Come eliminare il tartaro con rimedi naturali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il tartaro dentale si va a depositare sulla superficie esterna dei denti, oppure all'interno della gengiva. Il colore è molto variabile, può essere giallastro, marrone o nero, così come sono di varia natura anche le cause che provocano il suo accumularsi. Tra le più note possiamo riscontrare una cattiva igiene orale e il consumo eccessivo di zuccheri, grassi, caffeina, teina e tabacco. Il tartaro superficiale si può ridurre notevolmente o, addirittura, eliminare mettendo in pratica dei semplici accorgimenti quotidiani e dei rimedi naturali, ovviamente rispettando le giuste dosi consigliate. Un sovradosaggio o un utilizzo improprio dei rimedi casalinghi, infatti, può causare problemi più sei come ipersensibilità al freddo e/o al caldo, irritazione alle gengive, oppure danni irreversibili allo smalto dei denti.

27

Occorrente

  • adeguata strumentazione per una corretta igiene orale
  • frutta
  • bicarbonato di sodio
  • salvia
37

Il miglior metodo per eliminare il tartaro che è ancora superficiale è la cura dell'igiene orale. I denti vanno lavati al termine di ogni pasto, e spazzolati con cura per almeno 120 secondi. Si consiglia l'uso di dentifrici naturali e biologici, privi di sostanze aggressive per il pH della bocca. Di fondamentale importanza è l'utilizzo del filo interdentale, che deve essere usato ogni sera: solo in questo modo saremo sicuri di eliminare tutti i residui di cibo. Una mela al giorno, come dice il famoso proverbio, si classifica tra i rimedi naturali più efficaci per ridurre l'ingiallimento dei denti. Il frutto, infatti, contiene un'adeguata percentuale di acido malico, elemento che consente di schiarire la dentatura.

47

Anche il bicarbonato di sodio, inoltre, ha notevoli proprietà sbiancanti. Entrando in contatto con sostanze acide, il bicarbonato libera anidride carbonica formando una schiuma effervescente. Consente di eliminare la placca batterica, i residui di cibo e di riequilibrare il pH del cavo orale. Un uso sconsiderato di questo elementto genera un'azione erosiva dello smalto, per cui cercate di non eccedere e, soprattutto, ricordate che non va utilizzato puro sullo spazzolino, ma come colluttorio. È sufficiente scioglierne un cucchiaino da thè in un bicchiere d'acqua, e usare la soluzione come un normale disinfettante per la bocca. Ciò che, invece, non dovete assolutamente utilizzare sono l'acqua ossigenata per gli sciacqui, che non rientra proprio tra i rimedi naturali contro il tartaro, e il perossido d'idrogeno, che causa infiammazioni alle gengive ed ai tessuti molli della bocca.

Continua la lettura
57

Un altro frutto, la banana, può essere utile per eliminare il tartaro superficiale. In particolare, lo sfregamento sui denti della parte interna della buccia, per 2-3 minuti, aiuta a sbiancarli senza alcun tipo di controindicazione. La salvia, invece, risulta essere uno fra i rimedi naturali più antichi utilizzati per questo scopo. Basta sfregare una foglia sui denti per rimuovere la placca batterica e rallentarne la riformazione. Ancora, possiamo sfruttare le proprietà del succo di limone, che va preferibilmente utilizzato una volta a settimana come colluttorio. L'acido ascorbico contenuto in esso, infatti, ha un forte potere corrosivo e demineralizzante, per cui, dopo averlo utilizzato, ricordate di attendere un'ora prima di lavare i denti con spazzolino e dentifricio.

67

Infine, vi ricordo che un'accurata igiene orale va effettuata anche dal vostro dentista di fiducia o da un igienista dentale. Questi specialisti, infatti, possiedono degli strumenti adeguati per rimuovere il tartaro sia superficiale che profondo e, inoltre, possono verificare se questo ha provocato delle lesioni e, nel caso, porre rimedio. Bisognerebbe effettuare la pulizia dei denti dallo specialista almeno 3 volte l'anno.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • E' assolutamente vietato l'uso dell'acqua ossigenata al di fuori degli studi medici. L'uso frequente di basse concentrazioni per sciacqui causa l'irritazione delle gengive e degli altri tessuti molli del cavo orale.
  • Pur trattandosi di rimedi naturali, è importante rispettarne il dosaggio. Un uso sconsiderato può comportare gravi conseguenze.
  • In caso di tartaro sedimentato da molto, rivolgersi al dentista di fiducia

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Rimedi Naturali

Come eliminare il cattivo odore dalle ascelle con rimedi naturali

Sudare è fisiologico ed è una normale conseguenza del processo di traspirazione della pelle. Quando però il sudore si sedimenta nella zona ascellare, i batteri presenti nell'epidermide cominciano a moltiplicarsi esponenzialmente. Questo provoca un...
Rimedi Naturali

10 rimedi naturali per eliminare le cicatrici

Nel corso della vita, tutti noi ci siamo procurati cicatrici più o meno evidenti per il motivi più disparati: segni lasciati da una brutta varicella, sgradevoli tracce lasciate dall'acne che ci ha afflitti durante la nostra adolescenza, punti di sutura...
Rimedi Naturali

Come eliminare i porri della pelle con rimedi naturali

Prendersi cura della propria pelle è piuttosto importante, ma alle volte capita di avere dei problemi e trovarsi fastidiosi porri in parti delicate del corpo. Vederli non è per nulla bello, e averli sul proprio corpo ancora meno, ecco perché bisogna...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per eliminare le macchie solari

Il sole grande benefattore per la salute dell'uomo, a volte dannoso per la pelle, causando le brutte e fastidiose macchie scure che accumulandosi sulla nostra pelle la rendono poco gradevole. Questo succede a causa di un'elevata concentrazione di melanina....
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per eliminare la forfora

La forfora è uno degli inestetismi più diffusi e odiato tanto fra gli uomini quanto fra le donne. È un disturbo causato dall'eccessivo ricambio delle cellule che compongono l'ultimo strato di pelle sul capo, che muoiono prima del tempo e si staccano,...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per le abrasioni

Le abrasioni della pelle sono delle leggere escoriazioni provocate dall'urto o dallo sfregamento con delle superfici specifiche. Seguendo alcuni semplici accorgimenti, riuscirete a curare la ferita evitando, così, l'insorgere di cicatrici antiestetiche....
Rimedi Naturali

Rimedi naturali per la pelle dura dei piedi

Nonostante siano una delle parti del corpo meno visibili, i piedi rivestono una parte importante ed un possibile punto di forza per la nostra salute e la nostra bellezza. Per questo non dimentichiamoci mai di riservare ai nostri piedi la stessa cura quotidiana...
Rimedi Naturali

Rimedi naturali contro la diarrea

A tutti è capitato di avere la diarrea. La diarrea è senza dubbio una condizione poco auspicabile. A volte si presenta in seguito all'ingerimento di cibi avariati o accostamenti di cibi sbagliati, altre volte invece è una condizione inevitabile che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.