Come fare gli allunghi nel modo giusto

Tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

Gli allunghi sono una pratica tipica dell'atletica leggera e spesso, quando si parla di questo tipo di esercizio, si fa molta confusione. Bisogna eseguirlo infatti, in maniera corretta perché altrimenti si rischia di non raggiungere gli obiettivi prefissati.   Bisogna fare una distinzione sull'utilizzo degli allunghi, a seconda se sono stati inseriti in un allenamento a fondo progressivo, medio oppure lento. Vediamo come eseguire un allungo nel modo giusto.

26

Occorrente

  • Scarpe da ginnastica running
  • Abbigliamento sportivo
36

Il risveglio muscolare e la velocità degli allunghi

Quando si fanno gli allunghi, affinché vengano eseguiti in maniera corretta è opportuno avere come obiettivo principale quello di dare al corpo una maggiore scioltezza e di risvegliare tutti i muscoli. Infatti, gli allunghi aiutano i muscoli ad essere più distesi dopo la corsa lenta. Il modo in cui devono essere effettuati varia a seconda del tipo di allenamento che si sta realizzando. Se chi si sta allenando è uno specialista del mezzofondo prolungato oppure del fondo, gli allunghi devono essere realizzati con una velocità di 2 secondi per ogni 100 metri rispetto a quello che è il ritmo della gara intrapreso. Se invece l'allenamento riguarda gli specialisti del mezzofondo veloce, allora gli allunghi devono essere effettuati con la stessa velocità del ritmo della gara che si deve intraprendere. È importante seguire questi consigli perché altrimenti si corre il rischio di non svolgere bene questo esercizio. Le indicazioni relative agli allunghi Infatti, sono molto importanti perché hanno la funzione specifica di influire sull' allenamento che riguarda tutto il corpo e il ritmo stesso della corsa. Non è opportuno eseguire gli allunghi ad alta velocità come se si trattasse di scatti, quanto piuttosto bisogna calibrare bene l'allungo, in modo tale da evitare qualunque tipo di infortunio muscolare. Inoltre, gli allunghi hanno come scopo quello di definire la tecnica della corsa. L'atleta, grazie a questo tipo di esercizio, sarà in grado di migliorare la propria tecnica mantenendo la corsa molto più fluida e rilassata possibile. Nel corso degli allunghi bisogna sempre verificare bene che ogni parte del corpo sia nella giusta posizione per evitare qualunque tipo di infortunio. Gli allunghi devono essere sempre eseguiti facendo attenzione che tra un passo e l'altro della corsa si riesca a ristabilire qual è la posizione ideale, così da evitare degli affaticamenti per gli atleti. Un'altra cosa importante, è rispettare la pausa di 60 oppure di 90 secondi tra un allungo e l'altro, così da garantire la freschezza ottimale dell'atleta. Questo aiuterà di non poco a definire la tecnica di corsa e nel corso del lungo periodo, si avrà l'opportunità di migliorare sempre di più la propria prestazione.

46

La tecnica migliore per eseguire gli allunghi

Per eseguire gli allunghi, oltre a tenere sotto controllo le norme precedentemente citate, bisogna scegliere tra due opzioni. In primis, è necessario prevedere una piccola accelerazione, un po' più leggera nei primi 20 metri circa. In questa prima fase, l'allungo mira a raggiungere la velocità standard che poi deve essere mantenuta fino alla fine dell'esercizio. In questo modo, si avrà l'opportunità di distendere i muscoli e quindi di riuscire a determinare in maniera naturale la velocità da stabilire. Invece, la seconda fase dell'allungo prevede l'incremento della velocità. Man mano, una volta superati i 20 metri iniziali, l'atleta dovrà iniziare a incrementare la velocità fino ad arrivare a quella stabile che caratterizzerà tutta la fase dell'esercizio. In pratica, bisogna fare in modo che l'organismo dell'atleta funzioni come una sorta di automobile a cui vengono inserite passo dopo passo le giuste marce. Soltanto incrementando in maniera sistematica e non troppo accelerata la velocità, si riuscirà ad eseguire l'esercizio in maniera corretta. Questa tecnica deve essere applicata innestando la giusta velocità in maniera graduale senza sforzare l'organismo e quindi sottoporsi a rischio di infortuni di natura muscolare. Queste due tecniche per eseguire gli allunghi possono essere applicate in maniera differente a seconda delle esigenze. Coloro che svolgono già degli allenamenti costanti e quotidiani e sono già particolarmente in forma, da un punto di vista fisico, possono applicare la prima tecnica degli allunghi. Quindi, dovranno prevedere un'accelerazione graduale e poi mantenere la velocità stabilita fino alla fine dell'esercizio. Invece, coloro che sono reduci da un allenamento lungo e che magari stanno cercando di rimettersi in forma dopo una fase di stasi, possono optare per la seconda tecnica. A dire il vero però, in generale, la seconda tecnica è quella maggiormente utilizzata e più consigliata. Infatti, gli allunghi che prevedono un'accelerazione graduale sono quelli che permettono agli atleti di allenarsi in maniera graduale, senza dover per forza esagerare su determinati punti.

Continua la lettura
56

Numero di ripetizioni e distanza da rispettare

Nell'eseguire gli allunghi in maniera corretta, è opportuno realizzare tra un minimo di 3 ripetizioni fino ad un massimo di circa 12 ripetizioni. In alcuni casi, per coloro che si allenano per il fondo, si può anche pensare di realizzare circa 20 ripetizioni di allunghi.
In linea generale, affinché questo esercizio funzioni in maniera corretta bisogna pensare a una distanza di circa 50 metri per coloro che sono ancora in una fase iniziale dell'allenamento mentre negli altri casi la distanza deve partire dai 60 fino arrivare ai 150 metri per gli atleti più in forma. La cosa importante, al di là delle ripetizioni o della distanza è fare sempre in modo che sia rispettata la postura e quindi che venga garantito un adeguato allenamento di base che possa sostenere l'accelerazione in velocità.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Allenarsi in maniera moderata
  • Calibrare bene le proprie forze
  • Evitare sforzi muscolari

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Fitness

Come aumentare la lunghezza della falcata

Siete dei runners esperti? O semplici podisti che corrono per migliorare il proprio stato fisico e mentale? Anche i maggiori esperti del settore sostengono che la corsa sia una delle attività più salutari per l'organismo. Correre fa bene al cuore. Aiuta...
Fitness

Come fare la panca inclinata per addominali

La muscolatura dell’addome è costituita principalmente da due parti: la fascia centrale, che corrisponde al retto dell’addome, e le zone laterali, costituite da tre strati muscolari: obliquo interno, obliquo esterno e muscolo traverso. Tramite esercizi...
Fitness

5 esercizi per bicipiti e tricipiti senza attrezzi

Allenarsi in casa è un'alternativa per chi ha poco tempo e non può frequentare assiduamente una palestra. Allenandosi in casa si possono ottenere risultati che non hanno nulla da invidiare a quelli ottenibili in palestra. Bisogna sapere però come allenarsi....
Fitness

Allenamento intervallato ad alta intensità HIIT

Esistono tante metodologie diverse di allenamento a seconda dell'biettivo da voler raggiungere. Tutte si prefiggono come scopo ultimo l'ottenimento di una perfetta forma fisica, ma non tutti prendono i considerazione i vari aspetti che questo significa....
Fitness

Tutto sul life pump

Nell'America del '98, è stata introdotto un programma di allenamento, semplice e divertente, chiamato Life Pump: una tecnica più o meno nuova, arrivata da pochissimi anni in Italia, che oltre a migliorare il tono muscolare, ricerca il giusto equilibrio...
Fitness

Come correre senza annoiarsi

In alcuni giorni il movimento ripetitivo della corsa può essere meditativo, in altri invece, può essere addirittura monotono. La solita routine può portare alla perdita di entusiasmo prima ancora di raggiungere i propri obiettivi. Molti corridori diventano...
Fitness

5 esercizi da fare al mattino in 20 minuti

Ore 7:00, il noioso rumore della sveglia ci costringe, con grande fatica, a scendere dal letto.Ammettiamolo, il momento del risveglio è sempre piuttosto complicato per tutti. La voglia è poca, le energie anche, e la testa sembra quasi essere avvolta...
Fitness

Come allenare i pettorali a casa

Questa guida illustra 3 semplici esercizi con i quali allenare e potenziare i pettorali stando a casa. Per avere un fisico atletico non è necessario spendere fior di quattrini in abbonamenti in palestra ma, con il giusto impegno e con le giuste dritte,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.