Come gestire la propria impulsività

Tramite: O2O 24/05/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se ci accorgiamo di essere eccessivamente impulsivi nel reagire alle situazioni che si presentano quotidianamente, può essere necessario prendere dei provvedimenti per migliorarsi. L'agire in modo istintivo, senza pensare alle conseguenze delle proprie azioni o parole, infatti, può essere controproducente tanto nelle relazioni personali quanto nel lavoro e nella quotidianità. Spesso dietro l'impulsività si nasconde una profonda insicurezza o il timore di non essere in grado di far valere le proprie ragioni. In queste circostanze è importante prendere del tempo per dedicarsi a sè, così da comprendere il proprio stato d'animo e quali sono le situazioni che ci rendono impulsivi. Con i passi che seguono vi daremo alcuni spunti su come imparare a gestire la propria impulsività, ricordando che talvolta può essere necessario un supporto esterno da parte di uno psicologo.

27

Occorrente

  • pensiero positivo
  • yoga
  • meditazione
  • sport
37

Contare prima di agire

Quando siamo particolarmente stressati o sotto pressione, può capitarci di rispondere male anche alle persone a cui vogliamo bene. In alternativa, cerchiamo di scaricare le tensioni mangiando in modo compulsivo, oppure commettiamo dei gesti di cui ci presto ci pentiamo, come dare un ceffone a qualcuno o offendere una persona cara. In tutti i casi si tratta di impulsività, un tratto caratteriale presente in ognuno di noi, che abbiamo in maniera più o meno spiccata e che abbiamo sviluppato col tempo e con le esperienze. L'impulsività si manifesta soprattutto se siamo delle persone particolarmente emotive e non riusciamo a gestire bene le situazioni che ci capitano di fronte, soprattutto quelle di accezione negativa. Per risolvere in modo efficace questo problema, innanzitutto bisogna cercare, ogni qualvolta si sente l?impulso irrefrenabile ad agire, di attendere un certo tempo da noi precedentemente stabilito, ad esempio contare fino a 60 secondi, prima dell'inizio dell?azione. Può succedere che, aspettando questo tempo, passi la ?voglia? di agire. Se invece dopo questo lasso di tempo siamo ancora convinti di agire, probabilmente non siamo più guidati dall'impulso, ma è subentrata la razionalità, ossia abbiamo ponderato la situazione che abbiamo di fronte. Questo è quello che dobbiamo cercare di fare ogni qualvolta si presenti una situazione particolare: aspettare qualche minuto è un ottimo modo per gestire l'impulsività.

47

Praticare attività fisica

In generale una buona strategia per combattere l?impulsività consiste dedicarsi frequentemente a pratiche meditative o a praticare molta attività sportiva, specialmente di tipo aerobico (come la corsa o andare in bici) o ancora a frequentare una scuola di yoga. Si tratta di esercizi che aiutano a tenere la mente rilassata e a scaricare le tensioni che si accumulano dentro di noi e che possono far scatenare reazioni impulsive. Starsene chiusi in casa di sicuro non ci aiuterà a gestire l'impulsività, a sfogare la propria rabbia o ad allontanare i pensieri negativi: il modo migliore per allontanare le reazioni istintive è scaricarsi con l'attività fisica all'aria aperta, ma anche frequentare delle persone positive, che ci aiutino a migliorare le nostre relazioni interpersonali.

Continua la lettura
57

Annotare le sensazioni

Un altro metodo efficace consiste nel cercare di attivare un pensiero, possibilmente positivo, relativamente alla situazione che stiamo vivendo. Dobbiamo cercare di esaminare attentamente tutte le possibili conseguenze dell?azione che si desidera attuare, sia quelle negative, ma anche quelle positive. Se ne abbiamo la possibilità, proviamo a scriverle, su due colonne distinte, su di un foglio di carta, in modo tale da fissarle con maggiore fermezza nella mente e da poterle analizzare con calma. Questo accorgimento potrà essere utile anche qualora, nel futuro, ci si trovi nuovamente nella stessa situazione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Consultare uno psicologo nel caso in cui l'impulsività comprometta le relazioni sociali e il lavoro.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come gestire la propria emotività

Generalmente il sesso femminile è quello che mostra un maggiore coinvolgimento emotivo, rispetto quello maschile, in presenza di situazioni coinvolgenti; anche se è meglio valutare ogni caso singolarmente. L'emotività è una capacità che permette...
Psicologia

5 passi per gestire le proprie emozioni

I sentimenti che si provano in varie circostanze differenti, possono essere di varia natura e di varia intensità. L'odio, la rabbia, la gelosia, l'amore, la passione, la delusione, la felicità, la gioia, ecc., sono solo alcuni dei sentimenti piacevoli...
Psicologia

Come imparare a gestire le emozioni

Gli esseri umani per quanto forti fisicamente e dotati di una certa intelligenza, sono tuttavia vulnerabili in presenza di situazioni che possono generare delle emozioni che diventano poi difficili da gestire. Il problema se possiamo definirlo tale, si...
Psicologia

Come sfogare la propria rabbia

La rabbia è un'emozione che può portare a numerose conseguenze negative. Per questo motivo, porsi il problema di come sfogarla è già un traguardo poiché si sta ammettendo la difficoltà ad esternare la voglia di esprimere e sfogare le proprie emozioni....
Psicologia

Come gestire la rabbia durante una discussione

Nei rapporti umani affrontare qualche discussione è normale. Ogni individuo è diverso l'uno dall'altro e questo porta a occasionali malintesi. Per amici di vecchia data è tutto più facile da gestire. Anche quando molto diversi, due amici sanno comprendere...
Psicologia

5 modi per gestire la rabbia

La rabbia è semplicemente una delle emozioni a disposizione di cuore, mente e corpo dell'essere umano, ma quando si fa viva troppo spesso e in modo troppo insistente e aggressivo può diventare un problema. Se stai leggendo queste righe, probabilmente,...
Psicologia

Come gestire le emozioni nello sport

Per qualunque sportivo, apprendere come gestire le emozioni nello sport è fondamentale. L'attività fisica infatti non è solo sforzo fisico, ma anche mentale. Occorrono concentrazione, motivazione, capacità di gestire lo stress, la rabbia, gli insuccessi,...
Psicologia

Come esercitarsi a usare la forza della propria mente

Le azioni umane vengono eseguite grazie alla propria fisicità ed alla propria mente. Quest'ultima permette di agire, di muoversi e di superare gli ostacoli che la vita pone davanti. Questo semplice tutorial ha l'obiettivo di dare degli utili consigli...