Come evitare lo stiramento degli adduttori

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Praticare esercizio fisico è molto importante per la salute. È un'attività che si dovrebbe svolgere in ogni fase della propria vita. Bambini, adulti e anziani possono ugualmente tenersi in forma. Naturalmente per ogni età esistono carichi di lavoro diversi e tipi di esercizi adatti. Ma c'è un'eventualità molto importante da non sottovalutare mai. Il rischio infortuni è infatti sempre presente, qualunque sia lo stato di forma. Uno stiramento muscolare potrebbe sempre essere in agguato. Chi pratica attività che mettono sotto sforzo soprattutto le cosce sa quanto gli adduttori siano a rischio. Ma come evitare lo stiramento di questo gruppo muscolare? Scopriamolo insieme.

25

Occorrente

  • Corretta postura
  • Esercizi di riscaldamento e allungamento prima e dopo l'attività
  • Giusto abbigliamento, soprattutto in inverno
  • Corretta idratazione del corpo e ossigenazione dei tessuti
  • Osservare i tempi di riposo utili al muscolo per rigenerarsi
35

I muscoli adduttori si trovano sulla coscia. All'altezza dell'inguine, nella parte interna, troviamo il muscolo adduttore lungo. Il grande adduttore e l'adduttore breve fanno anch'essi parte dei muscoli mediali della coscia. La loro funzione, come suggerisce il nome, è quella di addurre le cosce. In altre parole permettono di avvicinare gli arti al nostro piano sagittale. Allenare questo gruppo muscolare è molto importante per ogni atleta. Ma ogni volta che ci alleniamo esiste il rischio di infortuni. Stiramenti, strappi e altre lesioni possono capitare anche al più attento tra gli sportivi. Esiste un modo per evitare del tutto uno stiramento?

45

Potremmo dire che per evitare al 100% un simile infortunio bisognerebbe non muoversi affatto. E non intendiamo soltanto evitare lo sport. Uno stiramento a carico degli adduttori può colpire anche una persona comune. Un movimento particolare, magari troppo deciso delle cosce potrebbe portare a uno stiramento. Ciò che possiamo fare è prevenire l'insorgenza del problema. Come? Ci sono delle regole da seguire per ridurre il rischio stiramento. Per prima cosa bisognerebbe sempre effettuare una fase di riscaldamento. Ciò vale sia per gli sportivi più incalliti sia per i principianti. Dobbiamo sempre essere nelle condizioni migliori per eseguire uno sforzo. Se siamo in condizioni precarie di salute, per esempio, il rischio infortunio è più alto.

Continua la lettura
55

Il luogo in cui svolgiamo i nostri esercizi può influire sulla bontà degli stessi. L'area in cui ci alleniamo deve essere praticabile. Della corsa su terreni sconnessi, per esempio, può aumentare il rischio stiramento. È bene mantenere al caldo i muscoli, specialmente in inverno. Indossiamo pantaloni che mantengano la temperatura e proteggano gli adduttori. Fondamentali gli esercizi di allungamento. Questi consentono di rendere più elastici i muscoli e ridurre quindi l'eventualità di stiramento. Curiamo sempre la nostra postura e concediamo ai muscoli il giusto periodo di riposo.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Salute

I consigli per dormire con il mal di schiena

Chi di noi non ha mai avuto un mal di schiena? Lenire questi malanni non è facile, andiamo sempre di corsa movimenti sbagliati, mancanza di attività fisica, elementi che contribuiscono alla sofferenza. In questa guida cercheremo di dare i consigli...
Salute

5 modi per evitare mal di schiena da scrivania

Il mal di schiena da scrivania è uno dei malesseri più ricorrenti e considerati di natura moderna. Purtroppo i lavori sedentari e che costringono ad ore e ore in posizione seduta sono moltissimi e spesso sono anche causa di cattiva circolazione alle...
Salute

8 cose imbarazzanti che nessuno ammette di fare

Capita di tanto in tanto di ritrovarci ad eseguire dei gesti o delle cose imbarazzanti che di fronte ad altre persone non ci sogneremmo mai di fare. Per questo motivo abbiamo pensato proprio a questa semplice lista, che possa menzionare almeno le prime...
Salute

Gli esercizi e i rimedi per alleviare il mal di gambe

I dolori alle gambe non sono certamente belli da sopportare e a volte, a seconda del grado di dolore, ci vogliono giorni o anche settimane prima di scomparire del tutto. In condizioni doloranti non riusciamo a far fronte a tutte quelle attività che quotidianamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.