Come difendersi dal bullismo in rete

Tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il bullismo in rete, noto come cyberbullismo, è un fenomeno sempre più diffuso. I fatti di cronaca sono ormai pieni di vittime del bullismo in rete. Questa tipologia di bullismo è ancora peggio di quella tradizionale, perché non conosce confini. Il bullismo tradizionale di solito è limitato ad un gruppo di persone e ad un ambiente preciso come: la scuola, il lavoro, la propria compagnia di amici, la palestra. Per liberarsene e non avere più problemi, spesso è sufficiente: cambiare scuola, quartiere, farsi nuovi amici, chiedere un trasferimento sul lavoro. Il bullismo in rete invece è molto più complesso, non ha confini, gira sui social e non si sa a quante persone vengono coinvolte. Alla fine si è presi di mira anche da perfetti sconosciuti, che si basano sulle pubblicazioni altrui. In più il bullismo in rete può riguardare persone di tutte le età e non solo ragazzini. Difendersi ed evitarlo diventa difficile, ma è possibile. Esistono dei modi per difendersi dal bullismo in rete. Prima di vedere quali è bene sapere, che la cosa migliore è interrompere immediatamente il fenomeno.

24

Non fidatevi

Se volete davvero evitare il bullismo in rete, evitate di inviare ad amici e fidanzati foto e video hard, o che vi ritraggono in condizioni un po sconce. Spesso il bullismo in rete comincia proprio cosi. Purtroppo questa pratica è ormai molto diffusa sia dai giovanissimi, specie dalle ragazzine, che dai meno giovani. Molte ragazze, anche a 30 40 anni, temono di essere abbandonate dal proprio ragazzo. Se fanno certe richieste e vi ricattano cosi, meglio lasciar perdere certi amici o fidanzati. Chi vi vuole davvero bene non ha grande interesse ad avere un vostro video hard, ma preferisce incontrarvi e fare sesso con voi. Che se ne fa il vostro ragazzo di un vostro video o una vostra foto nuda, quando può vedervi e stare con voi? Chiedetevelo e chiedetelo a lui. La sua risposta, o il suo silenzio, saranno molto indicativi. In ogni caso non fidatevi, purtroppo non ci sono garanzie che, lui terrà il video o le foto solo per se. Non date a queste persone la possibilità di ricattarvi e deridervi. Se però queste cose vi piacciono e volete proprio farle, abbiate almeno il buon senso di non essere riconoscibili. Non mostrate mai il vostro volto, o qualcosa che possa ricondurvi a voi, come un particolare segno sulla pelle o un tatuaggio. Non mostrate nemmeno il pavimento di casa. In questo modo anche se i vostri video e foto finiscono in rete, nessuno potrà dimostrare che siete proprio voi.

34

Sparire dai social

Un altro modo per difendersi dal bullismo in rete è sparire dai social e chiedere ai nostri amici di non diffondere video e contenuti contro di noi. Se siete presi di mira su un social preciso, sparite! Di solito si viene presi di mira sul social blu, perché è il social più usato, ma nulla vieta che possano essere coinvolti più social. Si può essere oggetto di scherno solo in un gruppo o una pagina del social, oppure sul proprio profilo. Nel caso di un gruppo o di una pagina, normalmente è sufficiente abbandonare quel gruppo o non seguire più quella pagina. Se chiamate la polizia postale, sarà la prima cosa che vi dirà. Non insistete a battibeccare su quel gruppo, cercando di far valere le proprie ragioni o di difendervi. Appena vi accorgete che siete diventati oggetto di scherno, e quindi vittima di bullismo in rete, qualunque ne sia il motivo, lasciate perdere ed abbandonate il gruppo o la pagina. Difficilmente qualcuno vi cercherà. Se invece si è presi di mira sul proprio profilo le cose sono più difficili, ma la difesa è sempre possibile. Se il bullismo in rete è ancora in fase iniziale, eliminate dagli amici chi comincia a crearvi problemi. Se invece siete proprio vittime di bullismo in rete, eliminate il vostro profilo. Sparite proprio da quel social. Se vi rifate un profilo, usate un nome ed una foto diversi e non riconducibili a voi. Escludete tutte le persone che vi hanno fatto diventare oggetto di bullismo in rete, ed escludete anche chi ha contribuito. Chiedete ai vostri amici di non pubblicare e non commentare i contenuti contro di voi. In questo modo la loro diffusione verrà interrotta. Nel frattempo dovreste almeno aver cambiato compagnia ed avere nuovi amici e contatti. Non fate l'errore di contattare o aggiungere persone che potrebbero far ricominciare tutto. Se chi vi derideva in rete, vede che non ci siete più, non avrà più interesse a continuare.

Continua la lettura
44

Chiedete aiuto

Infine un ultimo modo per difendersi dal bullismo in rete è chiedere aiuto. Evitate di isolarvi, da soli diventa davvero un problema uscirne. Parlate con qualcuno: un fratello o sorella maggiore, un genitore, un insegnante se siete ancora a scuola, un adulto, infine la polizia postale. A differenza del mondo reale, la rete da un vantaggio enorme: il tempo. In rete possiamo prenderci tutto il tempo per rispondere e studiare una strategia, non siamo obbligati a rispondere a volo, come nel mondo reale. Prima di cominciare una discussione in propria difesa, con chi ci prende in giro, chiamate qualcuno e chiedete consiglio. Se siete in casa, un fratello maggiore o un genitore vi aiuteranno. La cosa migliore è non rispondere proprio. Se siete fuori casa, potete anche chiedere consiglio ad un insegnante, facendogli leggere cosa vi scrivono. Se sono compagni di scuola i provvedimenti contro di loro non tarderanno. Potete anche chiedere aiuto alla polizia postale. In fase iniziale è facile che vi diano dei semplici consigli, senza confondersi troppo. La polizia postale interviene quando ormai la cosa vi è sfuggita di mano ed è veramente grave. Può chiedere ai gestori del social di rimuovere i contenuti ingiuriosi contro di voi, però una volta tolti, spesso vengono rimessi in rete. A quel punto come già detto, meglio sparire dai social, cambiare amici e scuola, se anche i compagni di scuola sono coinvolti. Ricordatevi che si vive benissimo anche senza social, fuori dalla rete esiste un mondo tutto da vivere e da scoprire.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Psicologia

Come difendersi da persone aggressive

Capita spesso, purtroppo, di ricevere insulti e provocazioni durante la giornata e di venire sopraffatti dalle ingiurie di qualcuno. Reagire in tempo e in modo corretto può essere piuttosto complicato, soprattutto se non si sa come fare. In questa guida...
Psicologia

Come reagire a un insulto dei compagni di scuola

Il bullismo è uno spiacevole aspetto della vita scolastica. Si manifesta con comportamenti violenti fisici, verbali o indiretti (discriminazioni, molestie, coercizioni, plagio, offese, mormorazioni). Viene praticato da un compagno di classe o da un...
Psicologia

Come capire un disagio del bambino

Se avete un bambino piuttosto piccolo e notate che si comporta in modo strano, appare chiuso in se stesso o è disobbediente in modo eccessivo, è importante analizzare a fondo la situazione e cercare di capire se vi è un eventuale disagio alla base....
Psicologia

Come interpretare il non voler andar a scuola di un bimbo

La scuola ha senza dubbio un ruolo importantissimo nella vita e nell'educazione dei bambini, anche dei più piccoli. Frequentare la scuola significa infatti non solo apprendere delle conoscenze e regole di comportamento, ma imparare ogni giorno a relazionarsi...
Psicologia

Come esercitare la memoria a lungo termine

I ricordi a lungo termine, naturalmente sbiadiscono quando si invecchia, questo è del tutto normale. In generale l'effetto è aggravato dallo stress e dalle malattie, quindi vale la pena creare un sano stile di vita a basso stress e mantenere il sistema...
Psicologia

Le maggiori paure degli adulti

Il fatto di essere emancipati, indipendenti, con una famiglia alle spalle non ci rende esenti dal provare paura. È nella natura umana avvertire il senso del pericolo e per questo aver paura.Esistono, però, fobie che mettono in discussione il nostro...
Psicologia

Come riprendere in mano la propria vita dopo un lutto

Le disgrazie avvengono tutti i giorni, e nessuno ne è esente. Ma molto spesso però ci si lascia andare allo sconforto e difficilmente si riesce a tornare a galla. Il dolore che si prova quando ci si trova di fronte ad un lutto, soprattutto se è improvviso,...
Psicologia

Come vincere l'ipocondria

L'ipocondria è una forma d'ansia molto particolare che interferisce con la normale vita di tutti i giorni. Questo disturbo psicologico si manifesta con un' abnorme paura di avere una malattia mortale o molto grave anche quando i medici assicurano che...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. ATTENZIONE: tali contributi in nessun caso possono costituire la prescrizione di un trattamento o sostituire la visita specialistica o il rapporto diretto con il proprio medico curante. È pertanto necessario consultare SEMPRE il proprio medico curante e/o specialisti. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.