Come fare a non urlare quando si è arrabbiati

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quando abbiamo un attacco d'ira, urlare è una delle manifestazioni più comuni, naturali e quasi involontarie. Per parecchie persone, rappresenta addirittura un termine di sfogo per scaricare la propria rabbia. Tuttavia, pur essendo un modo molto efficace per scaricare efficacemente la collera, non è mai un buon metodo da adottare nei rapporti sociali, in quanto non ci rende lucidi sulle parole che utilizziamo e rischiamo di inasprire i rapporti di ogni natura. Che lo dimostrino o meno, la nostra rabbia spinge le persone di tutte le età lontano da noi, soprattutto i bambini. Urlare contro di loro, infatti, potrebbe invogliarli ad assumere lo stesso atteggiamento quando saranno grandi e il fatto di urlare durante una discussione Potrebbe sempre a loro la normalità. Il più delle volte, è sufficiente una semplice e ramanzina con toni severi per fargli capire la lezione, anche se in taluni casi è davvero molto difficile mantenere la calma. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come fare a non urlare quando si è arrabbiati. .....

27

Occorrente

  • Calma
  • Autocontrollo
37

Cercare di non alzare la voce

Alzare la voce, anche se in maniera del tutto involontaria, è sinonimo di volere a tutti i costi far valere il nostro punto di vista e spesso avviene istintivamente senza neanche pensarci. Purtroppo, con la vita frenetica che conduciamo un po' tutti e lo stress accumulato dalla vita quotidiana, siamo spesso soggetti a manifestare diverse occasioni di collera per molteplici cause, ma quasi sempre è un insieme di elementi che scatenano in noi la rabbia esagerata. Se cerchiamo di mantenere un tono di voce basso, riusciremo a controllare anche anche la nostra rabbia.

47

Acquisire una maggiore sicurezza

Inoltre, se non vogliamo apparire delle persone deboli, dobbiamo a tutti i costi saperci controllare in determinati momenti; urlare, infatti, è un sintomo di insicurezza: quando cominciamo a dimenarci, stiamo mostrando agli altri la nostra assoluta fragilità. Per evitare di cadere sempre nello stesso errore, è molto importante cercare di rilassarsi prima di parlare e fare diversi respiri, pensando a come esprimere al meglio il nostro concetto.

Continua la lettura
57

Stare in silenzio e riflettere

È importante sottolineare che anche se urlare sembri un buon metodo per scaricare l'ira, in realtà è esattamente il contrario. Infatti, con tale atteggiamento non facciamo altro che incrementarla, poiché strillare mette ancora più agitazione. Il modo per cercare di diminuire la rabbia è invece quello di fermarsi in silenzio e riflettere, oltre tutto è scientificamente provato che faccia male alla salute. Al fine di essere capaci di controllare le urla durante un forte attacco di rabbia, è importante pensare di sostituire questo stato d'animo con un altro di diversa natura. Sappiamo benissimo che il ripromettersi di evitare di strillare alle prossime occasioni, sia molto facile ma che poi mettere in atto queste promesse non sia altrettanto semplice. Quindi per evitare di agitarsi ed alzare la voce è necessario esercitarsi parecchio in modo di essere capaci di gestire le proprie reazioni. Ricordiamoci che non c'è un vero motivo per alzare la voce, ma è solo un momento di fragilità in cui vogliamo far emergere le nostre contrarietà, ma i nostri pensieri vengono ascoltati meglio quando sono detti con tranquillità.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Siate sereni, e ogni volta che vi accorgerete che la rabbia vi sta per sovrastare fate un passo indietro e ristabilite la calma in voi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come vincere la fobia degli scarafaggi

Molto spesso succede di essere spaventati da qualche animale. Spesso, sopratutto nel caso delle donne, queste ultime si spaventano davanti a grilli, cavallette o scarafaggi, sicuramente molto fastidiosi. Se anche voi rientrate in queste categorie, allora...
Psicologia

Come imparare a gestire la rabbia

La rabbia è uno stato psichico che viene generato da alcune provocazioni capaci di eliminare i freni inibitori che in condizioni normali vanno a stemperare le scelte di un soggetto. La rabbia è quindi un stato d'animo che non fa bene all'uomo per cui...
Psicologia

Come placare la rabbia

Questo è un argomento che calza a pennello per molti di noi: la rabbia. Non c'è cosa peggiore che sentirsi arrabbiati con il resto del mondo perché si corre il grave rischio di venire additati eternamente come individui rabbiosi ed aggressivi, con...
Psicologia

Consigli per una sana vita di coppia

Vivere in due non è mai tutto rose e fiori, come vorrebbero far credere fiction e romanzi. Vivere insieme a un'altra persona, col passare del tempo e con il sedimentarsi delle emozioni, richiede un notevolissimo impegno da parte di entrambe le parti,...
Psicologia

Come superare la paura di un esame

Inizieremo col dire che, soprattutto durante il periodo universitario, è assolutamente normale che un esame diventi per noi, in quel momento, quasi la ragione unica della nostra vita. Libri, appunti, giornate intere trascorse a studiare nella speranza...
Psicologia

Come dire al partner di volere un figlio

La decisione di avere figli è sicuramente una delle più importanti che si debba prendere se si ha una relazione. Essa influenza, infatti, non solo il presente ma il futuro della coppia in questione e non può certamente essere presa con leggerezza.Ogni...
Psicologia

Come crescere dei figli sicuri di sé

L'insicurezza degli adulti trova sempre la sua origine nell'infanzia. Il maggior ostacolo ad un corretto sviluppo emotivo e alla conseguente espressione delle capacità individuali è la mancanza di autostima nei bambini, come confermano gli psicologi...
Psicologia

Come superare un colloquio

Un colloquio rappresenta un momento importante per la vita di una persona in quanto potrebbe essere la chiave per aprire una nuova porta nel complesso mondo del lavoro. Per questo spesso ci si domanda come superare un colloquio, come affrontarlo al meglio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.