Come essiccare i fiori di lavanda

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La lavanda è una pianta che produce dei piccoli fiori profumati di colore viola. Se ne trovano diverse tipologie, che vengono generalmente impiegate sotto forma di olio essenziale, tintura madre o anche estratto alcolico. Al di là del semplice utilizzo in campo cosmetico per massaggi, inalazioni e bagni, la lavanda è un rimedio naturale piuttosto efficace contro le patologie respiratorie, i disturbi della circolazione e il mal di testa. Le sue doti tranquillanti la rendono perfetta per lenire l'ansia e limitare l'insonnia. I fiori di lavanda si possono conservare facilmente finché non raggiungono l'essiccazione. Il procedimento non è affatto difficoltoso, quindi ci basterà seguire poche semplici indicazioni. Vediamo allora come essiccare i fiori di lavanda dopo la raccolta, che si effettua all'inizio dell'estate.

27

Occorrente

  • Fiori di lavanda
  • Sacchetti di tessuto
37

Dove cresce la lavanda e come coltivarla

La lavanda riesce a resistere ai terreni aridi, difatti cresce sotto il sole e si adatta a diverse condizioni climatiche. In Provenza si trovano immense distese di lavanda, ma questa profumatissima pianta cesce anche qui da noi, soprattutto al Sud. Le foglie della lavanda sono lineari e hanno un colore verde-grigio. Sui lunghi steli crescono dei piccoli fiori a forma di spighe che emanano un gradevole profumo. Per quanto riguarda la coltivazione, occorre piantare il seme che si trova all'interno del frutto della lavanda, ossia l'achenio. Il terreno da utilizzare deve risultare ben drenato e argilloso. Inoltre non deve esserci ristagno d'acqua. La fioritura avviene nel periodo di Giugno/Luglio. Appena termia, si possono potare gli steli che contengono i fiori.

47

Raccogliere e far essiccare i fiori di lavanda

I fiori di lavanda si dovrebbero raccogliere verso i primi giorni del mese di Giugno, oppure nel momento in cui la fioritura si trova al culmine. La fioritura iniziale della pianta ci serve solitamente per uso erboristico. Per uso cosmetico, invece, meglio raccogliere i fiori verso l'inizio di Luglio. Il fusto va tolto per intero dalla terra e il fiore deve essicare a testa in giù, in un posto all'ombra. Se esponiamo i fiori alla luce diretta del sole, rischiamo di farli scolorire. Quando l'essiccazione bolge al termine, andiamo a separare il gambo e conserviamolo in sacchetti di tela. Possiamo anche usare dei recipienti di altro tipo per aromatizzare le stanze o la biancheria.

Continua la lettura
57

Utilizzare i fiori essiccati per curare il mal di testa, rinfrescarsi e allontanare gli insetti

Se soffriamo di emicrania, potremmo preparare un ottimo infuso alla lavanda proprio ricorrendo ai fiori essiccati. L'infuso ai fiori di lavanda si mettonono in infusione in 200 ml di acqua calda. Utilizziamo circa 10 grammi di fiori e lasciamoli in tazza per circa 3 minuti. Consumiamo la tisana ancora calda e vedremo passare il mal di testa in men che non si dica. L'acqua di lavanda, invece, si può utilizzare tranquillamente per rinfrescarsi, poiché ci restituisce immediatamente un senso di freschezza e tiene lontani gli insetti durante i mesi estivi.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Andare in un campo di lavanda in fiore acquieta la mente e lo spirito.
  • Diffondere aroma di lavanda nell'ambiente di casa aiuta a stare più calmi e rilassati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come essiccare le erbe per le tisane

Le erbe medicinali sono davvero tantissime; grazie ad esse si possono realizzare tisane per diversi trattamenti terapeutici, come quelle drenanti e digestive. Tuttavia le erbe per la preparazione di tisane devono essere essiccate e conservate per poi...
Rimedi Naturali

Come migliorare il sonno con l'olio essenziale alla lavanda

Gli olii essenziali sono conosciuti da sempre come un validissimo aiuto offertoci da Madre Natura. Grazie alle svariate proprietà benefiche che presentano, vengono impiegati per la risoluzione dei grandi e piccoli problemi della nostra quotidianità....
Rimedi Naturali

Come Essiccare La Camomilla Per Gli Infusi

La camomilla, il cui nome scientifico è Matricaria chamomilla, è un'erba officinale appartenente alla famiglia delle Asteraceae. È molto comune e diffusa, conosciuta e usata principalmente in infusi per i suoi effetti rilassanti. La pianta è annuale...
Rimedi Naturali

Fiori di Bach per agorafobia

Agorafobia significa letteralmente paura degli spazi aperti. Questa tipologia di disturbo ha comunque aspetti complessi che non si limitano a questa definizione e spesso, provocano diverse difficoltà per chi li vive. I sintomi più comuni sono smarrimento,...
Rimedi Naturali

Guida alle piante che allontanano le mosche

Le mosche sono probabilmente tra gli insetti più fastidiosi che esistano. Sebbene esse non creino particolari problemi per la salute dell'uomo, possono rappresentare un vero e proprio tormento. Generalmente le mosche cominciano ad infastidire con l'aumentare...
Rimedi Naturali

Come Fare Lo Sciroppo Di Tarassaco

Vi sono in Italia moltissime piante, alcune anche molto comuni e diffuse su tutto il territorio, che possiedono notevoli proprietà terapeutiche. Il Tarassaco o più comunemente conosciuto come Dente di leone, è un'erba ricca di vitamine e minerali,...
Rimedi Naturali

5 tisane per dormire tranquilli

Lo stress quotidiano, l'ansia, i ritmi frenetici a cui quotidianamente siamo sottoposti, i malesseri vari, i problemi familiari o lavorativi, i tanti pensieri che la sera a letto affollano la nostra anima ci impediscono di riposare in modo sano. Il sonno...
Rimedi Naturali

Consigli per la perfetta essiccazione della malva

La malva, dal caratteristico colore che tira al violetto, è una pianta graziosa e conosciuta per le sue proprietà: è emolliente, allevia le infiammazioni, vanta proprietà lassative e può essere utilizzata anche per concedersi un pediluvio rilassante....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.