteggiamento verso una particolare situazione e assumendo quindi pensieri positivi.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se ne sentite la necessità, rivolgetevi ad uno psicologo: sicuramente fornirà dei consigli appropriati al vostro caso
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come gestire la propria emotività

Generalmente il sesso femminile è quello che mostra un maggiore coinvolgimento emotivo, rispetto quello maschile, in presenza di situazioni coinvolgenti; anche se è meglio valutare ogni caso singolarmente. L'emotività è una capacità che permette...
Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come imparare a gestire le emozioni

Gli esseri umani per quanto forti fisicamente e dotati di una certa intelligenza, sono tuttavia vulnerabili in presenza di situazioni che possono generare delle emozioni che diventano poi difficili da gestire. Il problema se possiamo definirlo tale, si...
Psicologia

Come sfogare la propria rabbia

La rabbia è un'emozione che può portare a numerose conseguenze negative. Per questo motivo, porsi il problema di come sfogarla è già un traguardo poiché si sta ammettendo la difficoltà ad esternare la voglia di esprimere e sfogare le proprie emozioni....
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
Psicologia

5 modi per gestire la rabbia

La rabbia è semplicemente una delle emozioni a disposizione di cuore, mente e corpo dell'essere umano, ma quando si fa viva troppo spesso e in modo troppo insistente e aggressivo può diventare un problema. Se stai leggendo queste righe, probabilmente,...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come esercitarsi a usare la forza della propria mente

Le azioni umane vengono eseguite grazie alla propria fisicità ed alla propria mente. Quest'ultima permette di agire, di muoversi e di superare gli ostacoli che la vita pone davanti. Questo semplice tutorial ha l'obiettivo di dare degli utili consigli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.