Come funzionano i toni binaurali

Tramite: O2O 12/08/2018
Difficoltà: media
15
Introduzione

I toni binaurali (binaural beats in inglese) sono dei battimenti inesistenti che il nostro cervello crea quando percepisce due frequenze simili, al di sotto di 1500 Hertz, da due diversi auricolari.
Questo fenomeno, scoperto per la prima volta nel 1839 da Heinrich Dove, è stato studiato più approfonditamente da Oster nel 1973. Quest'ultimo infatti fu capace di apprezzare le numerose potenzialità che questo evento, che non è altro che un "errore di sistema" del nostro cervello, avrebbe potuto portare nel campo delle scienze neurologiche.
Vediamo quindi insieme come funzionano i toni binaurali.

25

Premessa

Il cervello umano funziona attraverso impulsi elettrici misurabili, noti come onde cerebrali.
Esistono 5 tipi di onde cerebrali: Gamma (superiori ai 40 Hz), Beta (40-13 Hz circa), Alpha (12.9-8 Hz), Theta (7.9-4 Hz) e Delta (3.9-0.1 Hz).
Ad ognuno di essi corrisponde un diverso stato di attività del cervello, dalla veglia al sonno profondo.
L'orecchio umano, a sua volta, percepisce invece frequenze che partono all'incirca dai 20 Hz, rendendo quindi molto difficile attivare in modo naturale toni così bassi.
Uno degli usi più comuni dei battimenti binaurali sta proprio nella produzione di queste bassissime frequenze.

35

Descrizione del fenomeno

Quando l'orecchio destro e quello sinistro ricevono due frequenze simili (divergenti al massimo di 30 Hz) inferiori ai 1000-1500 Hz, il nostro cervello produce un suono perfettamente equivalente a questa differenza che esiste solo nella nostra testa. Questo fenomeno è molto utile in quanto permette di percepire vibrazioni che sarebbero altrimenti impossibili da sentire.
In base alle frequenze utilizzate possiamo, con dei semplicissimi calcoli, ottenere le lunghezze d'onda di cui abbiamo bisogno per attivare dei particolari processi cerebrali, che si voglia raggiungere uno stato si perfetta concentrazione piuttosto che uno si trance.

Continua la lettura
45

Applicazione del fenomeno

I toni binaurali possono essere utilizzati a livello diagnostico in neurologia e psichiatria ma vengono anche usati come rimedio naturale per combattere vari distrubi psicologici e psicosomatici.
Attraverso il fenomeno della risonanza infatti i toni binaurali riescono a stimolare particolari stati mentali a seconda delle frequenze utilizzate.
Questo processo ha quindi ha il potenziale di influenzare direttamente il cervello, ma bisogna considerare anche quanto quest'organo sia complesso nel suo funzionamento.
Questo processo va quindi visto come un esperimento multidimensionale che potrebbe portare benefici ma che ha anche numerose limitazioni.

55
Consigli
Non dimenticare mai:
  • Non iniziate mai a sperimentare da soli. Chiedete aiuto ad un medico.
  • Evitate frequenze Gamma (cervello iperattivo) o Delta (cervello inattivo) almeno agli inizi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:
Potrebbe interessarti anche
Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Crescione: proprietà e usi

Il crescione d'acqua, nome scientifico Lepidium Sativium, è una pianta annuale facilmente coltivabile e utilizzata a scopo alimentare grazie al suo sapore gradevole, dai toni aciduli e piccanti. Appartiene alla famiglia delle Crocifere (cavoli, ravanelli,...
Rimedi Naturali

I migliori gastroprotettori naturali

Le erbe officinali ci portano sempre numerosi benefici, andando a migliorare sensibilmente il nostro benessere fisiologico. I loro principi attivi ci aiutano a fronteggiare diverse patologie, le quali investono diverse parti del corpo in modo più o meno...
Rimedi Naturali

Come fare un impacco contro la linfadenite

La linfadenite, è un disturbo legato all'infezione dei linfonodi e delle ghiandole linfatiche. Questa patologia, può essere causata da infezioni di tipo batterico, infezioni generali o forti infiammazioni. I batteri più comuni che causano la linfadenite,...
Rimedi Naturali

Come realizzare una crema antizanzare

Come ogni anno, non appena comincia la stagione calda e arriva estate, arrivano puntuali anche le zanzare. Tra l'uomo e le zanzare esiste una lotta davvero eterna: loro sempre pronte a pungerci e noi a prepararci al loro attacco. Questi piccoli e fastidiosissimi...
Rimedi Naturali

Come fare uno sciroppo casalingo per la tosse

Durante il periodo invernale capita spesso di avere la tosse, o prendersi qualche altro tipo di malattia.Curarsi a dovere diventa quindi un obbligo ed una necessità. Per curare questo piccolo malanno vi sono in commercio degli sciroppi appositi, ma spesso...
Rimedi Naturali

Come evitare le punture di zanzare

L'estate è la stagione preferita di molte persone, è un periodo perfetto per le vacanze. Infatti, ha molti vantaggi, come l'abbronzatura e i lunghi pomeriggi al mare o in montagna. Peccato che questo meraviglioso periodo sia rovinato da sciami di zanzare,...
Rimedi Naturali

Come preparare un decotto con radici di tarassaco

Il Taraxacum Officinalis, conosciuto più comunemente con il nome di tarassaco, è una pianta molto diffusa in Italia. Ne esistono ei tantissime varietà e tipologie differenti e le sue radici sono note per le rinomate proprietà benefiche. Da esse è...
Rimedi Naturali

Come migliorare l'umore in modo naturale

A volte il nostro umore può peggiorare a causa delle situazioni stressanti che siamo costretti ad affrontare quotidianamente o in concomitanza di periodi difficili. Lo stato d’animo può anche essere collegato alle fluttuazioni ormonali, prima o durante...