Come fare un massaggio lombare

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Quando a causa della postura scorretta, o di un lavoro particolarmente sedentario, insorge un fastidioso dolore alla schiena, si manifesta la cosiddetta lombalgia. Questa condizione è assai fastidiosa per chi ne soffre, poiché il sintomo doloroso parte dalla regione bassa della schiena ma si irradia anche alla parte alta, con interessamento degli arti superiori ed inferiori. Sottoporsi a regolari massaggi può non soltanto alleviare lombaggini e lombosciatalgie, ma anche prevenirle efficacemente. All'interno di questa guida vedremo assieme come fare un massaggio lombare, con quale frequenza e quando contattare uno specialista.

26

Occorrente

  • Materasso o materassino
  • Talco oppure olio
36

Riattivare la circolazione

Sia che ci si sottoponga al massaggio in presenza di fitte acute che in assenza di queste ultime, è bene iniziare con la riattivazione della circolazione locale. Per eseguirla non occorrono particolari competenze, basta passare ritmicamente il palmo della mano sull'area lombare e dorsale, senza esercitare troppa pressione. Questa fase deve essere eseguita in modo dolce, meglio se con mani calde (se sono fredde, è possibile scaldarle tenendole qualche minuto in una bacinella contenente acqua calda), senza sfregare nè comprimere. Il movimento deve seguire il decorso dei muscoli e dei nervi (con particolare attenzione al nervo sciatico), che vanno accarezzati in modo gentile.

46

Eseguire la massoterapia

La massoterapia altro non è che un massaggio terapeutico e decontratturante, che consta di numerose manovre da eseguire in punti ben precisi della schiena. Alcune di queste richiedono l'aiuto di un fisioterapista, altre invece si prestano bene al fai da te. Tra queste ultime ne esiste una che può essere eseguita al mattino appena svegli o la sera poco prima di dormire. Bisogna stendersi supini sul letto, portare le ginocchia verso il petto ed abbracciare le gambe. Poi, con movimenti molto soft, bisogna dondolarsi a destra e a sinistra, restando fermi qualche minuto dopo ogni oscillazione. Pur non avendo utilizzato le mani in modo diretto sulla schiena, in questo modo si riesce ad esercitare un gradevole massaggio. Se si è in presenza di un partner ed in assenza di dolori acuti, si può passare allo step successivo. Sull'area interessata è infatti possibile esercitare pressioni più intense, sfruttando il palmo delle mani, le nocche delle dita e persino i gomiti. Tali movimenti, però, vanno eseguiti in modo regolare, lungo tutte le fasce muscolari, al fine di sciogliere le contratture. Si può iniziare con degli scivolamenti lungo i lombi, proseguire con sfregamenti e frizioni e terminare con movimenti rotatori. Le manovre devono avere un'intensità progressiva, che non si faccia mai però troppo incisiva.

Continua la lettura
56

Ridurre le aderenze

Durante il massaggio è altresì necessario ridurre le aderenze tra i muscoli e, per farlo, bisogna raccogliere con le mani una plica di pelle alla base della schiena. Tale plica va fatta risalire lungo tutta la regione lombare, afferrandola con i polpastrelli. Altra tecnica per la riduzione delle aderenze è poi l'impastamento, che consiste nel porre le mani sulla schiena e farle scorrere in senso opposto. In questo modo si alzerà tra le due mani una plica di pelle, proprio nel momento in cui il pollice di una mano si avvicinerà al dito indice dell'altra. Tali procedure possono essere vissute con fastidio, soprattutto se ad eseguirle non è un professionista qualificato. Per tale ragione, in caso di scialtaglia o colpo della strega, è doveroso contattare un fisioterapista ed affidarsi alla sua maestria.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

Tecniche di massaggio per la regione cervicale

Quante volte capita di dover affrontare la giornata sopportando fastidiosissimi dolori della regione cervicale. Dolore, rigidità localizzata e mal di testa sono i sintomi più frequenti di questo disturbo dalle molteplici cause. Stress, vita sedentaria...
Salute

Come riconoscere la spondiloartrosi

La spondiloartrosi come si evince dal nome stesso, è una patologia che interessa le ossa. Le malattie dovute all'artrosi sono in costante aumento, entrando al secondo posto tra quelle più invalidanti, e comportano una notevole riduzione temporanea...
Salute

Come alleviare il mal di testa con la riflessologia plantare

Il mal di testa può avere origini differenti, le quali possono essere sia di natura muscolare che "organica". Sono infatti anche i problemi agli organi e agli apparati che possono generare emicrania, come ad esempio una cattiva digestione oppure un sonno...
Salute

Le migliori posizioni per dormire

Riposare nel migliore dei modi influenza positivamente il benessere fisico ed emotivo. Per svegliarsi infatti veramente freschi e riposati entrano in gioco non solo diversi fattori come una giusta alimentazione, una corretta attività fisica e un buon...
Salute

5 punti da massaggiare per ridurre il mal di testa

Se il problema che affligge voi come milioni di altre persone nel mondo è un fastidioso mal di testa, è bene sapere che si potrà facilmente ridurre semplicemente utilizzando cinque punti da massaggiare e di seguito ve li andrò ad illustrare.Non è...
Salute

Come fare un automassaggio per il collo

Spesso, per colpa dello stress al quale siamo sottoposti ogni giorno, soffriamo di dolori al collo. Tra le cause primarie di questo problema vi è il mantenimento della medesima posizione per lunghi periodi (lavoro d'ufficio o vita sedentaria), oltre...
Salute

Come eliminare la pancia in vista dell'estate

Non esistono regole valide in assoluto per eliminare i chili di troppo: ognuno di noi ha un metabolismo, uno stile di vita e un codice genetico unici per cui le cause del sovrappeso difficilmente sono riconducibili entro schemi precisi così come le metodiche...
Salute

Come allenarsi per ridurre il battito cardiaco

Sia che si tratti di esercizi per la meditazione o semplicemente per rilassarsi e contro l'ansia, sia che rallentare il proprio battito cardiaco serva per scopi terapeutici, esistono dei sistemi per riuscire ad ottenere buoni risultati semplicemente con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.