Come esercitarsi a usare la forza della propria mente

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Le azioni umane vengono eseguite grazie alla propria fisicità ed alla propria mente. Quest'ultima permette di agire, di muoversi e di superare gli ostacoli che la vita pone davanti. Questo semplice tutorial ha l'obiettivo di dare degli utili consigli e delle corrette informazioni su come esercitarsi a usare la forza della propria mente e comprendere la sua potenza. Con un esercizio periodico si ha la possibilità di rendersi conto di quanto si può diventare forti pensando, immaginando oppure credendo di esserlo. È un esercizio giapponese abbastanza facile da realizzare.

24

È indispensabile per la realizzazione dell'esercizio la presenza due persone, altrimenti non è possibile eseguirlo. Tutto può diventare più interessante se l'esercizio viene fatto alla presenza di altre persone. Il primo passo da fare è quello di unire il proprio indice con il pollice in modo da formare un piccolo cerchio con le dita. Successivamente bisogna chiedere alla persona presente di cercare di staccare le due dita. Logicamente si deve opporre una certa resistenza, ma nonostante tutto dopo pochi secondi le dita vengono separate facilmente.

34

Per controllare il proprio corpo bisogna prendersi alcuni minuti di tempo e concentrarsi sulla propria mano e specificamente sull'indice e sul pollice. Dopo che sono stati uniti nuovamente per formare un cerchio si deve: chiudere gli occhi, respirare e cominciare a concentrarsi. Occorre ripetere mentalmente che le proprie dita sono un anello di acciaio duro, irremovibile che nessuno può distruggere in quanto è indistruttibile. Se si ripetono queste frasi nella propria mente si ha la convinzione che le proprie dita sono veramente d'acciaio e che nessuno può separarle in quanto sono un anello che non ha punti deboli. La concentrazione è fondamentale per raggiungere uno status ottimale.

Continua la lettura
44

Dopo aver raggiunto la giusta concentrazione bisogna chiedere nuovamente l'intervento della persona. Quest'ultima deve provare ancora una volta a separare le dita. Adesso è estremamente difficile, anzi per il 90% delle volte è assolutamente impossibile fare la separazione. Ciò si verifica in quanto, a differenza della prima volta in cui è stata opposta solo la propria forza fisica, adesso contribuisce anche la forza della mente. Quest'ultima infatti si è convinta che le proprie dita sono un anello di metallo per cui aumenta sensibilmente la resistenza e rende impossibile la separazione.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come liberare la mente

La vita odierna con i suoi ritmi e le mille cose da fare ci mette sotto pressione. Ci sono mille cose da fare, figli da accompagnare a scuola, lavoro, genitori anziani che hanno bisogno di aiuto, incombenze domestiche, insomma, tutti ci divincoliamo e...
Psicologia

Come allenare la mente

In ogni contesto in cui ci troviamo, a scuola, sul lavoro e nella vita di tutti i giorni, il cervello è il motore che ci spinge ad essere più competitivi, efficienti e svegli. Trattandosi di un muscolo, il cervello deve essere allenato in modo costante....
Psicologia

Come riposare la mente

Nella frenesia di tutti i giorni è sempre più difficile trovare un momento per sé, rilassarsi e cercare di pulire la mente da tutte le preoccupazioni della giornata. Lo stress a cui siamo costantemente soggetti, infatti, rischia di portarci spesso...
Psicologia

Come mantenere la mente giovane e allenata

I progressi della medicina hanno fatto passi da gigante, permettendo di allungare la vita e di migliorarne la qualità stessa. Oggi arrivare anche alla "quarta età", quindi toccare e superare i 90 anni, non è più cosi raro. Per tale motivo è importante...
Psicologia

Come distrarre la mente da un pensiero fisso

La mente è uno dei meccanismi più complicati e difficili da gestire. Spesso può capitare di essere colti da un unico pensiero che non riusciamo a toglierci dalla testa. Pensieri fissi e azioni incontrollabili non riguardano solamente soggetti disturbati...
Psicologia

Come riconoscere chi mente

La guida che andremo ora a sviluppare tratterà un argomento che, a parer mio, è davvero interessante: la fisiognomia. Nello specifico, cercheremo di sviluppare un ragionamento per rispondere a questo dubbio che guida l'uomo dall'eternità, che è la...
Psicologia

Come esercitarsi per parlare in pubblico

Parlare in pubblico, soprattutto nell'era in cui la comunicazione è molto importante in qualunque ambito, puó risultare difficile ma inevitabile. Pensate alla situazione in cui dovete sostenere un esame, discutere la tesi di laurea, presentare un vostro...
Psicologia

Bugie: come scoprire chi mente

La fiducia è, senza dubbio, un elemento fondamentale su cui si basano le relazioni interpersonali. Quando questa viene meno, quando il nostro partner, o un amico, o un familiare, ci racconta, ad esempio, delle bugie, è davvero difficile tornare a credere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.